FM-world e il Festival. Rudy Neri (Radio Delta International): “Sanremo è Sanremo e se ve lo dico io…”

Conoscete la storia del tormentone “Perchè Sanremo è Sanremo”? Noi sì, ora che ce l’ha raccontata chi la ha portata al grande pubblico, Rudy Neri di Radio Delta International.

FM 100.5

Radio Delta International è una storica radio FM italiana: una di quelle dove, leggendone l’evoluzione, paiono essere passati tutti.

È anche una radio il cui editore – lungi dal vendere tutto ai network – ha sempre deciso di lavorare in una dimensione locale che, con un termine che va oggi di moda, potremmo definire sostenibile. Creando programmi accattivanti e sempre legati al cosiddetto territorio.

Ma non è di questo che vogliamo parlare oggi. Piuttosto del fatto che il famoso tormentone “Perché Sanremo è Sanremo” è stato cantato e reso popolare proprio da uno dei suoi conduttori, Rudy Neri.

Intervista esclusiva

Abbiamo pertanto pensato di farci raccontare la storia di questo brano direttamente dalla sua voce, con un’intervista raccolta rocambolescamente mentre stava impacchettando microfoni e mixer per la trasferta sanremese.

FM-world: Intanto raccontaci che cosa fai a Radio Delta International.

Rudy Neri: Ciao a tutti gli amici che sono collegati con noi e ciao Marco. Beh innanzitutto un programma dal nome Delta Live, il suo slogan è “Delta Live non ti cambia la vita ma te la migliora” tutti i giorni due ore di diretta e poi curo la parte artistica della radio.

FM-world: Infatti, l’abbiamo scritto su FM World,  Radio Delta International dopo tanti anni passati come radio solo automatica è tornata a essere una radio anche con un tocco umano, che fa sempre piacere. Però oggi volevamo parlare di una cosa che è legata a Sanremo perché tu hai una storia molto interessante da raccontarci riguardo al famoso tormentone, raccontacela.

Rudy Neri: Il tormentone del festival, allora vi racconto velocemente i miei primi due festival, anno 1994 e 1995 con i Prefisso. Nel 94 la prima canzone ovviamente è rap ma con la parte melodica, proprio lì al festival di Sanremo vinciamo il Sanremo Giovani. Perché vincevano i primi due gruppi e noi come gruppo vinciamo proprio il Sanremo 1994 con la canzone “Avevo bisogno di te”.

Nel 95 nella sezione “Nuove proposte”, anche qui un vero slogan perché chi più ne ha più ne ha più ne metta, avrei voluto fare ma no non c’è fretta, entrambi festival del grande e mitico Pippo Baudo, grandi ricordi… e poi nel 1996 è arrivata la chiamata dell’indimenticabile maestro Caruso per cantare e rappare la sigla del festival.

FM-world: Come mai questa canzone è diventata così famosa e così è proprio diventata un tormentone, cos’è stata la molla?

Rudy Neri: Te ne faccio una rapatina, la vuoi live?

E qui, cari lettori, vi tocca proprio ascoltare il podcast, perchè neppure whisper.ai è in grado di trascrivere degnamente il rappeggiante Rudy.

Rudy Neri: Lo ricordo proprio per la telefonata di quella mattina del 1996, la ricordo riutilizzata anche nell’anno 2002 sempre con il festival di Pippo Baudo, però durante l’annata tutte le trasmissioni utilizzano lo slogan della sigla e di questo tromentone “perché Sanremo è Sanremo”.

FM-world: Ultimissima cosa, tu sarai presente in live da Sanremo per la tua radio,  quando?

Rudy Neri: Si con l’editore Giovanni Ciminelli di Radio Delta International abbiamo organizzato un altro speciale festival di Sanremo come facciamo ogni anno, e ci piace molto.

