ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP
ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP

Radio Cuore in crisi, chiesto il concordato

25 Giugno 2015
484 Visualizzazioni

Pontedera, 24 giugno 2015 – DA UNA parte i tempi che cambiano, il mondo digitale, le piazze virtuali dei social, la musica che corre sul web. Dall’altra la crisi che colpisce duramente tutti i settori, creando di conseguenza il calo drastico degli introiti pubblicitari che sono sempre stati la benzina di quello scampanio di voci che anima il mondo radiotelevisivo nato negli anni ’70, quando anche nella nostra zona esplosero piccole emittenti Tv che non ci sono più – ma sono nel cuore di chi le seguiva e le ricorda – e radio che si sono evolute, sono diventate grandi ed importanti. E sono rimaste incagliate nella crisi. A metà giugno la società che gestisce Radio Cuore, storica emittente ponsacchina, ha presentato al Tribunale di Pisa una richiesta di concordato.

LA SOCIETÀ, nata a metà anni ’90, si sarebbe imbattuta, appunto, dentro il ciclone della congiuntura pur avendo continuato a fare radio, seguitissima e apprezzatissima. E infatti anche questo passaggio – sicuramente doloroso per la società – non ha spento la voce di Radio Cuore. A confermare questo delicato momento aziendale sono gli stessi vertici della società che parlano attraverso il suo legale, avvocato Simone Giugni: «E’ stata presentata lo scorso 10 giugno, al Tribunale di Pisa, la domanda di concordato in bianco per la società Publiaudio Srl, proprietaria delle frequenze sulle quali viene attualmente veicolata la nota Radio Cuore (marchio di proprietà di altra società), storica emittente della Valdera – spiega il legale – La misura si è resa necessaria per affrontare con serenità un momento di crisi di liquidità dovuta al calo generalizzato degli introiti pubblicitari, situazione comune ad altre più blasonate società sparse sul territorio nazionale». «Il termine che verrà concesso dal Tribunale sarà quindi essenziale per redigere e formalizzare un piano di concordato volto al miglior interesse dei creditori – conclude Giugni – Naturalmente Publiaudio Srl vuol rassicurare sin d’ora gli utenti ed il ceto creditorio sulla prosecuzione dell’attività di impresa. Saranno infatti sfruttate le possibilità offerte dalla vigente normativa volte ad evitare lo scioglimento della società». DUNQUE si prosegue, pur nelle difficoltà – l’azienda ha in essere tutte le collaborazioni in corso e gli incarichi a società di servizi – cercando di remare contro ad un momento economico che sembra lasciare pochi spazi alla ripresa. Del resto, e anche a Ponsacco lo sanno bene, la vita della radio fin dagli inizi è sempre stata un’avventura carica di emozioni, iniziata nel safari metropolitano degli anni di piombo per contribuire – sotto la spinta propulsiva di ideali e passioni più che si soldi – alla nascita di nuove espressioni artistiche, come a decisivi cambiamenti sociali. La sfida, oggi, per il mondo delle imprese – e forse ancora di più per quelle radiofoniche – è scollinare sui mercati rischiarati dalla ripresa. E, a quel punto, ricominciare a raccontarli. Ponsacco ci prova. In ballo ci sono un pezzo di storia e posti di lavoro.

Fonte: www.lanazione.it

Potrebbero interessarti

145 anni fa la nascita di Guglielmo Marconi, oggi celebrato a Bologna e a Tokyo
Eventi
590 visualizzazioni
Eventi
590 visualizzazioni

145 anni fa la nascita di Guglielmo Marconi, oggi celebrato a Bologna e a Tokyo

Nicola Franceschini - 25 Aprile 2019

Il 25 aprile 1874, esattamente 145 anni fa, nasceva a Bologna Guglielmo Marconi. Per celebrarlo, la Fondazione Guglielmo Marconi dedica…

Primo trimestre 2019: cresce l’ascolto della radio rispetto ad un anno fa
Chart e trend
421 visualizzazioni
Chart e trend
421 visualizzazioni

Primo trimestre 2019: cresce l’ascolto della radio rispetto ad un anno fa

Nicola Franceschini - 24 Aprile 2019

Risultano essere in crescita gli ascolti del mezzo "radio" nel primo trimestre 2019, rispetto al periodo equivalente dello scorso anno.…

AGCOM chiede il rinnovo della convenzione a Radio Radicale
News
376 visualizzazioni
News
376 visualizzazioni

AGCOM chiede il rinnovo della convenzione a Radio Radicale

Nicola Franceschini - 23 Aprile 2019

L'AGCOM (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) chiede al Governo di prorogare la convenzione con Radio Radicale. La richiesta deriva…