fbpx

Aldo Grasso contro le ‘radiovisioni’: “Il bello della radio è l’invisibile”

Aldo Grasso si scaglia contro la visual radio.

In uno dei suoi seguiti editoriali sul ‘Corriere della Sera’, il noto critico radiotelevisivo sostiene che l’ascolto della radio è principalmente mobile, per cui il video diventa una forzatura.

In particolare, Grasso fa riferimento alla nuova versione visual di Rai Radio2, lanciata a fine settembre su RaiPlay.

“Radio2 sembra una specie di tv di serie B, tuona senza mezzi termini.

“Il tesoro più grande della radio è la sua straordinaria capacità di creare delle fisionomie auditive, altrettanto spiccate e inconfondibili di quelle visive” – aggiunge – “di dare libero sfogo all’immaginazione dell’ascoltatore. Il bello della radio è l’invisibile.

Affermazioni nette, senza alcun riferimento ai network che già da tempo si avvalgono della cosiddetta ‘radiovisione’.

Parole condivisibili? O affermazioni che – in seguito anche alla presenza dei social network – fanno riferimento ad un tipo di radio che ormai non c’è più?

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it