Noi saremo in diretta con Delta Live tutte le sere dalle ore 21 a raccontare il festival di Sanremo, sintonizzatevi perché racconteremo un sacco di aneddoti, avremo un sacco di ospiti tutte le sere per tutte le cinque serate, tutto in diretta a raccontare ovviamente la nuova edizione del festival di Sanremo. Lo ricordiamo, siamo arrivati alla 74esima edizione e viva sempre il festival della canzone italiana.

FM-world: Vediamo se ho studiato: FM 100.5 per Legnano e zone collegate, il DTT e la app…

Rudy Neri: …E il DAB! In Lombardia e Piemonte.

(A cura di Marco Barsotti)

Sono ancora sostenibili le emittenti territoriali? Il caso Radio Delta International, con Giovanni Ciminelli

Sono ancora sostenibili le emittenti territoriali? Le stazioni legate a una città o a un territorio ben delimitato hanno ancora un ruolo nella società odierna, dove la musica si può richiedere a Spotify e le notizie ci arrivano in tempo reale via social?

Ma soprattutto, è ancora economicamente conveniente essere editori di una emittente locale?

Vorremmo con questa rubrica trovare qualche risposta a questi interrogativi e lo faremo tramite una serie di interviste a selezionati editori proprio di questo tipo di stazioni. Come sempre, chi è interessato a raccontare la sua storia può candidarsi scrivendo a [email protected].

La registrazione completa dell’intervista è disponibile a questo indirizzo.

 

 

L’intervista

MHB: Siamo con Giovanni Ciminelli, l’editore di Radio Delta International, radio che ha sede a Legnano: una radio storica, per cui come prima domanda chiedo di raccontare in breve la storia della tua radio. 

GC:  Radio Delta è nata nel 1976 da due soci, ma era come hobby all’inizio. Poi sono arrivato io nel 1984, prima ero dipendente della società, poi ho rilevato le quote e ho preso le redini della radio.  

Avendo tante frequenze ci sono tanti costi, come sai benissimo Marco, perché avevamo più ripetitori, noi anche Milano, Varese, Como. Abbiamo deciso quindi di cedere la frequenza principale a un’altra radio qui in Lombardia (105.1  a Lifegate N.d.R) e noi abbiamo tenuto la frequenza locale su Legnano.  

La radio oggi non vive di gloria perché è si una radio molto locale, però è presente sul territorio perché facciamo tanti eventi, siamo a contatto con la gente, con i clienti, organizziamo parecchie feste nelle piazze, le notti bianche tra Legnano, Parabiago, Nerviano e altri paesi qui intorno. 

Abbiamo anche vari contatti con l’amministrazione comunale, che spesso ci dà l’incarico di realizzare questi eventi.  

Non solo radio 

Essendo presenti oltre alla radio con un giornale online e con l’agenzia di pubblicità andiamo a completare la comunicazione ai nostri clienti.  

Quindi la nostra pianificazione è a 360 gradi, andiamo a toccare il giornale, la radio, la parte visual, la cartellonistica e i social: e il cliente ha riscontro.

Perché Il cliente spende se ha riscontro: la radio non deve essere una spesa per il cliente, deve essere un investimento. 

Da Wisky a Rudy 

MHB: Quando ci siamo conosciuti, ormai era 20 anni fa, la tua radio andava quasi sempre tutta in automatico, una specie di Gammaradio. Pensavo perfino che facesse funzionare tutto il tuo cagnolino Whisky, perché lo avevo visto davanti al computer principale quando eravamo da te per Radio Fitness. Invece dopo, un bel giorno hai deciso che no, si tornava a fare programmi ed essere una vera radio. Cos’è che è successo? 

GC: Era ritornato Rudy, dopo essere stato a Radio Italia Network e altre emittenti. Torna e ci dice “dai proviamo a fare qualcosina”. 

Abbiamo ricominciato a fare trasmissioni per provare e da lì, sette anni fa siamo ripartiti e non ci siamo più fermati, anzi abbiamo ampliato le trasmissioni in diretta. 

