Tutte le novità di FM-world per l’estate

Arriva l’estate e FM-world si rinnova: parliamo del nostro aggregatore radio e TV ma anche della testata FM-world.it. Si tratta di una prima serie di migliorie tese a rendere quello che a oggi è il principale hub italiano dedicato al broadcasting radio sempre più fruibile agli utenti finali. E, contemporaneamente, sempre più efficace come veicolo promozionale per aziende ed emittenti.

Oltre 89.000 radio, 500 utenti contemporanei in Prime Time

Partiamo da FM-world, l’aggregatore multipiattaforma, che ospita ormai oltre 89.000 emittenti radio (tra italiane e estere) e 120 streaming video. Gli ultimi dati che abbiamo potuto recuperare dal datawarehouse del server parlano di circa 400.000 sessioni al mese (definiti come “ascolti di una stazione per una durata superiore al minuto”) con circa 500 utenti connessi contemporaneamente durante le ore del Prime Time radiofonico.

L’aggregatore

La prima miglioria, richiesta da tanti utenti abituati a TikTok e Instagram è lo scrolling verticale dell’elenco delle app, in arrivo a breve negli store iOS e Google Play:

Oltre ad essere un metodo ormai più naturale di navigare le app (la nostra “memoria muscolare” è ormai allenata) il sistema elimina il concetto stesso di essere “solo in quinta pagina” piuttosto che – ad esempio – “in prima pagina”.

Dashboards

Rinnovata anche l’interfaccia per le auto connesse, ora perfettamente integrata nel “look & feel” di Apple Car Play e Android Auto.

SmartTV & more

Fronte SmartTV, l’aggregatore è ora disponibile in versione nativa su ricevitori Samsung (Tizen) e LG (WebOS) oltre che su piattaforma Windows e XBOX (come UWP, Universal Windows Platform.

Portale FM-World

Il portale FM-world è senza dubbio uno dei punti di riferimento per professionisti, appassionati e semplici ascoltatori della Radio. Anche qui abbiamo effettuato una query per ottenere le ultime statistiche, relative a inizio giugno 2024: il sito raggiunge oltre 40.000 utenti/mese con quasi 100.000 pagine viste (e lette). Stiamo parlando dei numeri della testata e non del gruppo Facebook associato, “Talkmedia” (che non siamo in grado di valutare, ma probabilmente sono anche superiori).

Fruibilità del sito

Con decine di nuovi articoli pubblicati ogni settimana, FM-world informa su tutto quanto accade nel mondo della radiofonia italiana. Ma spesso questa completezza porta ad una difficoltà di fruizione: per questo è stato implementato un menu “Categorie” a tendina, dove gli articoli relativi alle classifiche, agli eventi, ai palinsesti e alle informazioni destinate ai professionisti del settore sono chiaramente separati.

Nuovi pacchetti promozionali

Infine, l’editore di FM-world, 22HBG, ha messo a punto degli interessanti pacchetti promozionali che riguardano sia il posizionamento in “Prominence” nella app che la possibilità di un approfondimento sulla propria emittente proprio sulle pagine del portale FM-world. Con un formato simile a quello utilizzato al lancio di Monkey’s radio, visibile qui. (M.H.B. per FM-World)

Ettore Andenna e Wally Giambelli: “Dalla prima RMC a Radio Liscio passando per Antenna3 Lombardia”

Dalla primissima Radio Monte Carlo (quella dei 205 metri) alla TV di Stato, per passare alla ‘regina’ delle TV libere lombarde e tornare oggi nuovamente in Radio, questa volta in digitale. Questa parte del percorso professionale di Ettore Andenna, che – in occasione del restauro della registrazione della serata inaugurale di Antenna 3 Lombardia – ci parla insieme a Wally Giambelli di quegli storici anni.

Antenna 3 Lombardia

In un anno – il 1977 – in cui tante radio private usavano ancora mixer auto costruiti e piatti giradischi comprati al negozio sotto casa,  A3L era una startup digitale ante litteram: nata con  un crowdfounding (che immaginiamo il fondatore Renzo Villa chiamasse diversamente) e attenta al geo-targeting, A3L si era dotata di cinque studi con le mai viste prima telecamere Ampex BCC 10 e attrezzature professionali quali i VCR a 2″.

Ed è proprio grazie a questi apparati – che registravano alla massima risoluzione possibile del PAL (le famose 625 linee) – e a un po’ di fortuna (la famosa sede di Via per Busto non è mai stata riutilizzata) che sono giunte a noi tutte le immagini del 3 novembre 1977, visibili a piena risoluzione al termine di questo articolo. Torneremo tra poco a parlare della serata inaugurale: ma prima sentiamo cosa ci ha raccontato una delle anime di A3L, il radiofonico Ettore Andenna.

Ettore Andenna

 FM-World (M.H.B.): Tu hai iniziato in radio, nella prima RMC dei 205 metri. Poi hai avuto una lunga carriera televisiva e da poco sei di nuovo in radio. Quella di oggi, con centinaia di concorrenti e automatizzata. Come stai vivendo questa nuova/vecchia esperienza?

Ettore Andenna: Questa nuova/vecchia esperienza è molto gratificante, perché mi ricordo ancora come si fa. E poi qui a Radio Liscio non c’è nulla di automatizzato, la proprietà e la programmazione hanno voluto mantenere, con me, una forma analogica supportata dalle nuove tecnologie.

