Prix Italia: Rai Radio3 vince nella categoria ‘Radio Documentary and Reportage’

25 Settembre 2020
339 Visualizzazioni

Rai Radio3 ha vinto il 72° Prix Italia, il più importante premio internazionale per le produzioni radiotelevisive, nella categoria ‘Radio Documentary and Reportage’ con “Labanof – corpi senza nome dal fondo del Mediterraneo”, il primo podcast originale prodotto interamente da Rai Radio3. Labanof ha inoltre ottenuto la menzione speciale della Giuria del Premio Speciale in Onore del Presidente della Repubblica.

“Siamo particolarmente felici e anche orgogliosi” – ha dichiarato il direttore di Rai Radio3, Marino Sinibaldi – “di questo riconoscimento. Anzitutto perché Labanof tocca una delle pagine più sconvolgenti, eppure tra le più manipolate o rimosse del nostro tempo, ossia la morte “anonima” di migliaia di migranti nel mar Mediterraneo. E poi perché è un podcast originale interamente prodotto da Radio3 e destinato a circolare sulle piattaforme più diverse. Indica dunque che la Rai è all’altezza di quello che sarà il futuro della Radio”.

“Labanof – corpi senza nome dal fondo del Mediterraneo” è la quinta puntata di una serie di podcast tutta dedicata al lavoro di Cristina Cattaneo e del suo team. Il Labanof è il Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense dell’Università di Milano dove ogni giorno la professoressa Cristina Cattaneo con odontologi, biologi, archeologi e antropologi, lavora per restituire un’identità a chi morendo l’ha persa.

Dopo aver risolto per anni alcuni dei casi più controversi di identificazione post mortem della storia italiana recente, nel 2016 una telefonata porrà tutto il team Labanof di fronte a una sfida mai tentata prima: dare un nome alle vittime di una delle più gravi tragedie del mar Mediterraneo, il naufragio di un barcone al largo delle coste libiche avvenuto il 18 aprile 2015.

Da qui ha inizio una missione che tuttora li vede impegnati nello studio dei resti e degli effetti personali dei naufraghi. Restituire un’identità a tutti i morti sconosciuti, senza distinzione di provenienza, è l’obiettivo. Per ridare loro una dignità e per offrire risposte a chi rimane.

“Che cosa vuol dire cercare di dare un’identità a quelle che sono le vittime di un naufragio?” – chiede la professoressa Cristina Cattaneo – “La risposta è: dobbiamo farlo perché sono i diritti di tutti. Diritto alla salute e diritto all’identità dei miei morti perché mi serve per continuare la mia vita, è una questione di salute mentale di chi sta cercando il [suo] morto e una questione di banale vita amministrativa. Quindi è una questione di diritti umani. Di cose che dovrebbero essere obbligatorie”.

(Comunicato stampa)

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it

Potrebbero interessarti

Il Covid colpisce Lillo e Gerry Scotti: “Il virus c’è e mena forte!”
Talkmedia
72 visualizzazioni
Talkmedia
72 visualizzazioni

Il Covid colpisce Lillo e Gerry Scotti: “Il virus c’è e mena forte!”

Nicola Franceschini - 26 Ottobre 2020

Non rallenta la seconda ondata del coronavirus. L'epidemia non guarda in faccia a nessuno e, tra gli ultimi colpiti dal…

Il 26 ottobre 1944 nasceva la RAI – Radio Audizioni Italiane
Talkmedia
127 visualizzazioni
Talkmedia
127 visualizzazioni

Il 26 ottobre 1944 nasceva la RAI – Radio Audizioni Italiane

Redazione - 26 Ottobre 2020

Il 26 ottobre 1944 nasceva la RAI. Non ancora la Radiotelevisione Italiana che conosciamo oggi, ma le Radio Audizioni Italiane.…

Che impatto avrà il ‘semi-lockdown’ sugli ascolti radiofonici?
Talkmedia
153 visualizzazioni
Talkmedia
153 visualizzazioni

Che impatto avrà il ‘semi-lockdown’ sugli ascolti radiofonici?

Nicola Franceschini - 26 Ottobre 2020

Da oggi, lunedì 26 ottobre, entrano in vigore le nuove limitazioni dell'ultimo DPCM. Stop a cinema e teatri, chiusura per…