ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP
ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP

Tra un anno il tuner DAB+ obbligatorio: quale la situazione in Italia?

23 Dicembre 2018
3406 Visualizzazioni

Manca ormai un anno alla data in cui tutti i ricevitori radio in vendita (casalinghi e sulle auto) dovranno essere dotati di DAB+.

Mentre uno degli argomenti più controversi rimane la disponibilità di frequenze per le emittenti locali (lamentata più volte da Aeranti-Corallo), qual è la situazione ad oggi della digital radio in Italia?

Partendo dalle copertura del mux nazionali, la situazione migliore è spartita tra DAB Italia ed EuroDAB Italia, mentre risulta essere inferiore (anche se in espansione) la presenza della RAI.

Andando per ordine, il canale 12A esercito da EuroDAB Italia (contenente Radio Vaticana Italia, Radio Italia Solo Musica Italiana, Radio Padania Libera, Radio Kiss Kiss, Radiofreccia, RTL 102.5 e le seconde reti di quest’ultima Radio Guardia Costiera, Radio Romeo and Juliet, Viaradio Digital, RTL Best ed RTL Bro&Sis) risulta aver incrementato negli ultimi 12 mesi le seguenti aree, come riportato da Digitalradio.it:

Lombardia: nuovo impianto in provincia di Lecco, con area servita Lecco città e dintorni e il tratto di lago verso Mandello
Friuli: nuova attivazione nel capoluogo, Udine, a servizio della pianura friulana, da Udine al confine con il Veneto
Sicilia: tre nuovi impianti, uno a servizio del tratto a nord di Palermo, da Isola delle Femmine/Capaci fino a Cinisi; il secondo a servizio del tratto autostradale A19 da Termini Imerese a Enna città e l’ultimo in provincia di Messina, a servizio della costa nord, da Messina a Capo D’Orlando
Campania: due gli impianti di ultima attivazione entrambi in provincia di Salerno a servizio dei tratti autostradali A3 da Montesano a Lagonegro e da Polla a Montesano;
Basilicata: nuovo impianto a servizio della città di Potenza, provincia e tratto autostradale
Veneto: nuovo servizio del tratto autostradale A22 da Verona Nord a Rovereto

DAB Italia, invece, presente sul 12C, contiene Radio Maria, Radio Radicale, R101, Radio 105, Radio Deejay, Radio Capital, Radio Capital Funky Town, m2o, m2o Dance, RDS, RDS Relax, oltre ai tre test KC1, KC2 e KC3.

Nell’ultimo anno ha implementato le seguenti zone:

Valle D’Aosta: attivato un impianto a Saint-Vincent per migliorare il servizio tra Fenis e Arnad
Liguria: un nuovo impianto migliora il servizio lungo il tratto autostradale A7 tra la città di Genova e Roncoscrivia
Emilia Romagna: due nuovi impianti, a Bertinoro a servizio della provincia di Forlì – Cesena, a Bagno di Romagna per la copertura di una parte del tratto appenninico della E45
Toscana: due i nuovi impianti, uno a potenziamento del servizio sulla città di Grosseto, l’altro a copertura del tratto autostradale A15 tra Aulla ed il Valico della Cisa
Marche: tre impianti nuovi, a Pesaro per potenziare la ricezione indoor e per coprire il tratto autostradale fino ad Ancona, a Senigallia ed Ascoli Piceno
Calabria: attivati due impianti per servire la costa tra Lamezia Terme e Scilla e la zona tra Castrovillari e Cosenza
Sicilia: attivo un nuovo impianto a Carini per servire la costa siciliana tra Palermo e San Vito Lo Capo
Abruzzo: due sono gli impianti nuovi a servizio dell’autostrada Roma-Pescara
Infine, gli ultimi due impianti attivati da poco sono, il primo, a servizio della tratta A2 tra Varcovalle (Basilicata) e Sala Consilina, il secondo in Puglia a servizio di Monopoli (Bari)

In fase di espansione anche la RAI, che nel proprio mux (sul 12B) include le emittenti FM Radio1, Radio2, Radio3, Isoradio e GR Parlamento e le native digitali Radio1 Sport, Radio2 Indie, Radio Tutta Italiana, Radio Live, Radio Kids, Radio Classica e Radio Techetè. In quest’ultimo caso le zone servite di recente sono le seguenti:

Piemonte: tratto autostradale A5 da Torino ad Aosta e A21 per Alessandria
Lombardia: tratto A4 Milano-Novara
Veneto: tratto A4 da Vicenza fino alle porte della Lombardia e tratto A22 da Verona fino a Rovereto
Emilia-Romagna/Toscana: gallerie della variante di valico A1

Ancora pochi i bacini coperti dagli operatori locali, a causa della mancata pianificazione di diverse aree del territorio nazionale. Al momento, per le areali, il DAB+ è presente in Trentino Alto Adige, nel Piemonte occidentale, in Umbria, in parte della Toscana, nel Lazio centrale e nelle province di Napoli e Caserta.

Secondo l’ultimo rapporto semestrale World DAB, ad oggi i mercati più maturi in Europa sono quello britannico (oltre 37 milioni di radio DAB+), tedesco (11,8) e norvegese (5,6).

In Italia, i ricevitori complessivi sono 3,7 milioni, ma la penetrazione domestica è ancora irrisoria, rispetto ad altri Paesi del Vecchio Continente.

Se da noi ci si limita ad un 4%, in Norvegia si registrano percenutali pari all’83%, nel Regno Unito 64% ed in Germania 17%.

Un dato ancora poco significativo per il nostro Paese, in rapporto alla popolazione servita che sarebbe pari ormai all’80%.

Il 2020 sarà la svolta della digitale radio, con l’obbligatorietà del tuner DAB+? o l’IP – tra streaming, app e smart speaker – ha già definitivamente superato la diffusione digitale via etere dell’unico mezzo che ancora oggi dispone di diffusione analogica?

Potrebbero interessarti

Il futuro delle città, tra 5G ed Intelligenza Artificiale: l’opinione di Fulvio Giuliani
Eventi
264 visualizzazioni
Eventi
264 visualizzazioni

Il futuro delle città, tra 5G ed Intelligenza Artificiale: l’opinione di Fulvio Giuliani

Nicola Franceschini - 23 Maggio 2019

"Smart City" non fa rima con "Big City". Il futuro delle città connesse, sostenibili ed attrattive può riguardare anche centri…

Radio Capodistria festeggia 70 anni aprendo le porte agli ascoltatori
Eventi
405 visualizzazioni
Eventi
405 visualizzazioni

Radio Capodistria festeggia 70 anni aprendo le porte agli ascoltatori

Nicola Franceschini - 22 Maggio 2019

Nasceva il 25 maggio 1949, in un mix di lingue che univa italiano, sloveno e croato. Stiamo parlando di Radio…

Intelligenza artificiale e 5G: quale l’impatto nelle città del futuro? Anche FM-world a convegno
Eventi
264 visualizzazioni
Eventi
264 visualizzazioni

Intelligenza artificiale e 5G: quale l’impatto nelle città del futuro? Anche FM-world a convegno

Nicola Franceschini - 21 Maggio 2019

Che impatto avranno l’intelligenza artificiale ed il 5G nelle Smart cities e nella vita di tutti i giorni? Ricercatori, professionisti…