Il “secondo semestre” di FM-world premia network, superstation e “native digitali”

17 Dicembre 2019
1763 Visualizzazioni

Sono RDS, Radio Deejay e Radio 24 le tre emittenti che hanno ottenuto il maggior numero di sessioni su FM-world negli ultimi sei mesi.

Il dato è relativo al lasso di tempo che va dall’11 giugno al 16 dicembre 2019.

Si tratta delle stesse date in cui si è svolta l’indagine relativa al secondo semestre 2019 di RadioTER, i cui risultati saranno resi noti nelle prossime settimane.

Ovviamente i dati di FM-world non sono paragonabili in alcun modo a quelli di indagini specifiche (quali, appunto, RadioTER e non solo) ed il numero di sessioni non determina la durata media di ogni ascolto, che varia da emittente a emittente; è possibile tuttavia valutare alcuni “comportamenti” degli utenti dell’aggregatore.

In primis, il posizionamento dell’emittente nella griglia dell’app aiuta di certo nella scelta dell’ascolto (attribuendo quindi un valore aggiunto importante alla visibilità del logo della radio, in una condizione in cui non è più il segnale “via etere” la discriminante).

In secondo luogo, tuttavia, anche il contenuto dell’emittente diventa una variabile non irrilevante sulla scelta dell’utente.

Non è un caso il successo dei programmi del primo mattino di RDS e di Radio Deejay, il riscontro di Radio 24 soprattutto nel tardo pomeriggio ed il forte interesse per lo sport nel weekend di Rai Radio1.

Più omogeneo e costante, invece, il seguito di RTL 102.5 nell’arco delle 24 ore.

Altro dato interessante è quello delle superstation che, messe in condizioni alla pari dei network, si avvicinano all’ascolto di questi ultimi, talvolta superandoli.

Dall’undicesimo al ventesimo posto, ben 6 su 10 sono emittenti non nazionali e, ancora una volta, il contenuto talk-calcistico diventa premiante, determinando il successo di Radio Sportiva.

L’ascolto della radio via app, per quanto spalmato su tutte le età, ha una componente anagrafica abbastanza giovane e da questo dato si evince il riscontro di ben 4 emittenti dance quali m2o, Discoradio, Radio Ibiza e One Dance.

Il dato semestrale, tuttavia, non mette in evidenza alcune oscillazioni delle sessioni che portano a volte in “top 20” emittenti native digitali, quali RDS Relax, NBC Milano (e la sua seconda rete 70/80 Hits), Lolliradio (la più seguita su FM-world è Hits), Radio Milano International, Radio Millennium Power 90, House of Frankie e – recentemente – TRX Radio.

Si tratta indubbiamente di un segnale, legato al fatto che l’utente non si limita all’ascolto dei brand già noti, ma ama sperimentare e cercare altri flussi (quasi sempre “verticali” nel loro genere) che possano assecondare meglio i propri gusti.

L’app di FM-world, intanto, continua a crescere ed oggi è disponibile sugli store iOS, Android, Windows, Huawei, nonchè sulle smart tv Samsung.

* Vuoi inviare una segnalazione o un comunicato stampa a FM-world? Contattaci all’indirizzo info@fm-world.it

Potrebbero interessarti

LatteMiele, un’emittente rinnovata con l’obiettivo di crescere
Talkmedia
196 visualizzazioni
Talkmedia
196 visualizzazioni

LatteMiele, un’emittente rinnovata con l’obiettivo di crescere

Redazione - 18 Settembre 2020

Nei giorni scorsi, avevamo anticipato le novità del palinsesto di Radio LatteMiele. Ora l'emittente si presenta con un comunicato stampa…

Renzo Arbore ed i 50 anni di ‘Alto Gradimento’: “Il segreto della radio? La fantasia”
Talkmedia
55 visualizzazioni
Talkmedia
55 visualizzazioni

Renzo Arbore ed i 50 anni di ‘Alto Gradimento’: “Il segreto della radio? La fantasia”

Nicola Franceschini - 18 Settembre 2020

"La radio è il regno della fantasia, puoi inventarti tutto quello che vuoi". A dichiararlo è uno dei "Signori" della…

Il ‘peso’ dei media tradizionali: Gerry Scotti cita la radio in tv e fa volare i contatti di FM-world
Talkmedia
198 visualizzazioni
Talkmedia
198 visualizzazioni

Il ‘peso’ dei media tradizionali: Gerry Scotti cita la radio in tv e fa volare i contatti di FM-world

Nicola Franceschini - 18 Settembre 2020

Quanto pesano i media tradizionali sul web? È una domanda che ci siamo posti, dopo la puntata di "Chi vuol…