ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP

Indagine GFK Italia: quasi 4 milioni dispongono di un ricevitore DAB+

19 Luglio 2018
1822 Visualizzazioni

Sono circa 10 milioni gli italiani che dichiarano di conoscere la radio DAB+ e 3,7 milioni coloro che possiedono almeno un ricevitore per poterla ascoltare.

Il dato emerge da una ricerca commissionata a GFK Italia da parte di DAB Italia per capire come procede lo sviluppo della Digital Radio nel nostro Paese.

Uno sviluppo che nel mese di agosto sarà nuovamente promosso da una nuova campagna pubblicitaria su diverse emittenti radiofoniche.

I motivi che stanno incentivando la crescita (lenta ma graduale) del DAB+ sono sostanzialmente due: avere a disposizione un ricevitore di serie sull’auto nuova (33%) e la presenza di un segnale privo di interferenze (36%).

Un 9% dichiara tuttavia di scegliere il DAB+ anche per la varietà di programmi e contenuti diversi.

Ad oggi la ricezione outdoor dell’operatore DAB Italia ha superato l’80% di popolazione servita, a cui seguono EuroDAB Italia e RAI.

Resta il deficit dell’emittenza locale, in quanto in diverse regioni non sono ancora state pianificate le frequenze su cui trasmettere.

Potrebbero interessarti

Tommy Vee neo-direttore di Stereocittà
News
411 visualizzazioni
News
411 visualizzazioni

Tommy Vee neo-direttore di Stereocittà

Nicola Franceschini - 23 Marzo 2019

"Oggi inizia questa nuova esperienza, sono ufficialmente il nuovo direttore di Stereocittà. La nuova programmazione dal 1° Aprile". A scriverlo,…

Elio e le Storie Tese: arriva Radio EelST
News
490 visualizzazioni
News
490 visualizzazioni

Elio e le Storie Tese: arriva Radio EelST

Nicola Franceschini - 23 Marzo 2019

Si chiama Radio EelST e andrà in onda ogni lunedì da aprile. Sono gli Elio e le Storie Tese ad…

E’ Ligabue il più trasmesso in radio
News
216 visualizzazioni
News
216 visualizzazioni

E’ Ligabue il più trasmesso in radio

Nicola Franceschini - 22 Marzo 2019

E' Ligabue con "Certe donne brillano" il brano più trasmesso in radio negli ultimi sette giorni. A confermarlo, sono i…