Camilla Ghini alla conduzione di “105 Village” nel fine settimana

Dopo essersi congedata dal gruppo RTL 102.5 alcune settimane fa, Camilla Ghini torna in radio.

Lo farà nel weekend – dalle 16.00 alle 18.00 – conducendo “105 Village”.

Il programma, come già evidenziato recentemente, era presentato da Valeria Olivieri, che sta per lasciare l’Italia e, di conseguenza, la radio.

L’arrivo di Camilla Ghini è stato salutato con un post di Radio 105, che condividiamo qui sotto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Radio105 (@radio105)

* Per comunicati e segnalazioni: [email protected]

“Mollo tutto e cambio vita”: l’addio alla radio di Valeria Olivieri

Valeria Olivieri lascia la radio e cambia vita. La ‘confessione’ è avvenuta nell’ultimo weekend.

“Nella mia vita ho sempre pensato che ‘casa’ è dove hai i tuoi affetti, le tue certezze, è il luogo nel quale puoi esprimerti e crescere”, racconta la conduttrice che sarà ancora in onda nel weekend di Radio 105 fino al 2 giugno. “Non è una città o un paese, può cambiare in base alle fasi della vita, è mutevole e mai definitivo”.

“È proprio questo il mio caso: a 37 anni, con un piccolo “fagiolino” in arrivo, ho deciso di provare a cambiare Paese e in qualche modo anche vita. Non ho mai vissuto all’estero, non ho mai avuto il coraggio nè le occasioni prima. Assieme a Stefano abbiamo deciso di andare in Danimarca, un Paese che mette al primo posto le famiglie, i bambini ma anche le donne”, sottolinea in maniera chiara.

“Spero di riuscire a portare avanti le mie passioni e i miei interessi dandogli una forma nuova, magari con maggiori collaborazioni e sinergie. La Radio in questi 9 anni mi ha dato tantissimo, grazie soprattutto al vostro affetto, ma è arrivato il momento di trovare nuova linfa e nuove sfide! Non ho intenzione di smettere di comunicare, continuerò a farlo grazie ai mezzi che avrò a disposizione”, rassicura Valeria.

“Spero che possiate continuare a godere dei miei contenuti. A modo mio, cercherò di farvi vivere questa nuova avventura portandovi con me. Grazie per esserci sempre!“, conclude con affetto e sincerità, raccogliendo tanti commenti positivi da ascoltatori e follower.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Valeria Oliveri (@olivally)

* Per comunicati e segnalazioni: [email protected]

Roma: 40 mila runner ‘animati’ da Radio 105

Domenica 17 marzo si è tenuta la 29° edizione di Acea Run Rome The Marathon.

Circa 40 mila runner hanno invaso le vie della Capitale, in una giornata di sport e divertimento.

L’evento ha goduto della partnership di Radio 105.

Ylenia e Pizza hanno animato l’evento con musica e intrattenimento.

* Per comunicati e segnalazioni: [email protected]

Radio 105 alla “Run Rome The Marathon” con una playlist dedicata

Domenica 17 marzo sarà una giornata importante per la Capitale con l’edizione 2024 della “Run Rome The Marathon”.

Radio 105 sarà presente anche quest’anno, a supportare i partecipanti con musica e intrattenimento.

Ma c’è una novità per i runner che, come ad ogni edizione, arrivano a Roma da tutto il mondo.

Quest’anno, l’emittente del gruppo RadioMediaset ha pensato ad una playlist in vista dell’evento.

“Una selezione di hit nuove e del passato” – riporta 105.net“perfette per il jogging quotidiano, per i workout in palestra e per accompagnarvi nelle sfide di tutti i giorni”.

I brani sono disponibili su Spotify, ascoltabili cliccando qui sotto.


* Per comunicati e segnalazioni: [email protected]

Tanti auguri Radio 105! L’esordio il 16 febbraio 1976

Il 16 febbraio 1976, in piena epoca pionieristica, nasceva Radio Studio 105.

L’emittente venne fondata da Alberto ed Edoardo Hazan a Milano in zona Lorenteggio e la prima frequenza su cui modulava era 105.560 MHz, spostatasi successivamente a ridosso dei 99 (oggi esattamente 99.1), tanto da identificare gli ascoltatori come i “novantanoviani”.

La storia dell’emittente, successivamente diventata nel 1982 Rete 105 e – dal 1996 – definitivamente Radio 105, è lunga e complessa.

Tantissimi i personaggi noti che si sono alternati al microfono, di quello che – di fatto – è stato il primo network nazionale privato italiano.

Nel 2016, a 40 anni dalla sua nascita, l’emittente è diventata parte del gruppo RadioMediaset, inizialmente con R101 e Virgin Radio, mentre solo in un secondo momento anche con Radio Monte Carlo e Radio Subasio.

La sede è in Largo Donegani 1 a Milano.

Oggi Radio 105 è presente su tutte le piattaforme, compreso il digitale terrestre, dove trasmette sul canale 66.

Da settembre 2019, Barbara Rossetti è la direttrice artistica.

Tanti gli auguri ricevuti dal network in occasione del suo 48esimo compleanno, a cui si unisce FM-world.

* Per comunicati e segnalazioni: [email protected]

Slitta la ripartenza de “Lo Zoo di 105”: Marco Mazzoli spiega che cosa sta accadendo

In questi giorni, Radio 105 sta proponendo una versione “compilation” dello “Zoo di 105”.

Il programma sarebbe dovuto ripartire lunedì 8 gennaio.

Questo non è successo e la motivazione l’ha chiarita Marco Mazzoli in una storia su Instagram.

Riportiamo fedelmente le sue parole.

“Fingiamo che lo Zoo sia un’azienda, una società” – esordisce Mazzoli “composta da tanti liberi professionisti. Io sono l’amministratore delegato che ha il potere decisionale su tutto quello che è artistico, ma non su tutto quello che riguarda i compensi. Ognuno di noi tratta il proprio contratto direttamente con la radio. Ci sono contratti annuali, che devono essere rinnovati qualche mese prima e discussi per capire se i termini vanno bene, sia da una parte che dall’altra”.

“Questa cosa non è avvenuta” – sottolinea il conduttore “sono stati presentati i rinnovi proprio il giorno prima che chiudessimo la stagione ed erano più o meno quelli di prima, senza considerare che molti dello Zoo, a causa della pandemia, hanno dovuto tagliare lo stipendio del 15%. Si aspettavano tutti che almeno quella parte venisse reintegrata, e non lo è stata. E quindi da lì è scoppiato il bordello”.

“Per farvi capire” – aggiunge Mazzoli“è vero che noi siamo dei privilegiati, perchè facciamo il lavoro a mio avviso più bello del mondo, però comporta tante ore. Lo Zoo praticamente ti porta via la giornata. Per poter far parte della squadra dello Zoo devi rinunciare a gran parte della tua vita, perchè è così, ti porta via tutto il giorno, tra produzione, scrittura, recitazione, montaggi e tutto il resto”.

“Ovviamente noi siamo dei precari, perchè noi non è che abbiamo un accordo ventennale. Noi ogni anno, in base ai risultati, rinnoviamo i contratti e continuiamo a portare a casa e a portare nelle vostre casse questo bellissimo e meraviglioso programma, che tanto amate. E quindi, porti i risultati, ti aspetti anche un altro tipo di risultato, no? Perchè non è che puoi andare in banca e dire ‘Vorrei un mutuo, io conduco il programma più ascoltato d’Italia’”, conclude nella storia di Instagram.

* Per comunicati e segnalazioni: [email protected]