Radio e tv ricordano le stragi di Capaci e via d’Amelio

Il 23 maggio 1992 sull’autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci e a pochi chilometri da Palermo, hanno perso la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro a seguito di un attentato mafioso. Poco dopo, il 19 luglio a Palermo, in via d’Amelio, la stessa sorte è toccata al giudice Paolo Borsellino e alla sua scorta. Quest’anno, quindi, cade il ventesimo triste anniversario di queste stragi di mafia e radio e tv lo celebrano con programmi e documentari.

Sarà dedicata all’omicidio Falcone la puntata di ‘Corsi e ricorsi. Ricordare il passato, capire il presente’, in onda domani dalle 13.00 su Web RadioRai WR6, condotta dal direttore della rete Roberto Quintini. Tra gli ospiti in studio il giornalista de La Repubblica, esperto di mafia, Attilio Bolzoni, autore di numerosi libri sull’argomento, il giornalista e politico Emanuele Macaluso, che il 22 maggio parteciperà a Palermo alla commemorazione di Giovanni Falcone insieme al presidente Napolitano. Al telefono interverrà Giuseppe Ayala, il magistrato grande amico di Falcone e Borsellino, ex consigliere presso la Corte d’appello dell’Aquila, autore di ‘Chi ha paura muore ogni giorno’ e ‘Troppe coincidenze’.

Anche Radio 24 racconta le stragi di Capaci e via d’Amelio. Domani Raffaella Calandra si occuperà dell’inchiesta sulle trattative tra Stato e mafia. Martedì Biacchessi ricostruirà con il teatro civile le storie di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Nella puntata la registrazione del live davanti agli studenti italiani da ‘Il paese della vergogna’. Mercoledì Biacchessi narrerà la strage di Capaci: i preparativi, la dinamica, i suoni di archivio, i ponti radio tra carabinieri e polizia dopo la strage, le intercettazioni telefoniche e ambientali, le intuizioni investigative. (AdnKronos)