Informare o intrattenere? I due volti della radio nei casi di emergenza

24 Febbraio 2020
497 Visualizzazioni

Ogni volta in cui ci si trova di fronte ad un’emergenza, il dilemma di chi fa intrattenimento è sempre lo stesso: cambiare orientamento o continuare come nulla fosse?

Questo dubbio se lo sono indubbiamente posto i tanti morning show che in questo lunedì, dopo un weekend particolarmente intenso in seguito ai numerosi casi di Coronavirus, hanno ripreso la propria attività di fronte ad un’Italia spaventata.

Molti lo hanno fatto trovando quel giusto compromesso che non andasse contro il sentimento degli ascoltatori, ma che non tradisse nemmeno la propria mission.

E così – facendo alcuni esempi – se da un lato il Trio Medusa su Radio Deejay ha scherzato sulla mancata festa di carnevale del network, invitando tutti a tenere il proprio vestito per l’evento parallelo che si terrà in estate, Marco Galli su Radio 105 ha rassicurato gli ascoltatori del sud-Italia che hanno figli che studiano a Milano.

Pippo Pelo e Adriana Petro di Radio Kiss Kiss hanno aperto finestre con infettivologi senza tuttavia rinunciare ad argomenti del giorno più leggeri, mentre “Tutti pazzi per RDS” ha mantenuto il proprio taglio ironico per far sorridere un’Italia frastornata dai tanti “stop” dovuti ad un virus che ancora si conosce poco.

Il taglio nettamente informativo – più semplice da gestire in casi di emergenze – è stato ovviamente confermato da chi, ogni giorno, si dedica a notizie e approfondimenti.

E così, da Rai Radio1 a RTL 102.5, da Radio 24 a Radio Capital, si sta continuando ad aggiornare il pubblico su come evolve la situazione relativa al Coronavirus, su quanto sta accadendo nelle zone colpite, sui corretti comportamenti da seguire ed anche su quelle che sono le reazioni della gente, sia nella vita reale sia sui social.

Perfino le emittenti sportive non sono escluse da questo contesto, per via delle conseguenze che la paura di eventuali contagi ha portato nei vari campionati, i quali, in quanto eventi pubblici, potrebbero diventare un veicolo di infezione.

Ma la gente necessita anche di sorridere, di rilassarsi, di “staccare” per qualche minuto. E ancora una volta, la radio dimostra di essere un mezzo completo che offre un ventaglio di possibilità, con un’offerta che – a seconda dell’emittente sintonizzata – spazia su tutti i fronti.

Potrebbero interessarti

Radio Italia Anni 60 si espande in Sicilia
News
172 visualizzazioni
News
172 visualizzazioni

Radio Italia Anni 60 si espande in Sicilia

Nicola Franceschini - 5 Luglio 2020

Radio Italia Anni 60 estende la propria copertura in Sicilia. Il circuito, attualmente presente in tredici regioni italiane con programmi…

Cinquant’anni fa nasceva l'”American Top 40″
News
136 visualizzazioni
News
136 visualizzazioni

Cinquant’anni fa nasceva l'”American Top 40″

Nicola Franceschini - 4 Luglio 2020

Compie cinquant'anni l'"American Top 40", uno dei programmi radiofonici più famosi del mondo. L'esordio avveniva il 4 luglio 1970. A…

‘I love my radio’: arriva la versione di “Sei nell’anima” dei Negramaro
News
56 visualizzazioni
News
56 visualizzazioni

‘I love my radio’: arriva la versione di “Sei nell’anima” dei Negramaro

Redazione - 4 Luglio 2020

Lunedì 6 luglio, arriva in radio “Sei nell’anima" in un’inedita versione dei Negramaro, registrata in esclusiva per 'I Love My…