fbpx

Il conduttore ha la febbre, la radio lo mette in onda da casa

Ai tempi del coronavirus, anche la più piccola “alterazione” può essere vissuta con sospetto.

Radio Bologna Uno è venuta incontro ad uno dei suoi conduttori che, colto da febbre (senza alcun legame – specifichiamo – con il temuto virus), trasmette da casa.

E’ successo mercoledì 4 marzo ed a raccontarci l’episodio è Simone Barbuti, direttore ma anche “factotum” dell’emittente felisinea.

Leo Vicari – ci racconta – è uno dei conduttori della radio, in onda col programma Quasi goal trasmesso anche in versione visual.

Dopo avermi comunicato, il giorno precedente, che aveva due linee di febbre, ho pensato a come risolvere la vicenda. Questo è il problema? Ecco la soluzione”.

E così Barbuti si è recato da Vicari per consegnargli la “valigetta” utilizzata per le radiocronache.

Una dotazione che gli permettere di fare un live con zero delay, interagendo con ospiti e ascoltatori come se fosse in radio.

“Io gli faccio regia da studio” – racconta orgoglioso – “e gli mando il ritorno, privandolo della sua voce”.

“La consegna del kit” – aggiunge Barbuti – “è avvenuta tramite ascensore, per evitare qualsiasi contatto diretto”.

Il risultato è stato eccellente e dimostra, per l’ennesima volta se mai ce ne fosse bisogno, la plasmabilità con cui oggi è possibile fare radio da qualsiasi posto (o quasi).