ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP

Il 18 aprile è la Giornata Mondiale del Radioamatore

18 Aprile 2018
1430 Visualizzazioni

Il 18 aprile si celebra la Giornata Mondiale del Radioamatore, una data non casuale perchè proprio oggi – nel 1925 – nasceva a Parigi l’Unione Internazionale Radio Amatori (I.A.R.U.), in quello che era il primo meeting mondiale di appassionati di comunicazioni via radio.

L’Italia arrivò due anni dopo, con la nascita dell’A.R.I. (oggi Assiociazione Radioamatori Italiana, in origine Associazione Radiotecnica Italiana), fondata nel 1927 da Ernesto Mondi ed il cui Presidente onorario fu, fino alla sua morte, Guglielmo Marconi.

Il primo caso legato all’utilità sociale che ebbero (e che hanno tuttora) i radioamatori risale a qualche anno prima: era il 1913 quando, durante una calamità naturale che colpì il Midwest, negli Stati Uniti, fu proprio grazie alle comunicazioni via onde radio che le autorità vennero informate delle gravi inondazioni che avevano colpito l’area.

Ancora oggi, in un periodo storico in cui le possibilità di comunicare si sono moltiplicate, nel mondo si stimano circa 2 milioni di radioamatori, di cui circa 35.000 in Italia.

Potrebbero interessarti

Tommy Vee neo-direttore di Stereocittà
News
411 visualizzazioni
News
411 visualizzazioni

Tommy Vee neo-direttore di Stereocittà

Nicola Franceschini - 23 Marzo 2019

"Oggi inizia questa nuova esperienza, sono ufficialmente il nuovo direttore di Stereocittà. La nuova programmazione dal 1° Aprile". A scriverlo,…

Elio e le Storie Tese: arriva Radio EelST
News
491 visualizzazioni
News
491 visualizzazioni

Elio e le Storie Tese: arriva Radio EelST

Nicola Franceschini - 23 Marzo 2019

Si chiama Radio EelST e andrà in onda ogni lunedì da aprile. Sono gli Elio e le Storie Tese ad…

E’ Ligabue il più trasmesso in radio
News
216 visualizzazioni
News
216 visualizzazioni

E’ Ligabue il più trasmesso in radio

Nicola Franceschini - 22 Marzo 2019

E' Ligabue con "Certe donne brillano" il brano più trasmesso in radio negli ultimi sette giorni. A confermarlo, sono i…