Apple Music: Cupertino sfida Spotify

12 Giugno 2015
1130 Visualizzazioni

Non sono abituati a stare a guardare in casa Apple e, dal convegno di San Francisco per sviluppatori, hanno lanciato tutte le novità dei prossimi mesi della mela morsicata.
La più importante fra queste è senza dubbio Apple Music, un software che permette di ascoltare musica in streaming, uno dei pochi tasselli che mancavano per completare il quadro generale dell’azienda, creato con l’intento di eguagliare e superare gli attuali leader del settore Spotify, Deezer, Tidal e così via.

Fino a questo momento iTunes aveva padroneggiato in lungo e in largo in campo musicale, ma l’arrivo in particolar modo di Spotify ha cambiato le regole del gioco, costringendo le alte sfere di Cupertino ad adeguarsi, implementando dove possibile la qualità del servizio.

Le novità fondamentali sono poche, come l’assenza di una modalità free (il servizio sarà solo a pagamento) o la possibilità di creare un account “famiglia” fino a sei utenti ad un prezzo notevolmente conveniente. La versione per singolo utente costerà 9,99 dollari al mese come la concorrenza, mentre la versione famiglia costerà 14,99 dollari.

Apple ha assoldato un team di esperti per creare le playlist perfette in base alle preferenze degli utenti: più gli utenti ascoltano brani, più i curatori musicali sono accurati. La sezione “For You” di Apple Music propone un mix di album, nuove uscite e playlist, che dovrebbe adattarsi perfettamente ai gusti dell’utente.

La novità assoluta, quella che unisce passato, presente e futuro, è Apple Music Radio Beats 1. 24 ore su 24 live in oltre cento paesi guidata da DJ Zane Lowe a Los Angeles, Ebro Darden a New York e Julie Adenuga a Londra.

In pratica una parte della vecchia radio, la parte FM, scompare definitivamente dai radar mondiali, dando la possibilità al “formato” della radio in senso lato, conduzione umana, scelta dei brani legata al dj, condivisione in diretta con gli ascoltatori, di rinascere nel nuovo mondo digitale.

Apple Music Radio offrirà stazioni create da alcuni grandi  DJ in una serie di  generi che vanno dal rock indipendente ai classici, dal folk al funk. Con l’abbonamento, gli utenti potranno scegliere di saltare tutti i brani che vorranno, per ascoltare così un’altra canzone senza cambiare stazione.

Tutti questi servizi saranno resi disponibili dal 30 giugno. Pochi giorni, dunque, e il mondo della musica sbarcherà nel futuro.

Siete pronti a navigare in un mare fino a oggi sconosciuto?

Articolo a cura di Alvise Salerno

  


Source: RadioSpeaker.it

Potrebbero interessarti

Levante la più trasmessa in radio, a due mesi da Sanremo
Chart e trend
32 visualizzazioni
Chart e trend
32 visualizzazioni

Levante la più trasmessa in radio, a due mesi da Sanremo

Nicola Franceschini - 3 Aprile 2020

Circa due mesi fa, andava in scena la settantesima edizione del Festival di Sanremo. Sembra passata un'eternità, dagli affollamenti davanti…

Luca Viscardi verso la ripresa dopo il Covid 19: “Meglio due giorni in più in casa dell’incubo da cui mi sono svegliato”
News
117 visualizzazioni
News
117 visualizzazioni

Luca Viscardi verso la ripresa dopo il Covid 19: “Meglio due giorni in più in casa dell’incubo da cui mi sono svegliato”

Nicola Franceschini - 3 Aprile 2020

Luca Viscardi si sta lentamente riprendendo dal coronavirus, dopo 26 giorni in ospedale. E' lo stesso station manager di Radio…

“Chi noleggia auto dotate di radio, non deve pagare i diritti d’autore”: il caso svedese
News
52 visualizzazioni
News
52 visualizzazioni

“Chi noleggia auto dotate di radio, non deve pagare i diritti d’autore”: il caso svedese

Nicola Franceschini - 3 Aprile 2020

Una società di noleggio auto, con mezzi dotati di ricevitore radio, deve pagare i diritti d'autore? La domanda se la…