Come in boulevard Princesse Charlotte 16

Per cui la scaletta è fatta a mano, la mia regia parte a segno, quando decido io e posso cambiare cose in real time nella scaletta, quindi una vera diretta d’altri tempi. Questo mi è stato chiesto e questo faccio, perché la proprietà voleva una radio old time che mettesse in risalto l’equilibrio tra animatore e tutto il resto.

Renzo e Ettore

FM-World: Come sei venuto in contatto con Renzo Villa, come ti ha coinvolto nella sua folle impresa e come sono stati i mesi precedenti al lancio di A3l?

E.A.: Fu Renzo Villa a telefonarmi ai primi di settembre del 1977 per chiedermi un incontro. Andai e, dopo delle brevi presentazioni, m’illustrò il progetto. Mi rivelò chi aveva già aderito e mi domandò se fossi interessato a partecipare. Le sue parole esatte ed indimenticabili furono: “Io conosco perfettamente quanto prendi a Telealtomilanese, ti offro il doppio, pensaci”. Io ci pensai dai 3 ai 5 secondi e risposi: “Va bene!”

Tutto in diretta

FM-World: In quegli anni, anni ’70, tutto alla RAI era registrato e perfetto. Per registrare “Chissà chi lo sa’” che durava mi pare 30 minuti impiegavano quasi quattro ore. Ma ad A3l tutto era in diretta: hai mai dovuto gestire situazioni difficili e/o imprevisti ?

E.A.: La bellezza di A3L fu proprio la diretta ed il coinvolgimento del pubblico in diretta. Fu uno dei segreti determinanti del successo, per la prima volta il pubblico diventava partecipante della trasmissione. Certo che ci sono state situazioni difficili ed imprevedibili, ma io venivo da una radio sempre in diretta, RMC, quindi mi limitai a traslare il mio essere sempre “in campana” dalla radio alla televisione. Ed anche gli altri erano bravi a fare questo, Flauto veniva dall’avanspettacolo, Tortora era un maestro da sempre in questo e aveva lavorato moltissimo in diretta, oltre ad avere una cultura elevata, quindi ci fu un’esaltazione della diretta, ribadisco, con il coinvolgimento del pubblico, che altrove non veniva più fatto.

“Tre” novembre 1977

Veniamo alla serata inaugurale. Pochi giorni fa, il 14 giugno 2024 sono stati messi on-line due bobinoni da due ore ciascuno: l’intera trasmissione della serata inaugurale animata dal fondatore Renzo Villa, dal co-fondatore Enzo Tortora,  da Ettore Andenna e da Lucio Flauto. L’evento era  ripetuto da molte altre emittenti anche lontane (ignoriamo come fossero state collegate, magari qualche lettore può chiarirci questo punto: [email protected]).
Ecco cosa ci ha raccontato Wally Giambelli.

Wally e Renzo

FM-World: Intanto due parole per presentarti e per raccontarci la tua missione attuale,  il salvataggio della memoria storica di Antenna 3.

Wally Giambelli: La presentazione è semplicissima, ho sposato Renzo Villa nel lontano 1972 e, tra alti e bassi, siamo stati insieme fino alla sua morte nel 2010. Ho lavorato con lui solo a partire dal 1992, anno in cui “mise in piedi” il Televideo per Antennatre.

Ricordiamo che, dal 1987 il suo ruolo nell’emittente che aveva fondato era diventato quello di  responsabile degli spazi di televendite e poi, appunto, anche del televideo. Quando scrisse il libro “Ti ricordi quella sera?”, con nostra figlia Roberta, ho ripercorso anch’io  la storia di quel periodo (1977-1986) che prima avevo vissuto un po’ marginalmente, come spettatrice privilegiata ma mai come collaboratrice. Negli ultimi anni, dopo aver fondato con alcuni amici l’Associazione amici di Renzo Villa ed aver portato una mostra su Antenna 3 Lombardia a Milano e in una decina di località lombarde, mi sono dedicata al recupero e al mantenimento della memoria di quel periodo che, per la storia della televisione italiana, è stato davvero importante.

Per ricordare una tv, il sistema migliore è rivedere quello che è andato in onda e quindi, con l’autorizzazione della Direzione e insieme ad Alessandro Di Milia, amico e appassionato storico di A3L, abbiamo dato inizio all’operazione di digitalizzazione-salvataggio dell’enorme archivio di A3L. Adesso siamo a buon punto, anche grazie al fatto che le videocassette  si sono perfettamente conservate negli anni. L’obiettivo dell’Associazione è stato comunque raggiunto due anni fa, quando è stato messo online il sito www.viaperbusto15.it, che prende il nome dallo storico indirizzo di A3L, e che vi invito a visitare!

La nastroteca

FM-World: Quante cassette ci sono nella nastroteca di A3l e che periodo storico  coprono ? Registravano tutto ? 

W.G.: La nastroteca di Antenna 3 Lombardia è ricchissima di registrazioni sia del periodo che interessa a me (1977-1985) che di quello successivo. Sono centinaia e centinaia, già solo quelle dei primi 10 anni, perché si registravano tutte le trasmissioni serali (6 ogni settimana).

Risposte brevi

FM-World: Racconta brevemente come è stato realizzato il  salvataggio e il restauro dei nastri da due pollici relativi a questa prima serata.

Nota: Impossibile contenere Wally. Il racconto non è esattamente breve, ma avvincente: lo abbiamo separato ed è consultabile qui.

