Tv locali: iniziate le operazioni di fusione fra il gruppo Sciscione e Netweek

A cura di Mauro Roffi

Asian young adult man watching TV and changing channel with remote control. Narrow focus on buttons and hand in foreground, cropped view.

Poco prima di Ferragosto è stata resa nota una novità di indubbio rilievo nel campo della Tv, in specifico delle Tv locali. Si tratta dell’annuncio della prossima fusione fra alcune attività editoriali e televisive del noto gruppo Sciscione, da anni in grande espansione fra emittenti nazionali e locali, e il gruppo (quotato) Netweek, cui fanno capo tutta una serie di testate locali a stampa e on line e che da alcuni mesi a questa parte (con la seconda fase della Tv digitale in Italia) ha iniziato un’estensione delle operazioni proprio al campo delle Tv locali (d’informazione); in particolare l’attività in questo campo è cominciata, già da qualche mese, a partire dalla Lombardia (Primanews).

Dopo una prima versione del progetto di fusione resa nota nella scorsa primavera, ora è il momento di andare avanti più concretamente con una ‘revisione’ che sembra incentrare l’operazione (almeno per ora) appunto sul campo delle Tv locali, mentre nel comunicato stampa relativo non si cita più la rete nazionale (di televendite) più illustre del gruppo Sciscione, la ex HSE, che è appena stata ribattezzata (dopo il periodo in cui ha trasmesso come GM24, marchio che comunque resta in onda sulla Lcn 63) 37, semplicemente sulla base del numero Lcn utilizzato. Nel comunicato stesso si parla poi di ‘fusione fra Netweek e alcune Tv locali di Media Group (la società degli Sciscione per l’emittenza locale)’, lasciando aperto qualche interrogativo su chi resterà fuori dal progetto (magari le Tv locali ‘storiche’ del gruppo Sciscione, quelle del Lazio?). In ogni caso la maggioranza assoluta del gruppo costituendo sarà appunto degli Sciscione.

Riportiamo comunque i termini del progetto, dal comunicato di cui sopra:

“Netweek S.p.A, quotata al mercato MTA, rende noto che i consigli di amministrazione di Netweek S.p.A. e Media Group S.r.l., atteso il superamento solo in parte di talune condizioni sospensive di cui alla precedente delibera del 27 aprile u.s., si sono riuniti… per approvare il progetto di integrazione editoriale tra le attività del Gruppo Netweek e alcune emittenti televisive locali del Gruppo Sciscione. In tale prospettiva i rispettivi organi deliberativi hanno approvato… il progetto di fusione per incorporazione in Netweek S.p.A. della società Media Group S.r.l. titolare di 13 licenze televisive in tecnologia DTV”.

Ci si dilunga poi su alcuni aspetti finanziari e borsistici dell’operazione, precisando che “in forza delle risultanze valutative emerse con la fairness opinion redatta da Deloitte & Touche, all’esito dell’operazione di fusione gli attuali azionisti di Netweek (fra questi la famiglia Farina, storicamente attiva nel settore editoriale e tipografico; N.d.R.) vedranno diluita la propria quota di partecipazione al 32,8%, di cui circa il 22% farà capo all’attuale socio di riferimento D.Holding; al contempo, i soci di Media Group S.r.l. acquisiranno complessivamente una partecipazione pari al 67,2% del capitale della Società”.

La fusione in questione, comunque, “si inserisce nell’ambito di un più ampio progetto di integrazione editoriale tra le attività industriali della Famiglia Sciscione – da un lato – ed il circuito dei media locali del gruppo Netweek – dall’altro – all’esito del quale Netweek S.p.A. si proporrà al mercato italiano quale operatore leader nella comunicazione locale attraverso un’offerta multicanale che potrà contare sulla forza di un network di oltre 50 periodici di informazione, 45 portali online e 17 LCN in tecnologia digitale terrestre in onda presso 11 regioni italiane”.

Insomma, ci saranno altri sviluppi successivi.

Non mancano le dichiarazioni ‘di rito’.

“Netweek, grazie a questa operazione amplierà le proprie competenze in ambito televisivo favorendo una penetrazione nel mercato pubblicitario locale ancora più capillare attraversando con i propri media 11 regioni Italiane. Una leadership unica nella comunicazione locale che poggerà sulla comprovata capacità editoriale dei suoi oltre 120 strumenti di informazione, cui si affiancherà una rete commerciale proprietaria in grado di offrire un servizio di comunicazione a 360° alla PMI italiana” – ha commentato Alessio Laurenzano Presidente e Amministratore Delegato di Netweek.

“Siamo entusiasti di dar vita ad un progetto che consentirà alla nuova Netweek di estendere la propria leadership nella local communication attraverso una value proposition che integrerà media televisivi, cartacei e digitali” – hanno invece dichiarato Marco e Giovanni Sciscione, rispettivamente C.E.O. e Presidente del Gruppo Sciscione.

La fusione sarà realizzata tecnicamente mediante incorporazione della società Media Group S.r.l. (società incorporanda) in Netweek S.p.A. (società incorporante) e conseguente aumento di capitale di Netweek S.p.A. a servizio del rapporto di cambio riservato ai soci di Media Group S.r.l.

L’operazione, infine, “è in ogni caso subordinata all’avveramento di talune condizioni sospensive indicate nel progetto di fusione, … che qualora soddisfatte porteranno al completamento del progetto nel secondo semestre 2022”.

Mauro Roffi
mauro.roffi@fm-world.it

* Archivio News –> www.fm-world.it/news

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it