I 46 anni di Radio Milano International: tre emittenti per un progetto unico

Il 10 marzo 1975 nasceva Radio Milano International.

Pur non essendo stata la prima emittente privata in assoluto, RMI è il simbolo dell’esordio delle ‘radio libere’ in Italia.

I nomi dei quattro fondatori fanno parte della storia dell’etere del nostro Paese: Angelo e Rino Borra, Piero e Nino Cozzi.

La sintesi è riassunta sulle pagine del sito dell’emittente.

Radio Milano International – si legge – al suo inizio, dopo alcune vicissitudini legali che portarono anche al fermo e al sequestro delle apparecchiature, riuscì ad avere la meglio e a riprendere legalmente le trasmissioni, rompendo definitivamente il monopolio di Stato. La conseguenza di questo successo legale, ottenuto attraverso la costanza e l’impegno del suo fondatore Angelo Borra, diede vita ad un nuovo mercato delle radio libere, segnando il punto di partenza dal quale sarebbero nate le successive emittenti radiofoniche e televisive private in Italia.

I disc jockey che hanno trasmesso dai 101 MHz sono ancora oggi noti al grande pubblico: Gerry Bruno, Claudio Cecchetto, Gigio D’Ambrosio, Lilli Guacci, Moreno Guizzo, Jonathan Jan, Massimo Oldani, Leonardo “Leopardo” Re Cecconi, Gerry Scotti, Fausto Terenzi, Dr. Vibes, Patrizia Zani ed altri ancora.

La pandemia non consentirà di celebrare il 46esimo compleanno di Radio Milano International con una festa, ma quest’anno l’emittente può vantare per la prima volta ben tre reti sotto un unico marchio: Radio Milano International (tornata recentemente in FM e presente anche in DAB+), Radio Milano International Classic e Radio Milano International New Vibes.

Tre canali diversi e complementari – online all’indirizzo radiomilano.international – che descrivono in pieno il progetto dell’emittente, che guarda al futuro senza dimenticare il passato.

Tanti auguri Radio Milano International!

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it