Pubblivori

FM-World: Vedere un programma come questo, ma anche poi le lunghissime dirette di Bingo e Bustarella permette di capire qualcosa della storia del nostro paese: come erano vestite le persone, di cosa ridevano, quali oggetti sognavano di acquistare. E le pubblicità sono davvero una passione per molti. Pensi che – oltre ai tanti segmenti di trasmissione – sarà possibile in futuro avere dei programmi tipo “la notte dei pubblivori”, il meglio delle pubblicità sia live che prodotte da terzi, ma andate in onda sul canale 52?

W.G: Programmi tv, non credo e non mi compete. Io cerco di recuperare gli spot più interessanti, a mio parere, e li pubblico sul mio canale Youtube e soprattutto sulla pagina Facebook.

Enzo Tortora

FM-World: Enzo Tortora. Lo hai conosciuto a quei tempi? Cosa puoi raccontarci?

W.G.: Con Tortora ho avuto parecchia frequentazione, ma fuori dal suo posto di lavoro… Lo stimavo moltissimo. Era coltissimo e la sua casa di Milano era strapiena di libri.

Un gentiluomo, tutto d’un pezzo, severo e rigorosissimo in ogni ora della sua vita. Poi, in vacanza, era un uomo super ospitale ed allegro. Ricordo le feste in Maremma, con tantissimi ospiti-amici. Ricordo anche quanto Enzo trattasse con la stessa cordialità e rispetto lo scrittore famoso e il contadino che curava il suo barbecue.
FM-World: Ovviamente Enzo è stato poi vittima di una famosissima persecuzione giudiziaria che lo ha fatto finire in prigione mentre tanti quotidiani davano credito alle parole di “un certo Pándico o Pandíco”. Pochi non si sono uniti al coro colpevolista, ricordiamo in primis Lelio Luttazzi e Marco Pannella. Ma anche Villa non ha mai smesso di essere dalla sua parte, se ricordiamo bene.
W.G.: Ricordi benissimo. Renzo si schierò immediatamente al fianco di Enzo e non gli fece mai mancare il suo supporto quando era in carcere, attraverso lettere e telegrammi frequentissimi. Antenna 3 Lombardia ospitò anche dibattiti con giornalisti sul caso, sia durante la detenzione, che quando Tortora tornò libero, assolto e scagionato.

FM-World: Come vedi il ruolo delle tv private pluriregionali oggi? L’ impressione è che ormai svolgano un ruolo marginale, pensi sia un’inevitabile conseguenza dell’evoluzione tecnologica, o piuttosto una questione di contenuti?

W.G: Sono pienamente convinta  che gli anni d’oro siano finiti molto tempo fa e che l’evoluzione tecnologica ha accelerato il processo di rimpicciolimento dello spazio che possono occupare le tv locali.
Certo, se ci si ricava una nicchia, piccola o grande, e si lavora parecchio per tenere aperto il dialogo col pubblico, i risultati non mancano neanche oggi. Il Gruppo Mediapason, per esempio, puntando sul Calcio e sullo sport in genere, sulla musica da ballo, sull’attualità lombarda e, lasciatemelo dire, anche un pochino sulla trasmissione I TOP (che propone spezzoni di vecchie trasmissioni dei tempi di Villa), si difende benissimo anche nel frazionamento di ascolti provocato dall’avvento del Digitale Terrestre.

La registrazione completa

Chiudiamo invitandovi alla visione della registrazione completa in alta definizione (del tempo) della serata inaugurale di A3L che si apre – geniale trovata di Renzo Villa – con una dissolvenza incrociata che inizia direttamente dal monoscopio. (M.H.Barsotti per FM-World)

Nota: alcune immagini presenti in questo articolo sono state colorizzate grazie alla stessa IA di Content on Demand di 22HBG

Xperi: “Con noi, la Radio mantiene un ruolo centrale nelle auto connesse”

Durante l’European Digital Forum a Lucca, abbiamo avuto l’opportunità di intervistare George Cernat, Sr. Dir. Automotive Connected Media / DTS AutoStage per Xperi. Il ruolo chiave dei sistemi di intrattenimento per automobili nel futuro della radiodiffusione, se e come la radio può sopravvivere in un’era di ‘auto dotate di schermi molto grandi’ e le specifiche della soluzione Xperi sono stati tra gli argomenti della discussione.

L’intervista si è svolta venerdì 7 giugno 2024.

L’Intervista

FM-World: Prima di tutto, due parole su chi sei e qual è la tua area di interesse in Xperi.

Xperi: Certo, il mio nome è George Cernat e sono responsabile per DTS AutoStage in Xperi, responsabile per l’integrazione della radiodiffusione a livello mondiale. DTS Autostage è la nostra piattaforma multimediale per automobili che mette la radio al centro e progettata per aiutare la radio a rimanere pertinente e più facilmente scopribile nelle auto connesse di oggi e del futuro.

FM-World: Sembrano esserci due punti di vista diversi sui sistemi di intrattenimento per automobili: quelli che preferiscono sistemi standard come Apple CarPlay, Google Automotive, e quelli come General Motors che si impegnano a utilizzare i propri sistemi operativi proprietari. Qual è la tua opinione su dove sta andando il mercato?

Xperi: Non posso davvero commentare la preferenza dei produttori di automobili o qualunque sia la loro strategia, ma hai osservato correttamente questi due punti di vista diversi. Man mano che la tecnologia avanzava e la dimensione dello schermo aumentava, principalmente a causa dei regolamenti di sicurezza, le aziende automobilistiche hanno cercato modi per sfruttare queste nuove piattaforme per estendere i media, l’intrattenimento e i sistemi veicolari che offrivano ai loro conducenti.

