Tv in Calabria: con lo switch-off si fa luce Jonica Radio Tv

A cura di Mauro Roffi

In Calabria sembra piuttosto lento il processo di assestamento delle Tv locali dopo il recente switch-off, che anche in questa regione, come un po’ in tutte le altre, ha portato novità e qualche ‘taglio’, anche se in questo caso non ci sono stati gli ‘sconvolgimenti’ avvenuti altrove. Merito della disponibilità di diversi mux, a partire naturalmente da quello regionale di 1° livello gestito da EI Towers sul canale 32 UHF e passando per altri tre di 2° livello, gestiti in effetti, attraverso alcune ‘varianti’, da un unico protagonista, il gruppo Adn Italia, da anni dominante in regione nel campo radiotelevisivo.

I mux di 2° livello diffondono sul canale 42 principalmente per la provincia di Catanzaro, sul canale 34 per la provincia di Vibo Valentia e sul canale 45 sempre principalmente per la provincia di Vibo Valentia.

Già il fatto che un gruppo come Adn Italia, che nasce proprio radiofonico anche se da molti anni è del tutto impegnato a pari livello anche in Televisione, sia protagonista assoluto (prima e dopo lo switch-off) fa della Calabria una regione un po’ diversa dalle altre, come ho rilevato anche in altre occasioni. In più qui, oltre a un panorama televisivo locale interessante e ricco, ci sono anche altre Radio che sono riuscite a farsi valere in Tv, o stanno provando a farlo anche in queste settimane, rendendo decisamente ‘intrigante’ per noi di Fm-world la situazione regionale.

Bando alle ciance e vediamo cosa sta succedendo, anche se appunto l’evoluzione delle Tv locali non sembra affatto terminata. Ricordiamo che il mux regionale di 1° livello comprende prima di tutto le emittenti che hanno ottenuto le numerazioni Lcn più rilevanti, quelle 10-19: si tratta di Video Calabria (10), La C (11), Ten (12), Calabria Tv (13), Rti (14), Esperia Tv (15), Telespazio Tv (16), la ‘sorpresa’ Tele A1 di Corigliano (18) e Canale Italia 83 Extra (19). Al 17 doveva esserci Mi Sposo Tv, del gruppo Adn, che però ha invece inserito qui un’altra sua sigla nota da anni (anche se con una programmazione molto ‘variabile’), ovvero Matrix Tv.

Sempre nel mux di 1° livello sono operative L’altro Corriere Tv (75), Telemia (76), Reggio Tv (77), Telecalabria Rtc (78), l’altra ‘sorpresa’ Telemormanno (80), 7 Gold (84), Tele Dehon (86) e Videotouring (87) di Reggio Calabria, nuovo esempio di Radio che si fa decisamente valere anche in Tv. Ma un’altra sorpresa di rilievo c’è alla numerazione 82, che era stata assegnata a Tele A57 di Rossano; quest’ultima, almeno per ora, ha invece lasciato spazio ancora a una Radio-Tv sempre del Cosentino, ovvero l’intraprendente Jonica Radio Tv di Terranova da Sibari, che così si ritrova diffusa a livello regionale sul video (niente male, verrebbe da dire).

Altra novità alla numerazione 85, dove al posto della ‘prevista’ Tele Jonio è comparsa Wedding Tv, con a capo Marco Renzi (passato da Adn Italia a La C), già alla testa proprio di Mi Sposo Tv; in sostanza, quel progetto televisivo sembra così ‘evoluto’ in quello di Wedding Tv, appunto.

Avventurarsi poi nel campo dei mux di 2° livello è un’impresa davvero improba, anche perché solo da poco molti segnali hanno iniziato a comparire (o ricomparire). Ad esempio l’attento sito locale radiotvcalabria.it – Diario Tv Calabria solo il 23 maggio segnalava l’avvenuta attivazione nel mux sul canale 45, pur non sempre in conformità con le ‘tabelle Lcn’ del Ministero, dei canali Soverato Notizie ML (Lcn 189) e Telemia 3 (Lcn 180). In precedenza, il 19 maggio veniva segnalato che “nuovi canali fanno finalmente capolino nel nuovo digitale terrestre calabrese… Nello specifico viene inserito nel mux Telespazio Tv (UHF 34) con Lcn 181 il canale Amica Tv. Nell’altro mux, Calabria Tv (UHF 45), vengono attivati Video Sud (Lcn 183), Onda Tv (Lcn 198) e Video Maria (Lcn 298)”.

Inoltre nel mux di secondo livello per la provincia di Catanzaro (UHF 42), “sono stati attivati i seguenti canali, alcuni del gruppo Soverato 1 Tv: Rete Jonica Lcn 187, Video Sport, Tele Regione Calabria Lcn 280, Tele Bova Marina Lcn 310, Calabria Uno (Lcn 118), Telemia 4 (Lcn 99), Canale Calabria; aggiunto nello stesso mux il canale Tele Magna Graecia Lcn 97”.

Anche litaliaindigitale.it segue a sua volta costantemente la situazione e segnala la graduale attivazione di molti altri canali. Ne citiamo alcuni: Telitalia (79), Rete Reggio (83), Sport Television (94), TeleRadio Speranza (95), Soverato Uno (96), Esse Tv (98), Gs Channel (110), La C News 24 (111), Rete Regione (179), Tele Melito (184), Piana Tv (185), KRimisa Tv (186), Tg Cal 24 (211), Media Sud (309), Tv Sud (350).

Senza dimenticare assolutamente un’altra Tv nata da un gruppo radiofonico di rilievo, Rete 3 Digiesse (81) di Praia a Mare.

Un altro gruppo di emittenti, in grande prevalenza appartenenti al gruppo Adn, ha poi fatto capolino in queste settimane e diverse nascono da altrettante Radio: si tratta di Turismo Tv (90), Radio Enne Lamezia Tv (91), Radio Ricordi Tv (92), Radio Juke Box Tv (93), Gusto Tv (114), La Grande Calabria, Play Tv, Tv Motori (175), Radio News Tv (178), Ciak Tv (182).

Infine ci sono emittenti, magari dalla forte tradizione, che non demordono: è il caso, per esempio, di TeleBruzzano, nata da un’idea di Vincenzo e Davide Condello, una Tv appartenente alle minoranze linguistiche, in questo caso quella grecanica. Ebbene TeleBruzzano non è sparita dalla scena e ora trasmette in Hbbtv grazie a Telemia (76).

Mauro Roffi
mauro.roffi@fm-world.it

* Archivio News –> www.fm-world.it/news

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it