fbpx

Vanni Biordi: la voce radiofonica dell’Aquila

A cura di Mauro Roffi

Ci sono voci radiofoniche che per la loro personalità e il tipo di programmi che conducono diventano un riferimento assoluto per una città e una provincia o per una comunità. Figurarsi poi cosa può accadere in una città che ha dovuto affrontare tanti problemi specifici ed è stata colpita oltre dieci anni fa da un evento tragico come il terremoto, che ne ha segnato e ne segna tuttora il destino.

Parliamo di L’Aquila, città abruzzese che sta lottando dal 6 aprile 2009 per superare il trauma del sisma che l’ha così duramente ‘segnata’. La voce radiofonica che ha contrassegnato quelle vicende e anche molte altre prima e dopo è quella di Vanni Biordi di Radio L’Aquila 1 (o Radio Elleuno), che trasmette in FM da tanti anni sui 93.500 MHz.

Se ne è occupato, fra gli altri, il sito locale ilcapoluogo.it, in occasione della presentazione del libro ‘Diari di notte’ di Marcello Di Giacomo, “un’enciclopedia che racchiude gli ultimi 50 anni delle notti aquilane, della movida e del divertimento”. Biordi, secondo ilcapoluogo.it, “è un vero e proprio artista della voce, volto e ‘corda vocale’ di spicco per tantissimi anni della storica emittente radiofonica Radio L’Aquila 1, di cui ha visto la nascita nel lontano 1982.

Toscano di nascita e aquilano di adozione, Vanni è uno che non ha mai mollato: ha vissuto come tutti l’emergenza del post-sisma, quando, per fare Radio, ci si arrangiò in un container fino al 2014”. E Biordi, naturalmente, non ha mai pensato di lasciare L’Aquila per cercare una vita più semplice in un’altra città. Forse perché, come ha dichiarato lui stesso in una delle sue rare interviste, “questa città mi ha dato tutto, un lavoro, l’amore, e dovevo fare qualcosa anch’io”.

Ma vediamo di capirne qualcosa di più, grazie a un articolo comparso qualche tempo fa sul sito Musicaq. Intanto, “pochi giorni dopo il sisma, una delle prime cose a rinascere a L’Aquila fu proprio la Radio. Nonostante un trasferimento obbligato da via dell’Indipendenza (in pieno centro storico) a una postazione di fortuna, i colleghi di tutta Italia inviarono cuffie, amplificatori, microfoni e tutto il necessario per andare in onda. Non cambiò soltanto la collocazione, ma anche lo scopo della Radio: non più intrattenimento ma informazione costante.

Ciò nonostante, l’approccio è sempre stato positivo e propositivo: chi si sintonizzava in quei giorni ricorderà sicuramente lo slogan ‘Buongiorno dalla città più bella del mondo’, con cui Vanni Biordi apriva le trasmissioni ogni mattina”.

Già volto noto di Onda Tv di Sulmona, Biordi divenne appunto poi lo speaker radiofonico più noto di Radio L’Aquila 1. La storica emittente aquilana era stata inaugurata il 14 gennaio 1982 a Paganica con il nome di Radio Valleverde. Dal 2000 l’emittente ha invece assunto l’attuale denominazione, trasferendosi a L’Aquila in via dell’Indipendenza 13, da cui ha trasmesso appunto fino al 6 aprile 2009.

“Oggi Radio L’Aquila 1 è l’unica emittente radiofonica della città – scrive Musicaq – . Dal 19 marzo 2014 ha lasciato il container per trasferirsi nella nuova sede di via Giuseppe Saragat 24”.

Quanto a Vanni Biordi, in (opportuno) tono semiserio “i traumi e le tante delusioni giovanili lo hanno portato ad un inquietante sdoppiamento di personalità, facendolo diventare per metà sviluppatore di emozioni e per metà autore di programmi radiofonici, ottenendo un grande successo a livello condominiale. Attualmente collabora con Radio L’Aquila 1, tentando la conquista del mondo con un uso smodato di messaggi contorti e birra bionda fresca”.

Mauro Roffi
mauro.roffi@fm-world.it

* Archivio News –> www.fm-world.it/news

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it