Rai Radio2 raddoppia i “Live” per intrattenere gli italiani che “restano a casa”

14 Marzo 2020
1041 Visualizzazioni

Nell’attesa di tornare nelle piazze, nei teatri, nelle arene, Rai Radio2 mantiene alto il tasso di buona musica nelle case dei suoi ascoltatori raddoppiando l’appuntamento settimanale con i live a partire da sabato 14 marzo dalle 21 alle 22.

Primo concerto in cartellone il “Radio2 Live” dei Negrita, l’evento che ha celebrato i 25 anni di carriera della band. Per l’occasione, a calcare insieme ai Negrita il palcoscenico della Sala B di Via Asiago a Roma, a sorpresa anche Francesco De Gregori.

Una collaborazione nata da un rapporto di reciproca stima che ha dato vita a esecuzioni inedite.

Domenica 15 marzo, sempre dalle 21, Rai Radio2 cambierà mood e suonerà Boomdabash. Band salentina dal sapore reggae, negli ultimi anni ha spopolato con hit come “Per un milione” o “Mambo salentino”.

#IORESTOACASA perché con Rai Radio2 stare a casa non vuol dire rinunciare al piacere della musica live.

(Comunicato stampa)

Potrebbero interessarti

Regione per regione: gli ascolti areali, secondo i dati RadioTER
Ascolti
203 visualizzazioni
Ascolti
203 visualizzazioni

Regione per regione: gli ascolti areali, secondo i dati RadioTER

Nicola Franceschini - 27 Gennaio 2021

In sei regioni su venti, la radio più ascoltata è RTL 102.5. Radio Kiss Kiss ne conquista tre, mentre con…

Giorno della Memoria: ‘speciale’ su Radio Marconi
Primo piano
25 visualizzazioni
Primo piano
25 visualizzazioni

Giorno della Memoria: ‘speciale’ su Radio Marconi

Redazione - 27 Gennaio 2021

La lettura del libro di François le Lionnais Dipinti a voce. Sopravvivere con l'arte in un lager nazista, realizzata dalla…

“Gli Occhi della Storia”: Giornale Radio in occasione del Giorno della Memoria
Primo piano
25 visualizzazioni
Primo piano
25 visualizzazioni

“Gli Occhi della Storia”: Giornale Radio in occasione del Giorno della Memoria

Redazione - 27 Gennaio 2021

Il 27 gennaio si celebra in tutto il mondo la Giornata della Memoria della Shoah, che ricorda lo sterminio pianificato…