Silenzio elettorale in radio e tv. E sul web?

24 Maggio 2019
2349 Visualizzazioni

Come accade a ridosso di ogni tipo di elezione politica, nella giornata antecedente al voto e durante le ore della votazione scatta il silenzio elettorale.

Sabato 25 e (a maggior ragione) domenica 26 maggio, dunque, sono vietati comizi ed incontri pubblici, terminati – come limite ultimo – alla mezzanotte di venerdì 24.

Fanno parte di questo “limite” anche l’affissione di materiale elettorale, qualsiasi forma di propaganda nel raggio di 200 metri a ridosso dei seggi e, come noto, “silenzio” anche in radio e tv.

Le disposizioni derivano dalla legge n.212 del 4 aprile 1956, ritenuta particolarmente rigida da alcuni, pur avendo subito alcune modifiche nel 1984, e che sembra non essersi ancora adeguata alla tecnologia odierna.

In Francia, per esempio, lo stop alla propaganda riguarda anche i social network, mentre in Italia non esiste alcun esplicito riferimento all’intera rete internet.

Al contrario, altri Paesi quali Regno Unito e Stati Uniti permettono la propaganda elettorale anche nel giorno stesso delle elezioni, purchè questo non avvenga nelle vicinanze del seggio.

Potrebbero interessarti

Rai Radio Techetè ripropone le radiocronache del secondo scudetto del Napoli di Maradona
Primo piano
7 visualizzazioni
Primo piano
7 visualizzazioni

Rai Radio Techetè ripropone le radiocronache del secondo scudetto del Napoli di Maradona

Redazione - 29 Novembre 2020

La stagione calcistica 1989/1990 vedeva per la seconda volta il trionfo del Napoli. Soltanto tre anni prima, la squadra partenopea…

Il “Gran premio della radio”: nel ’93, Maurizio Costanzo e Maria De Filippi premiavano le migliori emittenti dell’epoca
Primo piano
60 visualizzazioni
Primo piano
60 visualizzazioni

Il “Gran premio della radio”: nel ’93, Maurizio Costanzo e Maria De Filippi premiavano le migliori emittenti dell’epoca

Redazione - 29 Novembre 2020

Domenica 7 novembre 1993 si svolgeva al City Square di Milano, la premiazione della prima edizione del 'Gran Premio della…

“Perchè i media nazionali considerano poco le radio regionali?”: la riflessione di Gigio Rosa
Primo piano
13 visualizzazioni
Primo piano
13 visualizzazioni

“Perchè i media nazionali considerano poco le radio regionali?”: la riflessione di Gigio Rosa

Redazione - 29 Novembre 2020

"Secondo voi, il mestiere dello speaker radiofonico è rappresentato più da chi trasmette in un network che copre la nazione…