Tanti auguri RMC: il 6 marzo ha festeggiato 55 anni

Una radio che va oltre il tempo, i cambiamenti, le mode, attualissima anche quando celebra un compleanno importante.

Sabato 6 marzo, Radio Monte Carlo compie 55 anni e li festeggia con 12 ore no-stop di diretta in compagnia dei suoi conduttori, quelli in onda oggi e quelli che ne hanno caratterizzato la storia, dagli anni in cui da oltre frontiera fu la prima a rompere il monopolio della RAI, all’avvento delle altre emittenti private fino al momento della conferma con la collocazione specifica e unica che si mantiene ancora oggi, quella della radio che trasmette musica di gran classe.

In onda per l’occasione Luisella Berrino e Awanagana, due delle voci più importanti e rappresentative della storia della radiofonia italiana. Con loro oltre quaranta conduttori che hanno condiviso nel corso degli anni – e molti continuano a farlo – momenti importanti ed emozioni irripetibili, da Maurizio Di Maggio a Nick the Nightfly, da Kay Rush a Marco Porticelli, da Claudio Sottili a Ettore Andenna, da Barbara Marchand a Federico l’Olandese Volante, da Monica Sala a Max Venegoni a Rosaria Renna, solo per citarne alcuni.

La giornata di sabato 6 marzo presenta un palinsesto speciale sia dal punto di vista delle conduzioni che alternano voci di oggi e di ieri sia da quello della veste musicale e sonora, tra jingle, sigle dei programmi, interviste esclusive, live musicali tratti dall’archivio di Radio Monte Carlo. Un esempio per tutti: l’esibizione live di “Stronger Than Me” che Amy Winehouse fece nel programma di Nick the Nightfly.

Un imponente lavoro è stato effettuato sul materiale d’archivio, DAT, vecchi nastri cui è possibile accedere anche nella sezione speciale di radiomontecarlo.net.

Al termine della giornata, nascerà una temporary web radio chiamata ‘Radio Monte Carlo Story’, dove verrà riproposta integralmente l’intera diretta, che andrà in onda per diversi giorni.

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it

LEGGI ANCHE:

Il compleanno di RMC, Stefano Bragatto: “Vogliamo rendere omaggio alla storia di questa grande radio”