Soluzioni di mirroring

Diamo un’occhiata ad Android Automotive e Apple CarPlay, sono soluzioni di mirroring per smartphone che hanno presentato una soluzione facile e temporanea per estendere le offerte multimediali in auto con poco sviluppo o integrazione diretta.

Tuttavia, il pericolo è che il produttore del software, il proprietario del sistema operativo diventi il fornitore di servizi più importante o prezioso per il consumatore in auto.

E quei fornitori possono prendere il controllo della loro relazione con il consumatore.

Riallineamento

Penso che ci sia un riallineamento qui: i grandi produttori hanno cambiato la loro visione, vogliono avere più controllo sul loro destino, ed è per questo che si vede molti produttori di automobili investono pesantemente per avere un proprio sistema operativo. O almeno per avere il controllo dell’esperienza di infotainment.

Ecco cosa sta succedendo in questo settore, ed è esattamente dove noi di Xperi DTS AutoStage abbiamo molta esperienza, lavorando con più di 20 produttori di automobili per aiutarli a fornire le soluzioni di infotainment di cui hanno bisogno.

Nello spazio di intrattenimento per automobili, abbiamo iniziato con HD Radio e negli Stati Uniti, e ora lavoriamo con tutti i principali produttori di automobili.

FM-World: Puoi fornire più dettagli su come concretamente aiutate i produttori di automobili con la radio e l’intrattenimento in auto?

Xperi: Certo. Sebbene i produttori di automobili abbiano una lunga storia di innovazione nell’integrazione della radio, i loro veri sforzi e investimenti sono concentrati sul treno di trasmissione, sui sistemi di alimentazione e sulla sicurezza operativa, non sull’integrazione multimediale e di intrattenimento.

Qui Xperi ha molta esperienza specificamente con il settore radiofonico e più in generale con il settore dell’intrattenimento. In questo momento si vede molta attenzione sui video e sui giochi che entrano in auto man mano che la tecnologia si diversifica: quindi li aiutiamo prima a capire questo spazio e poi agiamo per conto dei broadcaster.

Quando si tratta del settore radiofonico, Xperi è riconosciuta come un buon amministratore e partner affidabile del settore. Crediamo che la radio sia incredibilmente importante per le auto e, attraverso il nostro coinvolgimento con HD Radio e come membri attivi di WorldDAB, NAB e altre organizzazioni globali, aiutiamo perché il settore radiofonico è regionalmente frammentato e distribuito e il nostro ruolo è quello di fornire una soluzione che funziona per i produttori di automobili a livello globale, in tutti i mercati, grandi e piccoli. Questa armonizzazione globale è fondamentale per far sì che la radio rimanga pertinente nelle auto.

Un momento pericoloso per il settore radiofonico

FM-World: Si tratta più di un approccio di consulenza o di prodotto?

Xperi: Abbiamo sviluppato una piattaforma chiamata DTS AutoStage che è integrata nel sistema di infotainment dei produttori di automobili e che è in realtà una soluzione radio ibrida. Questo è assolutamente un approccio di prodotto.

Vogliamo che la radio rimanga centrale nel sistema di infotainment in auto perché, per il futuro prevedibile, la radio sarà l’opzione di intrattenimento più importante nei veicoli.

Ma Google, Apple, tutti vogliono una parte dello spazio sullo schermo a bordo.

Questo è un momento pericoloso per la radio perché potrebbe essere facilmente sostituita o marginalizzata nel cruscotto, ed è qui che interveniamo noi.

Complementiamo una stazione radio in auto aggiungendo informazioni di base come elementi visivi. Quindi si passa a un’esperienza digitale, in linea con il consumatore di oggi che si aspetta un certo livello di interattività e un certo design dalle sue app. Aggiungiamo i testi delle canzoni in modo che la radio sia straordinaria.

Intelligenza artificiale

Xperi ha svolto molto lavoro di intelligenza artificiale e apprendimento automatico in questo settore. L’interfaccia utente nelle auto sta diventando più intelligente e imparerà dalle scelte dell’utente, presentando contenuti simili per genere, per tipo di musica, per tipo di artista. Se sei una stazione radio che produce audio on-demand e trasmette video dallo studio, anche quello può essere incluso come parte dell’esperienza radiofonica in-auto.

Ecco cosa facciamo.

Controllo per i broadcaster

Il secondo obiettivo è dare ai broadcaster il controllo su come appaiono, su come appare il loro contenuto in auto, quindi gli diamo accesso a un’interfaccia che consente loro di fare proprio questo.

E terzo, vogliamo che i broadcaster comprendano cosa fa il loro pubblico nei veicoli, quindi abbiamo lanciato per la prima volta in questo settore una piattaforma di analisi. La chiamiamo DTS AutoStage.

I broadcaster possono unirsi a titolo gratuito e quindi, se ci inviano i metadati in diretta dal loro palinsesto, possiamo fornire loro dati di analisi sugli ascoltatori che sintonizzano sulla loro stazione radio in veicoli dotati di DTS AutoStage, in modo che possano vedere cose come il numero di sessioni in un determinato giorno, la fruizione oraria dei loro contenuti su una base di 24 ore e una mappa di calore geografica di dove si trovano i loro ascoltatori quando sintonizzano su una stazione.

Non possiamo divulgare dati personali identificabili, ma possiamo fare buone proiezioni e analisi per i nostri clienti.

E non solo dati geografici: possiamo fornire statistiche su singoli titoli, singole canzoni, in un determinato periodo di tempo.

