ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP

Audiradio, sesto bimestre 2009

29 gennaio 2010
262 Visualizzazioni


Sono stati resi noti i dati Audiradio del sesto ed ultimo bimestre 2009: per la società che rileva gli ascolti radiofonici si conclude così un ciclo che comporterà per il nuovo anno ulteriori cambiamenti, a partire dall’estensione delle rilevazioni tramite panel-diari (da 2 a 4 annuali) ed al ridimensionamento dell’indagine telefonica Cati a 4 trimestri. Intanto, nel periodo intercorso tra il 31 ottobre ed il 18 dicembre non sono mancati risultati che hanno parzialmente modificato la classifica dei due mesi precedenti.

Analizzando i risultati del giorno medio ieri, in testa si conferma Radio 1; con gli attuali 6.270.000 tuttavia perde ben 355.000 unità, parzialmente guadagnati da RTL 102.5, stabile al secondo posto ma con un guadagno di 140.000 contatti (da 5.394.000 a 5.534.000). Bimestre positivo anche per Radio Deejay, che aumenta il distacco da RDS e raggiunge quota 5.216.000 (+262.000). Lieve calo per il già citato network “100% grandi successi” (da 4.961.000 a 4.934.000) che tuttavia soffre anche dell’avvicinamento di Radio 105, oggi a 4.619.000 con un divario positivo di 238.000 unità.

Sesto posto per Radio 2 che, in attesa di risultati relativi al nuovo palinsesto, ha chiuso l’anno fermandosi a quota 3.783.000 (-89.000). Segno negativo anche per Radio Italia Solo Musica Italiana (3.484.000, -149.000), la quale mantiene tuttavia una certa distanza dalle numerose emittenti che si assestano attorno ai due milioni. Capofila del gruppo è Radio Kiss Kiss con 2.158.000 (in perdita di 231.000 unità rispetto a settembre-ottobre), seguita dalla “sorella” (per la concessionaria pubblicitaria Mondadori) R 101 che cresce, passando da 1.965.000 a 2.005.000.

In decima posizione si colloca Radio 3, anch’essa in perdita, come le prime due emittenti Rai. Nel sesto bimestre raggiunge 1.835.000 con un -253.000. A breve distanza Radio 24 (1.801.000, -206.000) e Virgin Radio (1.727.000, -16.000). Sale Radio Capital (1.559.000, +83.000) che supera Radio Maria (1.548.000, +17.000) e mantiene un divario positivo rispetto a Radio Monte Carlo (1.513.000, +46.000). Da sottolineare, tuttavia, la crescita anche delle stesse Maria e RMC rispetto al precedente bimestre.

Unica emittente del gruppo Elemedia a fare un passo falso è m2o (1.237.000, -119.000), mentre Isoradio mantiene il trend negativo delle reti Rai perdendo 106.000 unità e passando da 988.000 a 882.000. A chiudere la classifica delle emittenti nazionali è Radio Radicale con 448.000 ed una lieve flessione pari a 17.000 contatti. Complessivamente, la chiusura dell’anno sembra aver invertito la precedente tendenza in crescita delle talk-radio, a vantaggio di musica e intrattenimento.

Per Audiradio, il 2010 dovrebbe rappresentare una svolta significativa, che porterà alla rilevazione non solo dei 7-14-21 giorni, ma anche del giorno medio ieri, tramite panel-diari, per le emittenti che hanno aderito alla nuova indagine.

Potrebbero interessarti

RMC sospende i programmi nella giornata di Lutto Nazionale
News
664 visualizzazioni
News
664 visualizzazioni

RMC sospende i programmi nella giornata di Lutto Nazionale

Nicola Franceschini - 17 agosto 2018

"Per rispetto e solidarietà nei confronti delle famiglie colpite dalla tragedia di Genova, sabato 18 agosto in occasione della giornata…

Le sfide di Champions della Juventus su Radio Deejay
News
983 visualizzazioni
News
983 visualizzazioni

Le sfide di Champions della Juventus su Radio Deejay

Nicola Franceschini - 16 agosto 2018

Radio Deejay entra nel mondo del calcio. Le radiocronache delle partite di Champions League della Juventus saranno trasmesse quest'anno sul…

Intrattenimento o informazione? La difficile gestione della radio, dopo la tragedia di Genova
News
705 visualizzazioni
News
705 visualizzazioni

Intrattenimento o informazione? La difficile gestione della radio, dopo la tragedia di Genova

Nicola Franceschini - 14 agosto 2018

Martedì 14 agosto: l'Italia intera è pronta per festeggiare Ferragosto. Le condizioni meteo contano poco, è la data che fa…

Lascia un commento