Sanremo: un’opportunità per le radio? Le opinioni della community di FM-world

4 Febbraio 2020
523 Visualizzazioni

Sono tante anche quest’anno le radio presenti al Festival di Sanremo: realtà nazionali, ma anche e soprattutto tante “piccole antenne”, pronte per raccontare i retroscena dell’evento al loro pubblico.

Perchè una radio locale che non è legata al territorio ligure dovrebbe andare a Sanremo? Qual è il valore aggiunto che l’appuntamento offre ad una rete areale?

L’abbiamo chiesto agli utenti di FmWorld Talkmedia, il gruppo di FM-world dove ogni giorno interagiscono e si confrontano oltre 3.000 tra addetti ai lavori ed appassionati di radio.

Fabiana, che lavora per un’emittente regionale, racconta l’impegno della radio nell’avere una postazione a Sanremo, da cui sono passati diversi artisti.

Questa esperienza ha sortito l’effetto che moltissimi ascoltatori della radio (anche investitori pubblicitari) hanno avuto una percezione di maggiore importanza del mezzo” – racconta – “Se in precedenza potevamo ancora essere considerati, ingiustamente, “inferiori” ai grandi colossi della radiofonia, dopo non è più stato così. In sintesi, abbiamo cominciato ad essere considerati “migliori” di prima. Che assurdità, eh? Comunque, quest’anno siamo di nuovo lì e con un po’ più sponsor”.

Fabio invece pensa che “dipenda molto da come si affronta e si tratta l’evento. Chi lo fa da anni con professionalità e continuità, investendo anche qualcosa, può trarne beneficio oltre a fare un esperienza che è sempre stimolante. In caso contrario ci si va per divertirsi e prendersi una vacanza… dall’atmosfera da “gita scolastica” che si respira in molti momenti (vedi sala stampa radio – web), io penso che molti ci vadano soprattutto per il secondo motivo”.

Roberto sottolinea che “la musica è l’elemento principale della radio e il Festival resta la manifestazione più importante dedicata alla musica. Criticato, riempito di ospiti inutili, troppo lungo: ne leggiamo di tutti i colori. Ma il festival, snob a parte, resta sempre un grande evento che non deve trascurato dalle radio italiane”.

Marco ci racconta che “dal punto di vista di un ascoltatore direi che é una rara occasione di vedere i conduttori al lavoro e magari conoscerne qualcuno“, mentre Federico ritiene che “essere in vetrina a Sanremo sia una opportunità obbligatoria per una radio che trasmette molta musica italiana, come una opportunità necessaria per una radio che fa molto gossip, come una cosa non prioritaria o risparmiabile per una radio che fa tutt’altro genere musicale o non ha conduzione, salvo non si veda la cosa come fiera campionaria o gita aziendale”.

Intanto prosegue con successo il sondaggio “Vota il vincitore di Sanremo 2020”, presente sia sul sito sia sull’app di FM-world.

Tutti i dettagli sono disponibili all’indirizzo www.fm-world.it/chart-e-trend/vota-il-vincitore-di-sanremo-con-fm-world-al-via-il-sondaggio-su-app-e-sito

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it

Potrebbero interessarti

Radio Italia Anni 60 si espande in Sicilia
News
159 visualizzazioni
News
159 visualizzazioni

Radio Italia Anni 60 si espande in Sicilia

Nicola Franceschini - 5 Luglio 2020

Radio Italia Anni 60 estende la propria copertura in Sicilia. Il circuito, attualmente presente in tredici regioni italiane con programmi…

Cinquant’anni fa nasceva l'”American Top 40″
News
134 visualizzazioni
News
134 visualizzazioni

Cinquant’anni fa nasceva l'”American Top 40″

Nicola Franceschini - 4 Luglio 2020

Compie cinquant'anni l'"American Top 40", uno dei programmi radiofonici più famosi del mondo. L'esordio avveniva il 4 luglio 1970. A…

‘I love my radio’: arriva la versione di “Sei nell’anima” dei Negramaro
News
56 visualizzazioni
News
56 visualizzazioni

‘I love my radio’: arriva la versione di “Sei nell’anima” dei Negramaro

Redazione - 4 Luglio 2020

Lunedì 6 luglio, arriva in radio “Sei nell’anima" in un’inedita versione dei Negramaro, registrata in esclusiva per 'I Love My…