Aggregatori

FM-World: Tune-in è probabilmente l’aggregatore più famoso. Mi chiedo come, dal tuo punto di vista, gli aggregatori giocheranno un ruolo in questo stack, dal broadcaster all’utente finale.

Xperi: Al momento non ci occupiamo della parte IP dell’equazione. Si tratta essenzialmente di aggregatori di Internet, ma ciò che ci interessa è l’esperienza radiofonica di bordo.

FM-World: Sì, ma stai dicendo che passi a IP quando necessario…

Xperi: Per noi la componente IP è un’opzione di backup quando la radio non è disponibile.

C’è una funzione che chiamiamo ‘station following’ che ci consente di offrire un’esperienza di ascolto senza interruzioni quando un’auto esce dalla portata di FM / DAB – passiamo all’ascolto IP, ma si tratta di un caso limite di piccole dimensioni che è un ottimo esempio di come DTS AutoStage migliori l’ascolto FM / DAB+ nei veicoli.

FM-World: Tornando alla radio. Il nome DTS è ovviamente un riferimento per l’audio. Mi chiedo se c’è interesse a portare l’audio multicanale, proprio come l’antico Quadraphonic Stereo 8 Track, circa 40 anni fa, quando…

Xperi: Questa è una domanda?

FM-World: Sì, ci sto arrivando. Circa 40 anni fa, quando la classica Citroën DS veniva fornita di serie con un suono quadrofonico discreto. Il marchio DTS significa che state portando di nuovo l’audio ad alta definizione, vero multicanale in auto?

Xperi: Abbiamo un’unità commerciale separata in Xperi che si occupa della parte premium audio del nostro portafoglio, come DTS audio, e offriamo anche quella in auto come soluzione separata da DTS AutoStage. DTS AutoStage è una soluzione radio ibrida per veicoli connessi.

FM-World: C’è altro che pensi sia importante per i nostri ascoltatori e lettori?

Xperi: Se sei un broadcaster radio e non ti sei ancora unito al sistema DTS AutoStage, puoi contattarci è un modo molto vantaggioso e semplice per entrare a far parte della piattaforma e ottenere accesso alle preziose analisi e al controllo sul tuo contenuto. (M.H.B. per FM-World)

Spotify rottama il suo “Car Thing” senza rimborsare gli utenti: attenzione alle soluzioni proprietarie

C’e voluta la minaccia di una causa di gruppo (class action) per convincere Spotify a (forse) rimborsare i propri clienti che avevano acquistato Car Thing,  dopo averli addirittura invitati a riciclare il loro ormai inutile device in modo responsabile.

C’era una volta una cosa per auto

Cos’è, anzi, cos’era Car Thing? Annunciato come “Spotify’s smart player designed for your drive“, il player intelligente pensato per la vostra auto, Car Thing era un lettore di media in streaming con display touch e comandi vocali che si poteva agganciare al cruscotto dell’auto.

Funzionava sincronizzandosi con uno smartphone via Bluetooth (o con un cavo aux da 3.5 mm, per i nostalgici dei tempi dell’auricolare).

L’idea era portare un’interfaccia moderna stile Apple Car Play su tutte le vetture più vecchie, quelle non dotate appunto di CarPlay o Android Auto e relativi magnifici display grafici.


Hey, Spotify

Una volta sincronizzato, Car Thing visualizzava la musica preferita, i podcast, le playlist e i contenuti di tendenza su Spotify, che potevano poi essere selezionati utilizzando i controlli touch, la manopola, quattro pulsanti di selezione rapida o l’assistente vocale integrato, attivabile dicendo ‘Hey Spotify“.

99 dollari

Costo limitato, funzionalità limitate: ma in realtà poco dopo il  lancio la società aveva preannunciato l’integrazione di nuove app, portando molti a pensare la possibile aggiunta di quella dedicata all’ascolto delle radio lineari.

Niet

Niente da fare: il 23 maggio Spotify ha annunciato che avrebbe reso totalmente inutili (“bricked“) i device a partire dal 9 dicembre 2024 (un lunedì).

We understand it may be disappointing“, capiamo che potreste essere scontenti era annunciato sul sito.

Probabilmente dal punto di vista di un imprenditore del web quale Daniel Ek, i circa 99 dollari spesi dagli utenti sono nulla, più opportuno assicurarsi che questi si comportino in modo ecologicamente lodevole, cioè provvedano a “safely disposing of your device following local electronic waste guidelines“, smaltire in modo sicuro il dispositivo seguendo le linee guida locali per i rifiuti elettronici.

Rimborso? Parliamone

Di rimborso non si è parlato fino al 30 maggio, quando è comparsa una risposta vagamente evasiva sul sito di Spotify:  “Q: Posso ottenere un rimborso? A: Chi desidera un rimborso può contattare il supporto clienti con la prova di acquisto per discutere le varie opzioni“.

Forse leggiamo troppo tra le righe, ma a noi “individuals seeking a refund” non sembra proprio il massimo, meglio sarebbe stato affermare direttamente che tutti i clienti sarebbero stati rimborsati. Senza parlare dell’idea di “discuterne con il customer support”, una specie di minaccia se pensiamo alle esperienze che tutti abbiamo quando dobbiamo chiedere qualcosa ai vari call center.

