“Perchè i media nazionali considerano poco le radio regionali?”: la riflessione di Gigio Rosa

29 Novembre 2020
366 Visualizzazioni

“Secondo voi, il mestiere dello speaker radiofonico è rappresentato più da chi trasmette in un network che copre la nazione intera o da chi trasmette su una radio legata ad un territorio più ristretto (locale/regionale)?”.

La domanda la pone un noto conduttore dell’etere interregionale campano, che ha ‘militato’ anche in nazionale: Gigio Rosa.

Da anni una della voci di punta di Radio Marte, Gigio Rosa – tramite il gruppo Talkmedia di FM-world – ha posto una questione interessante e che ha generato diversi commenti.

“La risposta più ovvia” – spiega Rosa nel post – “è che si tratta di due approcci differenti a questo straordinario lavoro e che quindi non sarebbe corretto assegnare a qualcuno una sorta di ‘titolarità’. I primi, quelli nazionali, hanno molti più paletti, responsabilità, frasario e tempi, oltre a limitazioni dialettali (se osservate) e molte altre dinamiche di cui tener conto, in primis il parlare ad un pubblico certamente più ampio, posizionato geograficamente tra i quattro punti cardinali della penisola, a tratti diviso, culturalmente differente. I secondi, quelli regionali/locali, hanno dinanzi problematiche analoghe ma di diverso tipo: più attenzione alla cultura del territorio, contenuti più familiari agli ascoltatori del bacino, riferimenti sportivi a squadre, presenza più frequente in esterna. Entrambi conoscono benissimo il mestiere e tutti i suoi aspetti, le tecniche e le difficoltà e soprattutto, sanno a quale pubblico si rivolgono”.

“In molti casi” – conclude la riflessione – i ‘regionali’ sono delle vere e proprie ‘stars’ nelle zone in cui operano, spesso anche più popolari ‘percentualmente’, dei colleghi nazionali, anche digitalmente (followers etc.)”.

La domanda che si pone Rosa, in conclusione è: “Come mai per interviste, pareri, opinioni, i media si rivolgono sempre e comunque agli speaker nazionali e mai a quelli locali, eventualmente scelti con equilibrate logiche zonali (ne basterebbero appena tre per rappresentare lo stivale)? È un fenomeno alquanto strano, a maggior ragione che il mondo digitale sta cancellando ogni giorno di più, latitudini e distanze fisiche, di conseguenza maggior potenzialità e competitività tra emittenti e quindi anche tra le voci; oltretutto alcune militano contemporaneamente sia in una nazionale che in una regionale, a dimostrazione che il divario professionale/tecnico/artistico è sempre più sottile. È soggezione da numeri? Fascino della potenza? Errata valutazione della competenze?.

E i commenti, inevitabilmente, non sono mancati.

Il gruppo FM-world Talkmedia è disponibile all’indirizzo www.facebook.com/groups/fmworld22.

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it

Potrebbero interessarti

Airplay: Irama conquista il vertice e supera Colapesce/Dimartino
Primo piano
51 visualizzazioni
Primo piano
51 visualizzazioni

Airplay: Irama conquista il vertice e supera Colapesce/Dimartino

Redazione - 11 Aprile 2021

Irama con "La genesi del tuo colore" supera Colapesce/Dimartino e diventa il brano più trasmesso in radio. Da un paio…

Radio Zeta estende la copertura FM in Puglia
Primo piano
176 visualizzazioni
Primo piano
176 visualizzazioni

Radio Zeta estende la copertura FM in Puglia

Redazione - 10 Aprile 2021

Radio Zeta estende la propria copertura FM in Puglia. Da quanto rilevato da un nostro lettore, la superstation del gruppo…

MilleRegioni, le voci del territorio (a cura di Mauro Roffi)
News
186 visualizzazioni
News
186 visualizzazioni

MilleRegioni, le voci del territorio (a cura di Mauro Roffi)

Redazione - 10 Aprile 2021

Le ultime notizie della settimana, nell’abituale rubrica curata da Mauro Roffi. Per contatti: mauro.roffi@fm-world.it Il sostegno di Regione Lombardia alle emittenti…