Radio Popolare piange la scomparsa di Raffaele Masto

29 Marzo 2020
711 Visualizzazioni

Grave lutto a Radio Popolare.

Ha recentemente perso la vita il giornalista Raffaele Masto, ricordato così dalla redazione dell’emittente:

Raffaele Masto era un conoscitore straordinario di cose di Africa.

Un giornalista e un viaggiatore vero, di quelli che vanno a vedere direttamente e poi riferiscono, senza farla troppo grossa ma con la capacità di avvolgerti nella storia che raccontano.

Per noi della radio lui era “Raffa”, da sempre, e per sempre il suo nome sarà associato ad alcuni ricordi.

Il primo è senza dubbio quello dell’umanità e della simpatia.

Raffa le aveva entrambe. Forti, dolci e calde. Sapeva alleggerire, sapeva ascoltare, era uno di quelli con cui è bello parlare e anche confidarsi. Era una sua dote.

Per quasi ognuno di noi aveva coniato negli anni un nomignolo, storpiando nome o cognome e lo usava ogni volta come saluto. A ognuno di noi almeno una volta ha dedicato il suo mantra “Tu sì che vai bene”, o il suo motto “Sono l’unico regolare qui dentro”.

Poi ci sono i suoi viaggi, l’Africa.

Raffa ogni tanto ci andava e poi la raccontava. A partire da storie grandi o da storie piccole, poco cambiava, come gli ascoltatori sanno. Lui è uno di quelli che l’Africa la raccontava già quando ancora in Italia nessuno o quasi ne parlava. Sull’Africa lui era il nostro vocabolario e la nostra bussola, di quasi ogni notizia poteva parlare perché in ”quel posto” lui c’era anche stato.

Era una miniera di aneddoti.

Poi ci sono i molti libri sull’Africa, quelli che lui ha scritto, e i moltissimi incontri in giro per l’Italia a cui lui veniva costantemente e continuamente invitato, per parlare di Africa. Lui appena aveva tempo accettava. Un’agenda fittissima, sulla cui base la segreteria cercava poi di costruire i suoi turni in redazione. Finchè non riusciva a partire per qualche nuovo viaggio.

In questo modo, fino a qualche mese fa, Raffa è stato con noi per anni ogni giorno in radio.

A lavorare, scrivere, raccontare, fare battute e alleggerirci la vita.

Poi di punto in bianco ha avuto un problema di salute importante, di punto in bianco ci ha tenuto con il fiato sospeso. Per settimane, finché è arrivato il trapianto di cuore, finché dopo un po’ anche il miracolo è sembrato possibile, finché passo dopo passo le cose si sono rimesse nella direzione giusta, sulla strada della speranza, e Raffa, anche se in ospedale, si è rimesso a sorridere, che era una delle sue caratteristiche principali e più belle.

Poi è arrivato il 21 febbraio, il virus. E in Italia da quel giorno tutto è cambiato per migliaia di persone. E da oggi purtroppo anche per noi.

Raffaele Masto era una persona allegra, umana, un grandissimo conoscitore dell’Africa, un narratore formidabile.

Per noi era Raffa, gli volevamo bene.

Tutta Radio Popolare abbraccia sua moglie Gisele e i suoi moltissimi amici.

Potrebbero interessarti

L’insediamento di Joe Biden in diretta su Rai Radio
Eventi
36 visualizzazioni
Eventi
36 visualizzazioni

L’insediamento di Joe Biden in diretta su Rai Radio

Redazione - 19 Gennaio 2021

Collegamenti da Washington e lunghe dirette: le testate Rai seguiranno con ampi spazi l’insediamento di Joe Biden, 46° Presidente degli…

Fu ‘Deejay’ a portare per prima l’audio stereofonico in tv in Italia
Primo piano
196 visualizzazioni
Primo piano
196 visualizzazioni

Fu ‘Deejay’ a portare per prima l’audio stereofonico in tv in Italia

Redazione - 19 Gennaio 2021

"Da lunedì 10 dicembre 1984, finalmente anche in Italia la televisione sarà stereo". Fu 'Deejay Television' il programma-test per il…

“Uno spazio perchè nessuna voce rimanga inascoltata”: nasce Radio Immagina
Eventi
154 visualizzazioni
Eventi
154 visualizzazioni

“Uno spazio perchè nessuna voce rimanga inascoltata”: nasce Radio Immagina

Redazione - 19 Gennaio 2021

Dopo l'anticipazione di alcuni mesi fa nella rubrica settimanale MilleRegioni, curata da Mauro Roffi, mercoledì 20 gennaio alle 8.00 prende…