 

Considerazioni

Ci permettiamo una morale a questa vicenda: come nel caso del Kindle di Amazon, dove la società aveva cancellato dai lettori dei clienti un libro acquistato da mesi dopo essersi accorta di non possederne i diritti, o in quello di  due anni fa, quando alcuni editori di e-book avevano addirittura modificato le parole di autori ormai deceduti per renderle politically-correct gli oggetti fisici o i servizi che funzionano solo tramite cloud sono molto pericolosi.

Nel caso di Car Thing  di cui stiamo parlando dev’esserci stato anche stato un “kill switch” nascosto, in quanto non comprendiamo come un device che funziona tramite sincronizzazione con lo smartphone possa smettere di funzionare a comando da parte degli svedesi.

Don’t worry

Non è comunque il caso di preoccuparsi per i ricavi di Spotify: se anche dovessero rimborsare molti utenti, potranno facilmente rifarsi con il nuovo aumento del costo degli abbonamenti deciso solo pochi giorni fa. (M.H.B. per FM-World)

La nuova Audiradio sarà “total audience”: le anticipazioni del Presidente Antonio Martusciello

La nuova struttura a JIC porterà davvero vantaggi al mondo della radiofonia? Dalla nuova metodologia, dati di ascolto congrui a quelli TER o dobbiamo attenderci una nuova discontinuità? Cosa cambierà con una rilevazione che considera tutte le modalità di fruizione? E quale il ruolo del mitico SDK? La partenza della nuova Audiradio, con la prospettiva di un’analisi “total audience” rappresenta una novità che potremmo dire epocale per il mondo della radiofonia. Per capirne di più, FM-world ha intervistato il presidente Antonio Martusciello. L’intervista in esclusiva ha avuto luogo il 27 maggio 2024.

Antonio Martusciello 

Nato a Napoli nel 1962 e laureato in Amministrazione Pubblica, ha operato da sempre nell’ambito dei media e della comunicazione. Dal 2010 al 2020, Martusciello è Commissario dell’Agcom. 

È autore di numerosi articoli e contributi scientifici sulla comunicazione: nel febbraio 2019 ha pubblicato il saggio “Il caos dell’informazione” (editore La Dante Alighieri). A settembre 2019 ha pubblicato il saggio “La rete: manipolazione o pluralismo” (Armando editore). Nel 2020 è autore di una ricerca per IULM dal titolo “L’evoluzione della comunicazione politica dai modelli tradizionali ai nuovi formati nel nuovo contesto digitale”, mentre nel 2021 ha pubblicato “La rilevazione del pubblico e l’impatto sulla formazione dell’opinione pubblica”. 

Martusciello è docente di “Diritto dei Media” presso Luiss Roma e dal dicembre 2022 Presidente dell’Organo di Vigilanza della rete di accesso di Tim. E’ stato nominato Presidente di Audiradio nell’aprile 2024. 

L’intervista 

FM-World (Marco H. Barsotti): Abbiamo letto che le ambizioni della nuova Audiradio sono importanti: rilevare ogni device, introdurre la “total audience”, l’idea di spostare il baricentro dalla  misurazione delle singole emittenti ad uno “user centric”. Quanto di questo possiamo attenderci sin dalla pubblicazione delle vostre prime ricerche e quanto invece richiederà più tempo? 

Antonio Martusciello: La nuova ricerca Audiradio prenderà il via il 1° gennaio 2025 e per farci trovare pronti a questo appuntamento, il nostro obiettivo è adottare quanto prima la Request for Proposal (RFP). 

Stiamo, infatti, alacremente lavorando in questo senso. La società si è appena costituita, ma in questi giorni è già in corso l’analisi tecnica per la predisposizione della RFP, necessaria per la scelta degli istituti che dovranno realizzare l’indagine. 

Una ricerca mista 

Si tratterà di una ricerca “mista”, di tipo quantitativo e censuario, attraverso l’SDK, strumento che già rappresenta un significativo passo avanti rispetto a un modello meramente dichiarativo. 

Questa rilevazione di tipo “ibrido” consentirà di cogliere al meglio la tendenza sempre più accentuata dell’ascolto radiofonico multi-device e multi-piattaforma. 

L’ascolto sarà rilevato su tutti i dispositivi, su tutte le piattaforme di distribuzione e in tutte le modalità di fruizione (live e on-demand). Del resto, oggi il bacino potenziale delle audience si espande in maniera significativa, non solo grazie alla tecnologia, ma proprio in ragione dei cambiamenti strutturali nei comportamenti di consumo dei contenuti. In tal senso, saremo chiamati a scegliere e definire le metodologie e le tecnologie più opportune per realizzare queste ricerche, tenendo conto della loro sostenibilità economica. L’orizzonte che ci poniamo è quello di rendere la ricerca degli ascolti radiofonici sempre più al passo con l’evoluzione del mercato. 

Quanto alle tempistiche, oggi è prematuro stimarle, tuttavia, ritengo che l’impegno e il serrato lavoro di squadra, profuso sin da questi primi giorni di attività, costituiscano un ottimo inizio per raggiungere quel risultato che – sono certo – con tempestività e determinazione, saremo in grado di realizzare concretamente. 

Il contesto europeo 

FM-World:  In passato abbiamo analizzato i sistemi di misurazione utilizzati in altri paesi ritenuti (almeno all’epoca) più avanzati: Paesi Bassi, UK ecc… La domanda è se Audiradio e i suoi omologhi europei lavorino in qualche modo insieme (formalmente o anche solo a livello tecnico), al fine di avere quelle che va di moda chiamare “currency” uniformi a livello europeo, cosa che immagino sia o sarebbe apprezzata da investitori multinazionali. 