 Facciamo tanti collegamenti esterni perché noi viviamo il territorio dai clienti con la gente. Abbiamo chiesto l’aiuto anche di Massimo Biggi perché non riuscivamo più a coprire le ore di trasmissione in diretta.  

Fare squadra

Essere in piazza, essere presenti, dare un servizio al cliente che dia un riscontro e fare squadra.  

Questa è la medicina di una radio locale. Perché le radio locale tipo la nostra hanno tanta vita davanti, hanno forse problemi le radio pluriregionali perché hanno costi altissimi e sappiamo bene cosa costa la corrente e cosa costano gli affitti. 

MHB: Una cosa interessante che dicevi prima, l’offerta globale: quindi quando con la tua agenzia promuovi un’attività, un centro commerciale, una qualunque attività non proponi solo la radio, ma gli proponi tutto, capisco giusto? 

GC: Noi gli proponiamo un ventaglio a 360 gradi e poi cerchiamo di studiare il messaggio che sia diretto al target giusto. 

Poi  avendo l’agenzia pianifichiamo anche altre radio: collaboriamo con Radio Sportiva, con Radio Studio +, con Rete 8 FM di Varese, Radio Birikina: diamo al cliente, in base al target che serve, il canale giusto. 

Oggi noi siamo diventati dei consulenti, non più agenti e più rappresentanti. Consulenti. Cerchiamo di dare consigli alla gente su come spendere i soldi, come investire i soldini che portino riscontro. Questa è la nostra forza, che molte agenzie non hanno. 

DAB

MHB: Solo recentemente siete arrivati sul DAB. Ti sembra che porti qualcosa? Perché è esperienza di questi giorni che solo in DAB, anche con grandi nomi in onda, non sempre si raggiungono gli obiettivi sperati. 

GC: Il DAB è prematuro, il DAB va fatto conoscere. Sai quanti hanno una macchina con dentro il DAB e non sanno di avere il DAB?  

Va fatta tanta comunicazione, Io sono uscito parecchie volte con la pubblicità di Radio Delta International con il DAB, pubblicizzando il DAB. Come qualunque cosa che fai nella vita: devi promuoverla e farla conoscere. Se lo fai , piano piano, arrivano i riscontri. A noi  qualcuno manda dei messaggi su WhatsApp dicendo che ascolta in DAB. Fra 6-8 anni il cavallo di battaglia sarà il DAB, perché è un suono digitale pulito, non ha disturbi, dove arriva il segnale si sente benissimo. 

Rottamazione FM? 

MHB: Parliamo di spegnimento dell’FM. Inutile che ti ricordi le polemiche a distanza tra l’allora direttore di Radio RAI e l’editore di RTL 102.5…. 

GC: Allora… È prematuro spegnere e poi è un problema per chi ha fatto degli investimenti in postazioni.…milioni di Euro per acquistare le frequenze. 

Quindi si, ci sarà gradualmente lo spegnimento tra qualche anno, oppure ci sarà la rottamazione come ha fatto anche la televisione per rientrare, perché c’è gente che …. 

MHB: …No, la rottamazione non possono farla, perché nel campo del digitale terrestre le frequenze sono passate alle telco, che hanno pagato i soldi allo Stato per averle; quindi, quei soldi erano disponibili per darli a chi spegneva: ma dei pochi MHz dell’FM non importa niente a nessuno, sono troppo pochi per 5G, 6G o altre tecnologie digitali. 

GC: Beh forse allora arriverà qualcuno dall’estero che  entrerà qui in Italia con 100 W. Ma secondo me chi ha investito tanto sarà difficile che la abbandoni.

La abbandoneranno le radio che non riescono a sopportare le spese di affitto, anche perché mano che si va avanti c’è anche un cambiamento di pianificazione pubblicitaria.

I clienti stessi, se prima investivano 100 sulla radio adesso ne investono 20. Perché ci sono i social, ci sono altri canali di comunicazione. (M.H.B. per FM-World)