RadioTER: i commenti dei gruppi editoriali

Comunicati stampa

Sono diversi i commenti agli ultimi dati, relativi all’indagine RadioTER.

Li pubblichiamo in versione integrale.

  • RAI RADIO

Si conferma il dato di crescita degli ascolti Rai Radio nel dato complessivo del 2021. In particolare, rispetto al 2019, il totale delle radio Rai iscritte a Ter fanno segnare una crescita dell’1,75% sul quarto d’ora medio e del 4,92% sullo share. Si ricorda che il dato 2020 non è utilizzabile, in quanto per diversi mesi la rilevazione era stata sospesa a causa dell’emergenza sanitaria. Relativamente ai singoli canali, l’anno 2021 si chiude con l’aumento a due cifre di Radio 2 (+12% share), seguita da Radio 1 con un aumento di share del 6%. Stabile Radio 3. Tutto ciò mentre la platea complessiva delle radio italiane continua a erodersi, con un calo dell’ordine del 3% sia nel giorno medio sia nel quarto d’ora medio.

Roberto Sergio, direttore Rai Radio: «Il dato complessivo del 2021 fotografa una crescita che già era stata anticipata nelle rilevazioni precedenti. Il ringraziamento va quindi a tutte le colleghe e i colleghi delle nostre radio che con passione e professionalità lavorano su prodotti di alta qualità che piacciono agli ascoltatori. La rilevazione degli ascolti Ter, basata su indagini Cati, continua a essere a oggi l’unica currency disponibile per gli editori e per il mercato pubblicitario; pertanto, prendiamo atto come sempre dei risultati».

  • RTL 102.5 – RADIOFRECCIA – RADIO ZETA

I dati di ascolto dell’ultimo semestre sono arrivati. RTL 102.5 ancora una volta prima, si conferma la radiovisione più seguita d’Italia. La crescita arriva nonostante il periodo di Pandemia in cui versa il Paese.

Ma andiamo per gradi. La crescita, rispetto all’ultima rilevazione, è considerevole. RTL 102.5 conquista 6,5 milioni di ascoltatori contro i 6,3 milioni rilevati in precedenza. Anche nel quarto d’ora medio si registra una crescita con 540 mila contro i 513 mila dell’ultimo dato rilevato. In pratica RTL 102.5 – nel giorno medio – rimane sempre leader nel mercato radiofonico, distanziando la seconda con un milione e mezzo di ascoltatori aggiuntivi.

L’aumento degli ascolti, però, arriva anche le altre due radiovisioni del gruppo: Radiofreccia, anima rock, e Radio Zeta che è il punto di riferimento della Generazione futuro. La prima segna quasi 1,3 milioni di ascoltatori (contro 1,1 milioni rilevati in precedenza) e nel quarto d’ora medio raggiunge 109 mila a fronte dei 92 mila dell’ultima rilevazione: con questi dati la radiovisione rock nel ranking del giorno medio supera Rai Radio3 con 100 mila ascoltatori in più ed un aumento del 14%.

E poi Radio Zeta, che aumenta gli ascolti del 20%: 717 mila contro i 596 mila precedentemente rilevati. E cresce anche nel quarto d’ora con 53 mila ascoltatori a fronte dei 45 mila. Radio Zeta, che è unica nel suo genere, si conferma un punto di riferimento tra i giovani (e non solo).

  • RADIO KISS KISS

Radio Kiss Kiss conferma la sua crescita costante degli ultimi 10 anni raggiungendo, nel secondo semestre 2021, i 3.398.000 ascoltatori nel giorno medio.

Si tratta di una crescita di circa l’8% rispetto al secondo semestre 2020 confermata anche dalla crescita dell’AQH con + 19% rispetto allo stesso periodo.

È record! Tremilioniquattrocentomila ascoltatori, “commenta il Presidente del C.d.A. Lucia Niespolo, “l’Italia sceglie la luce la solarità e il frendly di Radio Kiss Kiss. Questo mix di positività, unito alla professionalità dei nostri conduttori, dei nostri programmatori musicali della musica più bella, dei nostri tecnici, creano il successo di Kiss Kiss di cui sono ovviamente orgogliosa e fiera. Ringrazio tutta la squadra di Radio Kiss Kiss per l’impegno e la devozione alla mission e in ultimo, ma non certo per ultimi, un Kiss Kiss a tutti nostri meravigliosi ascoltatori.”