A.M.: Audiradio è nata il 22 aprile di quest’anno e sta muovendo i primi passi nell’organizzazione di una ricerca che vedrà, dopo molti anni, editori radiofonici e mercato collaborare nuovamente insieme. È chiaro che sarà interesse di entrambi confrontarsi anche a livello tecnico con le esperienze europee.

Se guardiamo ai rapporti, come il Radio Audience Measurement di EGTA (Association of television and radio sales houses) e il EMRO (European Media Research Organization), ancora oggi, a livello europeo, le metodologie di tipo dichiarativo sono quelle più comunemente impiegate in Europa, mentre sui sistemi passivi ci sono ancora sperimentazioni in corso. 

European Media Freedom Act

Ricordo poi il riconoscimento della centralità dei sistemi di rilevazione delle audience nel complesso ecosistema dei media digitali si inserisce nel solco delle nuove prescrizioni del TUSMA ed è attestato dal regolamento European Media Freedom Act (EMFA), che prevedono sia una maggiore trasparenza e confrontabilità delle metodologie utilizzate nelle misurazioni, sia il riferimento a standard e tecniche condivise, possibilmente nell’ambito di JIC. 

 

La JIC e gli ascoltatori 

FM-World: Risultano chiari i vantaggi della struttura JIC per  gli operatori del mercato che sono tutti rappresentati. Mi chiedevo se una qualche associazione di esponenti del pubblico potrebbe apportare ulteriore valore alla vostra compagine.  

A.M.: Il JIC, nel modello approvato anche da Agcom, costituisce la forma prevalente dei soggetti che si occupano della rilevazione dell’ascolto e già rappresenta, seppur indirettamente gli interessi degli ascoltatori. Ciò in quanto, il sistema si basa su quella che potremmo definire una sorta di “convenzione” tra editori e mercato. In questo scenario, è proprio il mercato a svolgere una funzione di garanzia della corretta allocazione della pubblicità lì dove si registrano i maggiori ascolti. 

La questione SDK 

FM-World: Veniamo ad un punto che ritenuto essenziale, il famoso SDK. In molte interviste e articoli se ne è parlato, dando l’impressione che sia un sistema bello e pronto e che voi ne farete uso. Ma nel nostro ambito “SDK” è invece un toolkit di Nielsen che permette a chi sviluppa app client di registrare i comportamenti dell’utente e inviarli appunto a Nielsen.
Questo implica – credo – la modifica delle applicazioni client per inglobare le librerie SDK e attivarne le funzionalità, fornendo potenzialmente un tipo di reportistica degno di Google Analytics.
Due domande, la prima se è un processo concluso (e se si con quali operatori), o se invece è in atto o in fase di attivazione.
 

A.M.: Il sistema SDK (Software Development Kit) è un marcatore analitico, già impiegato nei sistemi di rilevazione delle audience, che restituisce dati censuari sui volumi della fruizione di tutti i contenuti online distribuiti tramite differenti piattaforme. 

Il sistema consente, quindi, di integrare gli strumenti di misurazione nei contenuti digitali indipendentemente dal device utilizzato per la fruizione del contenuto. 

Come le dicevo, la RFP che è in corso di analisi, pertanto, Audiradio sarà chiamata a operare una scelta sulla definizione delle metodologie e delle tecnologie più opportune per realizzare le suddette indagini censuarie. 

Trasparenza e certificazione

FM-World: Seconda domanda su SDK. Essendo per definizione quanto creato grazie a SDK un sistema invasivo (non potrebbe essere diversamente altrimenti tanto vale misurare alla vecchia maniera) le librerie saranno embedded solo nei clienti del vostro campione o saranno inserite negli strumenti generali utilizzati per l’ascolto da parte del grande pubblico? 

A.M.: La RFP – come le dicevo – è ancora in corso d’analisi e ritengo abbastanza prematuro definire questi aspetti. 

Vorrei, tuttavia, evidenziare che la Società intende impostare le indagini censuarie, così come le ricerche statistiche di tipo quantitativo, attraverso la definizione di metodologie e di tecnologie che favoriscano l’unicità degli output fondamentali (quali l’ascolto nel giorno medio, nel quarto d’ora medio, e la durata di ascolto), per emittenti radiofoniche locali e nazionali e la sostenibilità economica. 

In via generale, Audiradio vuole garantire la trasparenza dei processi di produzione, operare le opportune verifiche in fase di postvalutazione e fornire un’adeguata certificazione dei dati offerti al mercato. Operazioni queste che terranno in debita considerazione la protezione dei dati degli utenti e la gestione dei requisiti di consenso. 

Correttezza e trasparenza

FM-World: Ultima domanda, quando ci fu il passaggio dalle vecchie ricerche (Audiradio e GFK Eurisko) a TER ci fu una discontinuità dei dati riguardo le prime posizioni, che videro per la prima volta Rai Radio 1 perdere un primato storico che deteneva da sempre. 

Potrebbe essere stato un cambio di gusti degli ascoltatori proprio durante quel gap, ma potrebbe anche essere stato frutto del cambio di campione e metodologia. 

Questa volta ci si ripropone di misurare la total audience in grado – come Lei ha affermato – di “catturare” tutto l’ascolto inespresso delle radio. I dati saranno dunque paragonabili a quelli TER o dobbiamo attenderci nuove discontinuità (o magari proprio universi non confrontabili?) 

