“Lo Zoo di 105” multato da AGCOM, la risposta di Mazzoli: “Non c’entrano le offese a donne e omosessuali”

“Il processo non è chiuso e le donne e gli omosessuali non c’entrano nulla con la questione, ma solo le parolacce, che diciamo da 23 anni e non sono una novità”.

Marco Mazzoli reagisce così sui social alla notizia della sanzione di 125.000 euro allo “Zoo di 105“.

Il programma che conduce da 22 anni, in onda ogni pomeriggio dalle 14.00 alle 16.00 su Radio 105, è stato sanzionato dall’AGCOM.

A Radio 105 si contestano in particolare due puntate specifiche del 2020, dove sono state segnalate 247 parolacce, oltre a messaggi di intolleranza e di allusioni sessuali.

La Commissione Servizi e Prodotti (CSP) dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha accertato la violazione dell’art. 34, comma 2, del Tusmar che vieta di trasmettere ‘programmi che possono nuocere allo sviluppo fisico, mentale o morale dei minori e film vietati ai minori di anni 14’.

L’AGCOM ricorda che “l’emittente Radio 105 era già stata diffidata in passato dall’Autorità per aver diffuso espressioni dal contenuto fortemente denigratorio in violazione del regolamento di contrasto all’hatespeech (Delibera n. 157/19/CONS)”.

Se la risposta di Mazzoli – che punta il dito in particolare contro “Il Fatto Quotidiano” che ha parlato di una sanzione di 250.000 euro – si è già fatta sentire, ora si attende una eventuale reazione da RadioMediaset.

* Archivio News –> www.fm-world.it/news

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it