  • GEDI (RADIO DEEJAY – RADIO CAPITAL – M2O)

Sono 34,5 milioni gli ascoltatori medi giornalieri della radio (sopra i 14 anni d’età) secondo i nuovi dati relativi al II Semestre 2021 di RadioTER, l’indagine ufficiale sull’ascolto delle radio italiane. Numeri molto incoraggianti che confermano il trend positivo e dimostrano come il Mezzo Radio sia ritornato sui valori pre-Covid, nonostante l’emergenza sanitaria sia ancora presente nelle nostre vite.

Il confronto dei dati del II Semestre 2021 è stato effettuato con i valori del semestre immediatamente precedente (I Semestre 2021). La particolare variabilità della recente fase storica, per le continue evoluzioni sulle condizioni di mobilità e aggregazione, rende infatti poco significativi confronti con periodi precedenti.

In questo contesto i risultati delle radio del Gruppo Gedi sono stati particolarmente positivi:

Radio Deejay: 4.853 mila ascoltatori nel Giorno Medio (+5% andamento migliore della media di settore pari a +3,8%) e 457 mila nell’AQH (+2%), una performance realizzata oltretutto in un periodo in cui la radio non ha potuto esprimere la sua grande forza nella realizzazione di eventi musicali e sportivi, da sempre seguitissimi dal pubblico. Primati d’eccellenza che si sommano alla leadership dell’emittente sul digitale, con circa 1,1 milioni di follower su Instagram, 2,2 milioni su Facebook e 2,2 milioni su Twitter.

Radio Capital: 1,5 milioni ascoltatori nel Giorno Medio (+10,6%) e 136 mila nell’AQH (+12,4%). Risultati molto positivi dopo l’importante restyling artistico avvenuto in piena emergenza sanitaria. Un gradimento riconosciuto al taglio più contemporaneo, alla nuova conduzione femminile del mattino, all’informazione imparziale, veloce, trasversale e alla garanzia di una musica di altissima qualità.

m2o: 1.657 mila ascoltatori nel Giorno Medio (+11,4%) e 129 mila nell’AQH (+18,3%). Una grande crescita, ben sopra la media del mezzo Radio, per di più in un semestre ancora penalizzato da restrizioni sanitarie che hanno limitato l’emittente nella sua forte capacità di coinvolgere il pubblico con iniziative di aggregazione e musica sul territorio.

Il commento di Linus, Direttore Editoriale Radio GEDI e Direttore Artistico di Radio Deejay e Radio Capital: “Tutte e tre le nostre radio chiudono il 2021 con numeri più che positivi, a testimonianza della solidità e della qualità del prodotto complessivo. Nello specifico, Radio Deejay consolida ascolti e fedeltà del proprio pubblico nonostante per il secondo anno consecutivo l’emergenza sanitaria abbia quasi completamente azzerato un asset fondamentale come gli eventi sul territorio. Ottimi i dati di Capital, che nel nuovo formato sembra aver trovato il giusto equilibrio tra musica e informazione”.

Il commento di Albertino, Direttore artistico di m2o: “Nonostante le evidenti difficoltà che tutti abbiamo dovuto affrontare anche nella seconda parte del 2021, m2o si conferma un punto di riferimento assoluto per chi ama la musica e le nuove tendenze. La crescita esponenziale dei numeri dei nostri social network sta premiando l’approccio digitale ai contenuti dell’emittente, originali, credibili, raccontati da un punto di vista unico. Lavoriamo con passione ed entusiasmo, convinti che la ripresa sarà paragonabile ad una nuova golden age. Sono sicuro che post-pandemia le persone avranno desiderio, necessità e bisogno di ritrovarsi per ascoltare e ballare insieme la loro musica preferita. Noi di m2o siamo qui, pronti come non mai a diventare la colonna sonora di questo nuovo rinascimento”.