A.M.: TER ha avuto il pregio di erogare con continuità il dato dell’audience radiofonica durante il periodo successivo alla liquidazione della prima Audiradio. La maggiore criticità di TER, che ha comportato la necessità di una sua evoluzione, è stato il modello MOC, non più compliance, come indicato da AGCom. Al riguardo, vorrei ricordare che il TUSMA, all’art. 71 comma 5, lett. b), ha previsto “(…) che le rilevazioni degli indici di ascolto e di lettura dei diversi mezzi di comunicazione, su qualsiasi piattaforma di distribuzione e di diffusione, si conformino a criteri di correttezza metodologica, trasparenza, verificabilità e certificazione da parte di soggetti indipendenti e siano realizzate da organismi dotati della massima rappresentatività dell’intero settore di riferimento (…)”. 

Allo stesso modo, anche l’EMFA, all’art. 24, in particolare, richiede che i fornitori di sistemi di misurazione dell’audience garantiscano una rilevazione e una metodologia che rispetti i principi di trasparenza, imparzialità, inclusività, proporzionalità, non discriminazione, comparabilità e verificabilità. 

Oggi, il JIC che si è formato evidenzia la centralità del fronte degli editori, rappresentanti del pluralismo radiofonico in tutte le sue componenti (nazionali e locali, private e pubblica). L’ingresso poi del mercato (UPA e UNA) segna l’allargamento della compagine societaria e la rende rappresentativa dell’intero settore di riferimento. Un’unione che consente – ancora una volta – la concreta attuazione del principio di correttezza della rilevazione delle audience, già proprio dell’esperienza di TER. 

Discontinuità o continuità 

Come ho spiegato prima l’esigenza di innovazione ha portato a prescegliere un nuovo formato, quello della ricerca ibrida fondata su una combinazione di campionario e censuario.

Il nostro obiettivo, quindi, non è una continuità o discontinuità con i dati di TER, ma una ricerca che partendo dall’esperienza maturata sappia cogliere il grado di innovazione del mercato radiofonico. (M.H.B. per FM-World)

È la radio il futuro dei quotidiani? Attivata in DAB+ Radio Le Figaro, emanazione del secondo quotidiano di Francia

Partono definitivamente  TV e Radio di Le Figaro, storico quotidiano conservatore francese. Come nel caso di The Times, la radio viene vista all’estero come un modo di supportare, affermare e perpetuare storici marchi che vedono avvicinarsi la fine della loro vita su carta stampata.

Il declino dei quotidiani

I classici quotidiani stampati sono in crisi profonda, con una distribuzione cartacea che ad esempio non arriva alle 100.000 copie nel caso del secondo quotidiano italiano (dati ADS – Accertamenti diffusione stampa). Un audience paragonabile a quella di una radio locale.

Online senza contenuti

Il numero di accessi online sembrerebbe compensare: secondo Audiweb, lo stesso quotidiano supererebbe i tre milioni di contatti al giorno. Ma sono davvero lettori? Ci pare impossibile visto che ormai tutti gli articoli sono ridotti a pochissime righe leggibili liberamente. Mentre – sempre secondo ADS – il numero di “abbonati digitali” resta trascurabile (meno di 50.000 restando nel caso di cui sopra).

Times Radio

Un fenomeno analogo si riscontra all’estero.  A Londra Times Radio, il cui direttore avevamo intervistato direttamente l’anno scorso, ha trovato nella radio un canale di grande valore: una rete “talk/news” diffusa in DAB e IP mette al lavoro i giornalisti tradizionali anche sul versante audio.

Non mancando – e questa la chiave di tutta l’operazione – di invitare gli ascoltatori ad abbonarsi: non al quotidiano cartaceo ma al portale online e ai propri podcast.

Figaro Radio

Ebbene, il secondo quotidiano francese ha deciso di fare altrettanto con “Figaro Radio”. Questo quanto riporta la stampa francese:

La nuova stazione radiofonica, Le Figaro Radio, è trasmessa in DAB+ (Digital Audio Broadcast) a Parigi, Marsiglia e Nizza, e successivamente in altre grandi città. La griglia prevede programmi di analisi e cronaca oltre a racconti e podcast, completati da una programmazione musicale “classic soft rock” molto aperta.

Utilizzando tutte le possibilità offerte dal DAB+, il formato audio sarà arricchito di dati associati (notizie in continua, informazioni programmi e meteo).

La struttura

Per realizzare radio e canale TV associato, Le Figaro intende appoggiarsi sul suo polo audiovisivo costituito da una trentina di giornalisti, di cui 12 posti creati appositamente per questi lanci, e si appoggerà sui 500 giornalisti della redazione. Le due reti saranno commercializzate da Media Figaro, la agenzia pubblicitaria del gruppo. Obiettivo “informare senza asservire, ma anche divertire senza cedere alla banalità”.


6,5 milioni di euro di budget

Il budget dedicato a questa operazione è pari a 6,5 milioni di euro (infrastrutture, budget di funzionamento annuale e produzione di contenuti).  Un dato che fa riflettere: se non andiamo errati è circa la metà di quanto offerto a GEDI da un gruppo editoriale italiano per rilevare Radio Capital (e 1/4 di quanto richiesto).

Notizia vera o falsa? In ogni caso, indipendentemente dalla smentita di Linus ne emerge che per realizzare una rete di alto livello non sembra proprio necessario spendere soldi per acquisire asset ormai svalutati come le reti analogiche FM.

Su FM-World, la app

Radio Figaro è ascoltabile dall’aggregatore FM-world nel gruppo delle radio francesi (M.H.B. per FM-World).