Sardegna: torna in onda Super Tv

A cura di Mauro Roffi

Di recente c’era stato qualche segnale positivo e una buona notizia sembrava, in effetti, imminente. Ma la lunga attesa è finita solo venerdì 27 maggio con il ritorno in onda alla numerazione 77 e sull’unico mux regionale sardo in attività (per l’altro di 2° livello siamo ancora alla fase delle ‘nuove domande’ per essere magari un giorno inseriti) di Super Tv, la notissima e apprezzata emittente di Oristano che era rimasta esclusa fin dall’inizio dalle graduatorie dell’isola, in prossimità dello switch-off.

Ci sono voluti molti mesi per rimediare a una banale (per quanto in teoria ‘grave’) disattenzione formale: la domanda al Ministero, a quanto pare, era stata infatti presentata con un altro nome, quello che a Super Tv intendevano assumere appunto dopo lo switch-off.

La vicenda, nonostante il lieto fine, resta pesante e assurda, per i gravi danni subiti da Super Tv, che appunto non ha mai desistito sia dal continuare a trasmettere (via web) che dal rivendicare le sue ragioni ma certamente ha dovuto dotarsi di tanta pazienza e di una non comune tenacia. Si spera solo che qualcosa di analogo non avvenga ora in Campania per Telecolore (ne abbiamo più volte evidenziato l’assenza dalle graduatorie, dovuta a un errore, sempre formale, nella domanda) e che magari non occorrano poi molti mesi per ‘rimediare’.

Ma vediamo il comunicato ufficiale diffuso da Super Tv, nella persona del suo attivissimo direttore Gianni Ledda:

“Dopo 6 mesi di assenza dal digitale terrestre Super Tv Oristano riprende, finalmente, le trasmissioni sul canale 77. La ripresa delle trasmissioni si è dimostrata molto attesa da parte di tantissimi oristanesi, e non, che avevano in Super Tv l’unico riferimento televisivo dell’informazione provinciale. Da oggi l’emittente televisiva della provincia di Oristano riprende ad operare con un bacino di utenza più ampio, cioè tutto il territorio regionale…

Ricostruire una vicenda che ha interessato il Ministero dello Sviluppo Economico, attraverso l’ufficio DGSCERP, e l’Associazione culturale ASCULTA, che detiene i diritti di trasmissione, non è semplice; anche perché si è trattato di una interlocuzione durata circa 8 mesi, con una fitta corrispondenza attraverso la posta certificata.

Da subito è apparso che il consulente incaricato a redigere l’istanza per il passaggio delle emittenti televisive alla nuova tecnologia televisiva aveva male interpretato la posizione dell’emittente oristanese, rispetto ai requisiti del Bando per l’assegnazione del nuovo canale Tv. Nella graduatoria degli aventi diritto alla prosecuzione dell’operatività, la storica emittente Super Tv, con quasi quarant’anni di attività e 7 collaboratori, tra personale tecnico e di redazione, era ‘scomparsa’.

Immaginabile lo scoramento di noi tutti che vedevamo vanificato un impegno portato avanti anche nei periodi più difficili (in particolare durante il lockdown), garantendo continuità nel fornire un servizio informativo puntuale, oggettivo e rivolto soprattutto a coloro che non sono avvezzi alla nuova tecnologia dei mezzi di comunicazione…

Personalmente non mi sono perso d’animo un istante, tanto che l’emittente, unica a Oristano, che il 21 novembre 2021 ha cessato le trasmissioni sul digitale terrestre, non ha smesso di trasmettere un solo minuto, proseguendo con i suoi contenuti sui profili social, creati o rinforzati appositamente”.

Importante per questo risultato positivo sono stati anche gli interventi diretti sulla vicenda di alcune Autorità locali, di amministratori e parlamentari e di rappresentanti delle istituzioni.

Più in generale, a distanza di parecchi mesi dallo switch-off (in cui la Sardegna ha fatto, come noto, da ‘cavia’ per tutte le altre regioni), la situazione nell’isola si sta assestando e c’è anche qualche aspetto positivo, per le emittenti ‘superstiti’ (che non sono poi pochissime) e anche per i ‘nuovi arrivati’ di Uno4 (sul canale 14), di cui tuttora si attemdono le prime mosse significative.

Fra le altre novità, da registrare anche la trasformazione di Sardegna Uno, dopo l’acquisizione da parte del gruppo di Videolina, in emittente che trasmette in sardo e diffonde soprattutto musica sarda, in un contenitore dallo ‘storico nome’ di ‘Sardegna Canta’.

Teleregione Live, infine, ha attivato il servizio Hbbtv, che ha consentito ai telespettatori dotati di smart tv di poter sintonizzare anche alcune altre emittenti: fra queste la stessa Super Tv e anche alcune ‘radio-tv’ di cui si erano ‘perse le tracce’ come Tele Radio Maristella e Visual Radio di Radio Iglesias. E persino nella sezione ‘Isola in Fm’ emittenti solo radiofoniche, come Radio Supersound, Radio Fusion e Radio Nuoro Centrale. L’interesse di Teleregione Live per la radio non è casuale: l’emittente infatti ha un proprio progetto in questo campo, Radio Regione.

Mauro Roffi
mauro.roffi@fm-world.it

* Archivio News –> www.fm-world.it/news

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it