  • RADIO MEDIASET (RADIO 105 – R101 – RADIO MONTE CARLO – VIRGIN RADIO – RADIO SUBASIO)

Sono stati rilasciati oggi i dati TER (Tavolo Editori Radio) relativi all’ascolto radiofonico del secondo semestre 2021 + anno 2021 (rilevazioni dal 15 giugno al 13 dicembre 2021).

RadioMediaset (Radio 105, Virgin Radio, R101, Radio Monte Carlo, Radio Subasio), cui fanno capo le attività radiofoniche del Gruppo Mediaset, si conferma ancora una volta primo Gruppo radio nazionale con il 19.4% di ascoltatori nel Quarto d’ora medio dalle ore 6 alle ore 24 e il 36.5% di ascoltatori nel Giorno medio ieri (dati riferiti al secondo semestre) e il 18.4% di ascoltatori nel Quarto d’ora medio dalle ore 6 alle ore 24 e il 35.5% di ascoltatori nel Giorno medio ieri (dati riferiti all’anno 2021).

  • RDS 100% GRANDI SUCCESSI

“Felici che l’universo radio sia tornato con tutti gli indici positivi e praticamente in linea con il 2019 pre covid sia sul GMI a 34.447.000 che sull’AQH a 6.419 che denota la tonicità del mezzo e l’affezione degli ascoltatori”, commenta Eduardo Montefusco, Presidente di RDS 100% Grandi Successi.

RDS conferma la seconda posizione tra le radio più ascoltate a 4.923.000 sul GMI e una crescita sull’AQH di oltre il 6,5% su questo ultimo semestre, confrontato con il secondo semestre del 2020″.

  • RADIO 24

In un periodo storico senza precedenti Radio 24 consolida la crescita degli ascolti degli ultimi anni con 2.240.000 ascoltatori medi al giorno nel 2021. Questi risultati testimoniano la capacità di Radio 24 di accompagnare il suo pubblico anche in questo periodo di insolita quotidianità con un’informazione accurata e autorevole, con una narrazione di qualità e una molteplicità di servizi on demand che confermano quel rapporto straordinario che la rende unica nel mercato radiofonico.

Nel 2021 Radio 24 ha saputo ancora una volta rispondere alle nuove esigenze del mercato con un’accelerazione nella trasformazione evolutiva della fruizione on demand che è rappresentata dalla grande offerta podcast di Radio 24: 107 produzioni settimanali, di cui 78 di programmi e 29 di podcast originali, che raggiungono una media di 6,3 milioni di download al mese.

La grande affezione del pubblico è testimoniata dalla durata media di ascolto, 45 minuti, che afferma una leadership assoluta, così come la presenza stabile nelle classifiche delle principali piattaforme di ascolto.

Confermato anche nel 2021 il successo delle iniziative speciali, articolate in molteplici formati tra i quali le dirette in esterna e le digital round table con una partecipazione complessiva di migliaia di utenti e un’altissima adesione da parte del mercato.

“Anche in questo anno caratterizzato ancora dall’emergenza Covid e dall’inizio della ripresa economica, Radio 24 si conferma punto di riferimento degli ascoltatori grazie al grande lavoro di approfondimento dei nostri giornalisti e conduttori e alla qualità del modo di fare informazione che caratterizza tutto il gruppo editoriale” commenta il Direttore Responsabile di Radio 24 e del Gruppo 24 Ore Fabio Tamburini.

“I dati relativi agli ascolti 2021 – dichiara il Vicedirettore Esecutivo di Radio 24 Sebastiano Barisoni – confermano la qualità dell’informazione di Radio 24, che è stata garantita grazie all’impegno congiunto dei giornalisti delle news e dei conduttori dei programmi”.

