Come cambia la pubblicità radiofonica: le tre nuove proposte di RTL 102.5

26 Febbraio 2019
2709 Visualizzazioni

RTL 102.5, Radiofreccia e Radio Zeta lanciano ufficialmente nuovi format di pubblicità che sostituiscono il classico spot radio.

Il progetto è stato presentato nel corso di una conferenza, tenutasi a Milano, dove i vertici del gruppo hanno raccontato l’evoluzione che ha contraddistinto il gruppo.

Un percorso nato a fine anni ’80, quando RTL 102.5 entrava in un mercato già caratterizzato da diverse emittenti radiofoniche nazionali, puntando su innovazioni che ne hanno poi caratterizzato il successo: la diretta h24, l’isofrequenza, la programmazione di sole hit.

Negli anni 2000, con un ecosistema più ampio caratterizzato non solo dai media tradizionali, ma dall’arrivo del web e delle pay-tv, è arrivata la radiovisione.

Un passaggio – a detta di Virgilio Suraci, amministratore di Open Space – che non ha spinto la radio a diventare tv, ma una evoluzione dei contenuti che potevano essere così fruiti anche sullo schermo, senza snaturare l’origine.

Oggi viviamo un’epoca di “iperconnessione”, dove il pubblico è costantemente “bombardato” di contenuti e invitato all’interazione. In questo contesto, anche la radiovisione ha ampliato il proprio spettro.

Un cambiamento che Suraci ritiene essere l’evoluzione dell’isofrequenza e che porta l’ascoltatore della radio a seguire il proprio canale preferito utilizzando i più svariati device, per seguire un contenuto che è comunque lo stesso per tutti. Un simulcast che coinvolge FM, DAB+, smart speaker, autoradio, mobile, digitale terrestre, satellite e web.

A tutti gli effetti, con una generazione che ha cambiato i propri ritmi, avere un effetto moltiplicatore come questo aumenta l’efficacia della campagna.

Obiettivo, quindi, è quello di raggiungere ogni angolo dell’Italia (e non solo).

Oggi RTL 102.5 distacca le concorrenti proprio per questa multipresenza, a partire dai quasi 2 milioni (1.933.000) che dichiarano di ascoltare l’emittente solo grazie alla televisione.

Tre dunque i nuovi format di spot che lancia la radio.

Il primo è l’Openspot, uno spot in onda alla fine del clock orario che dispone di un video, ma il cui audio deve essere adatto anche per chi sta seguendo il contenuto dalla radio, senza che la mancanza delle immagini ne limiti l’efficacia.

Il secondo è il Lyrics, in onda al minuto 20 ed al minuto 40. Sono i classici spot audio che nelle versioni video sotto sottotitolati, per far sì che siano “leggibili” dallo schermo, generalmente caratterizzati da una immagine “fissa” dell’oggetto delle pianificazione pubblicitaria.

Infine, la “radiopromozione” dove gli speaker diventano testimonial del prodotto, senza essere eccessivamente invasivi, inseriti all’interno della programmazione, in tre brevi punti nell’arco dell’ora.

Suraci conclude il discorso sostenendo che al mercato sono in grado di offrire, oggi, una “total audience” nella pianificazione delle campagne. Pubblicità che viene proposta per tutte e tre le radio, presenti su tutte le piattaforme, andando quindi a coprire fasce di pubblico diverse e complementari.

Questo il comunicato stampa della presentazione:

La nuova frontiera della pubblicità radiofonica aperta dal gruppo RTL 102.5 consente di sfruttare al massimo tutte le opportunità di contatto offerte dalle tecnologie più innovative senza perdere le peculiarità specifiche della radio.

La radio, infatti, diversamente dagli altri mezzi permette di seguire in tutti i momenti della giornata e in qualsiasi luogo il suo ascoltatore, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Queste caratteristiche, inizialmente sfruttate da RTL 102.5 con l’idea dell’isofrequenza, si sono evolute nella forma della “Radiovisione”.

Il processo, portato avanti con importanti investimenti tecnologici dal 2008, è partito con la trasmissione dei contenuti editoriali in contemporanea su tutte le piattaforme via via disponibili, migliorando sempre negli anni la qualità e la distribuzione.

Nel 2018, alla luce del successo riconosciuto dagli ascoltatori al progetto editoriale, il sistema di trasmissione in totale simulcast su tutti i device disponibili è stato applicato anche all’emissione della pubblicità.

In questo modo anche i clienti che scelgono le radio del gruppo RTL 102.5 possono ottimizzare il loro investimento, utilizzando al meglio tutte le opportunità di contatto offerte dalle nuove piattaforme di trasmissione.

A seguito di questo passaggio “epocale” i nuovi ed esclusivi format di pubblicità previsti nel 2019 su RTL 102.5, Radio Zeta e Radio Freccia sono: i “Lyrics”, che sostituiscono il classico spot radio, l’Openspot , il format più evoluto e qualitativo per la sua posizione, e le classiche “RadioPromozioni”.

Potrebbero interessarti

Levante la più trasmessa in radio, a due mesi da Sanremo
Chart e trend
30 visualizzazioni
Chart e trend
30 visualizzazioni

Levante la più trasmessa in radio, a due mesi da Sanremo

Nicola Franceschini - 3 Aprile 2020

Circa due mesi fa, andava in scena la settantesima edizione del Festival di Sanremo. Sembra passata un'eternità, dagli affollamenti davanti…

Luca Viscardi verso la ripresa dopo il Covid 19: “Meglio due giorni in più in casa dell’incubo da cui mi sono svegliato”
News
117 visualizzazioni
News
117 visualizzazioni

Luca Viscardi verso la ripresa dopo il Covid 19: “Meglio due giorni in più in casa dell’incubo da cui mi sono svegliato”

Nicola Franceschini - 3 Aprile 2020

Luca Viscardi si sta lentamente riprendendo dal coronavirus, dopo 26 giorni in ospedale. E' lo stesso station manager di Radio…

“Chi noleggia auto dotate di radio, non deve pagare i diritti d’autore”: il caso svedese
News
51 visualizzazioni
News
51 visualizzazioni

“Chi noleggia auto dotate di radio, non deve pagare i diritti d’autore”: il caso svedese

Nicola Franceschini - 3 Aprile 2020

Una società di noleggio auto, con mezzi dotati di ricevitore radio, deve pagare i diritti d'autore? La domanda se la…