“La radio per l’Italia”, Roberto Sergio: “Per la Rai è una testimonianza di servizio pubblico”

Uniti per l’Italia. E’ il senso dell’operazione che tutte le radio stanno organizzando per venerdì 20 marzo alle ore 11,00.

Rai Radio, insieme a tutte le altre radio italiane, manderà in onda l’inno di Mameli e tre canzoni del patrimonio musicale nazionale.

A quasi cento anni dal primo programma radiofonico del 6 ottobre 1924, per la prima volta in assoluto nella storia del nostro Paese, tutte le Radio Italiane, nazionali e locali, si uniranno per un’iniziativa di diffusione comune senza precedenti.

Per Rai Radio saranno tutte le radio del gruppo: Rai Radio 1, Rai Radio 2, Rai Radio 3, Rai Isoradio, grazie alla disponibilità dei direttori Luca Mazzà, Paola Marchesini, Marino Sinibaldi e Danilo Scarrone.

Inoltre, aderiranno all’iniziativa anche: Gr Parlamento, Rai Radio 1 Sport, Rai Radio 2 Indie, Rai Radio 3 Classica, Rai Radio Kids, Rai Radio Live, Rai Radio Techete’, Rai Radio Tutta Italiana.

“Partecipare a questa iniziativa è un dovere ma anche una chiara testimonianza del nostro ruolo di servizio pubblico – commenta Roberto Sergio, direttore Rai Radio -. Rai Radio vuole con forza far sentire la voce dell’Italia che combatte questa battaglia ed è al fianco di tutti gli italiani.

I direttori dei quattro canali principali hanno subito aderito alla proposta, e come gruppo sono orgoglioso di poter dare il via all’operazione. In questi giorni i colleghi di Rai Radio stanno facendo un lavoro encomiabile, quasi tutti in smart working da casa, altri negli studi, tutti con grande entusiasmo e senso di appartenenza.

In un momento come questo sento tutti i colleghi propositivi e pronti a fare. Arrivano proposte di nuovi programmi, alcuni stanno partendo. Una vera testimonianza di unità da parte di tutti i canali, generalisti e specializzati”.

(Comunicato stampa)

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it