“I dati 2021 confermano la fedeltà all’ascolto di Radio 24 e alla sua proposta editoriale, che viene ormai fruita dagli ascoltatori attraverso tutti i canali disponibili grazie al digitale e alla multicanalità – commenta Federico Silvestri, Direttore Generale Radio 24 e 24 Ore System – La nostra audio content strategy, varata ormai da due anni, sta dando infatti grandi risultati in termini di produzioni originali, più di 20 solo nel 2021, e di download”. “Anche il mercato – aggiunge Silvestri – ha riconosciuto la grande capacità narrativa di Radio 24 e sempre più aziende ci hanno scelto come partner ideali per la produzione di contenuti e, più in generale, per la costruzione di tutte le iniziative utili a comunicare valori e relazioni da condividere con il pubblico. Una nota particolarmente positiva è la reazione entusiastica del mercato al nostro ritorno in eventi esterni nella seconda parte dell’anno e alla nuova proposta di digital round table a cui hanno aderito 21 partner”.

  • RADIO BRUNO

Radio Bruno supera gli 800.000 ascoltatori anche negli ultimi rilevamenti dei dati d’ascolto: sono 804.000, infatti, gli ascoltatori che hanno dichiarato di sintonizzarsi sulle frequenze di Radio Bruno nell’indagine Ter relativa al secondo semestre del 2021, effettuata nel periodo 15 giugno-13 dicembre 2021.

Radio Bruno si conferma nettamente la radio più ascoltata in Emilia Romagna, dove ha radici da oltre 40 anni, con 502.000 ascoltatori nel giorno medio, ponendosi davanti a tutti i principali network nazionali privati e pubblici e davanti a tutte le altre radio locali.

Ascolti in aumento anche in Lombardia dove Radio Bruno raggiunge i 128.000 ascoltatori nel giorno medio con un incremento del 23% rispetto al primo semestre 2021; numeri in crescita anche in Toscana con 124.000 ascoltatori nel giorno medio: +25% rispetto al primo semestre 2021.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti in questo secondo semestre 2021. Si tratta di un incremento di risultati che erano già importanti, testimoniano la grande tenuta del mezzo radio e il ritrovato slancio dopo il ritorno alla quasi normalità della mobilità degli italiani – commenta l’editore, Gianni Prandi -. Come sempre voglio ringraziare tutti i dipendenti e collaboratori che hanno lavorato senza mollare mai, in un periodo che non è stato di certo semplice. Il risultato è sempre frutto di un grande lavoro di squadra, di investimenti, di impegno e scelte che guardano al futuro, tra cui l’acquisizione di nuove frequenze, il potenziamento della radio in diretta sul web e sul digitale terrestre (canali 256 in HD e canale 71) e la possibilità di ascolto in DAB per raggiungere un territorio sempre più vasto”.

  • KLASSE UNO NETWORK (RADIO BIRIKINA – RADIO PITERPAN – RADIO SORRRISO – RADIO BELLLA & MONELLA)

TER ha sancito un nuovo successo per Klasse Uno Network, il gruppo di radio areali più grande d’Italia si conferma anche il più ascoltato.

Il confronto dei i nuovi dati annuali 2021 con gli ultimi del 2019, rivela una crescita record: Giorno Medio +8,5% con 1.530.000 ascolti e  Quarto d’Ora Medio +16,7% con 168.000.

Dati annuali senza precedenti per Radio Birikina con 624.000 ascolti giornalieri e Radio Piterpan con 408.000. Ottime anche le performance di Radio Sorrriso (+17,3%) e Radio Bellla & Monella (+7,7%).

Commenta Roberto Zanella – Editore di Klasse Uno Network:

“Ci confermiamo le Radio più ascoltate in Veneto e Friuli V.G. e gli investimenti in Lombardia ed Emilia Romagna stanno portando ottimi risultati: Radio Birikina in Emilia ha raggiunto la 3° posizione in classifica radio areali con un +32,4% nel GM e in Lombardia aumenta del +39,8% su questo stesso parametro; quest’ultimo dato è molto incoraggiante sulle ulteriori possibilità di crescita dell’emittente visto che a fine 2021 ne abbiamo rafforzato la copertura grazie all’acquisizione della FM 92.600 che interessa Milano e la Lombardia Occidentale.

Il 2022 ci vedrà protagonisti di nuove collaborazioni e progetti sia sul lato comunicazione che su quello editoriale. Gli ottimi dati annuali ci ripagano del grande lavoro fatto e ci spronano ad impegnarci sempre di più”.

* Archivio News –> www.fm-world.it/news

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it