fbpx

La battaglia vinta contro il Covid 19 dell’editore di Radio Italia Anni 60 Trentino

C’è un’altra battaglia vinta contro il coronavirus.

È quella di Alessandro Raffaelli, editore di Radio Italia Anni 60 Trentino, che in questi giorni è stato intervistato da alcune testate regionali quali “L’Adige” e “Trentino TV”.

Raffaelli ha riscontrato i primi sintomi il 27 febbraio, dopo il precedente weekend con diversi impegni professionali a Milano, tra la “Settimana della moda” ed incontri con discografici.

L’iter è quello di tanti: improvvisa febbre alta e fatica a respirare, ma il ricovero non è stato immediato ed i tamponi erano ancora pochi.

“Il 5 marzo” – racconta Raffaelli – “ho preso l’iniziativa: ho chiamato l’ambulanza e sono venuti a prendermi con lo scafandro. Ero positivo e sono stato ricoverato in isolamento, tra i primi del Trentino, con ossigeno ma non intubato”.

Tra pesanti antivirali e cure specifiche, il graduale percorso verso la guarigione dell’editore di Radio Italia Anni 60 Trentino – che ringrazia la professionalità e la delicatezza del personale sanitario – è durato oltre un mese. Dopo ben quattro tamponi, da pochi giorni può definirsi guarito.

Alessandro Raffelli tornerà al lavoro dopo Pasqua, ma intanto ammonisce tutti: “Non ci si lamenti di stare in casa” – dichiara – “perché gli intubati vivono peggio mentre noi possiamo leggere, guardare la tivù, ascoltare la radio, fare cucina”.

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it