L’improvvisa scomparsa di Roberto Scaglione

A cura di Mauro Roffi

Ci sono notizie improvvise che, specie se arrivano nel fatidico mese di agosto, consacrato alle ferie, ti lasciano attonito, senza parole e provocano comunque una grande tristezza.

È il caso della bruttissima novità arrivata da Palermo, ovvero l’improvvisa morte a soli 55 anni di Roberto Scaglione, personaggio notissimo nel mondo della Radio e soprattutto del radioascolto, di cui era cultore e appassionato ‘totale’, come ben sanno gli ascoltatori delle sue formidabili e puntualissime trasmissioni, prima ‘Studio DX’ e poi ‘Obiettivo DX’ (in onda in Radio su AWR e disponibile in varie altre modalità), che conduceva e curava da una vita, facendo più o meno tutto da solo. C’era anche il sito collegato, bclnews.it.

Ma questo era solo uno degli aspetti di un personaggio poliedrico e quasi irrefrenabile, che svolgeva molti mestieri, sempre con grande cura e precisione.

Lo avevo conosciuto tanti anni fa, fin dai primi tempi in cui curavo ‘Millecanali’ a Milano. Si era presentato come potenziale collaboratore da Palermo e dalla Sicilia, conoscendo bene l’ambiente delle Radio e Tv locali soprattutto del capoluogo regionale ma anche di tutta l’isola. E così era stato, mi aveva inviato per qualche anno articoli sempre puntuali e precisi che raccontavano cosa succedeva in Sicilia nel mondo dell’emittenza.

Giornalista vero, quindi, e questo suo interesse era poi evoluto nel ‘portale’ Siciliamedia (e altri siti più o meno collegati), che per anni ha seguito a ogni livello le Radio e Tv locali siciliane.

Era poi assolutamente competente a livello tecnologico, tanto che era il tecnico storico della palermitana Tele One (anche la Tv era suo ‘pane quotidiano’) e del suo gruppo editoriale. Non bastasse, gli piaceva anche condurre programmi in proprio (‘Obiettivo DX’ a parte) soprattutto nell’amatissima Radio e la sua ultima esperienza è stata, fino a pochi giorni fa, proprio quella di conduttore radiofonico ‘a tutto tondo’ nel progetto in Onde Medie della triestina (operava naturalmente ‘a distanza’, essendo a Palermo) Radio Diffusione Europea, una bella iniziativa nata di recente dopo l’apertura dell’AM ai privati in Italia.

Non si fermava un attimo, dunque, e ogni volta che ne sentivo parlare mi domandavo infatti come diavolo facesse a fare tutto questo, senza mai mancare un appuntamento con ‘Obiettivo DX’.

All’inizio del mese di agosto tutto si è fermato invece improvvisamente per un arresto cardiaco del tutto inatteso, che ha stroncato prematuramente la vita di Roberto, a quanto pare, mentre si trovava nella sua casa di Palermo. Originario di Sciacca, lui era nel capoluogo siciliano da tanti anni ed era dunque un vero ‘palermitano d’adozione’.

Competente e appassionatissimo, Roberto Scaglione aveva anche un carattere cordiale e disponibile, che lo faceva apprezzare da tanti.

“Grande sgomento nel mondo del giornalismo, dove Roberto Scaglione era conosciuto e benvoluto da tutti – scrive infatti blogsicilia.it – . Protagonista della stagione d’oro dell’emittenza radiotelevisiva, continuava ad essere un punto di riferimento per le produzioni di qualità. Con lui sono cresciute due generazioni di tecnici operatori, montatori ed emissionisti ed anche di giornalisti televisivi”.

È una di quelle persone che sarà pressoché impossibile sostituire in pieno almeno in alcune delle sue tante attività e purtroppo non si tratta di frasi fatte ma di una facile e dolorosa previsione.

Mauro Roffi
mauro.roffi@fm-world.it

* Archivio News –> www.fm-world.it/news

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it