Graduatorie della Tv digitale: la Lombardia

A cura di Mauro Roffi

Parlare della prima graduatoria di Lombardia e Piemonte orientale relativamente alla ‘nuova Tv digitale’ (ovvero delle Tv ammesse alla ‘prima fase’) è un’impresa improba, dato il grandissimo numero di soggetti coinvolti (e peraltro anche di quelli giudicati ‘idonei’), i quali a brevissimo, oltretutto, sono già chiamati alla fatidica ‘seduta pubblica’. Nonostante a occhio non ci sia stata in questa regione una effettiva ‘strage’ rispetto alle domande presentate, non mancano con ogni probabilità esclusioni, anche ‘illustri’, che potrebbero essere dovute a errori o imprecisioni (sia nelle domande sia nelle ‘valutazioni ministeriali’), con alta probabilità, quindi, di ricorsi. Casi specifici emergeranno sicuramente nei prossimi giorni.

Per esempio, sembra di notare un certo ‘deficit’ di domande accolte nella zona di Brescia (compresi i ‘tentativi televisivi’ di Radio Studio Più, tanto per fare un nome illustre), mentre sembra piuttosto complicato un recupero di alcune situazioni ultralocali ma di grande tradizione storica (come Telepontedilegno, per esempio, o Tele Monte Neve a Livigno). Ma appunto, nella gran quantità di situazioni ed emittenti, venire a capo della questione sarà anche questa volta un’impresa anche per il Ministero.

Per iniziare l’analisi, dunque, la graduatoria è capitanata da ben tre emittenti del gruppo TeleLombardia, vale a dire, dopo l’emittente omonima, Top Calcio 24, che poi ha avuto anche un suo ‘sviluppo nazionale’ in questi anni, e Antenna Tre. A seguire ci sono Telecity Lombardia e Telecolor e poi Primanews Lombardia, per la quale rinvio a quanto già scritto in Piemonte e Valle d’Aosta. Settima è Espansione Tv, di seguito ci sono Bergamo Tv e Cremona 1, che corona così la sua progressiva ascesa quale Tv assai impegnata nell’informazione locale (e provinciale). Cremona 1 riesce a precedere anche la bresciana Teletutto e la stessa Telenova, solo undicesima.

Ecco poi Unica Lecco, che ha superato i suoi problemi di qualche tempo fa, e la piacentina Telelibertà, che dunque troviamo in questa graduatoria e non in quella dell’Emilia-Romagna. Vale la pena di proseguire un attimo con la meritoria Teleboario e poi con Milano Pavia Tv, seguita da una Tv con non pochi ‘legami radiofonici’ (che peraltro hanno anche Bergamo Tv, Teletutto e le stesse Telecity e, parzialmente, Telenova, come noto), ovvero Tsn di Sondrio.

Dopo Canale Italia 83 c’è Telereporter, ora di Publirose con il suo legame con la Tv svizzera, e finalmente anche la varesina Rete 55 e poi anche Più Valli Tv e Super Tv. A seguire, ancora, c’è la religiosa Tci (da anni attiva, anche con la precedente sigla Tbne, in particolare in Lombardia), che pure sembra aver cercato rifugio nel frattempo anche in sede nazionale. Poi la bergamasca Seilatv, Qsr Tv (francamente non la conosco o non la identifico) e, come in Piemonte, una Rds Social Tv in ‘versione locale’. Ancora, Lombardia Tv e una rediviva (in Dtt) Telesettelaghi.

Mi fermo qui con la graduatoria vera e propria in ordine decrescente (ci sono ancora molte altre emittenti), per passare solo alle tante (ma non tutte, va detto subito) Tv ‘idonee’ legate a emittenti radiofoniche, sia pure in varie modalità. La prima della serie che troviamo in graduatoria è Radio Millennium Tv, seguita da Nbc Milano, Radio Musica Television, One Tv, Cafè Tv 24, mentre anche Babayaga Tv è nata a suo tempo da una Radio, come noto. Non mancano poi sia Rn1 Tv Gold che Radio Number One Tv, e ancora 51 Radio Tv, 70-80.tv, Radio Lombardia Tv, Radio Popizz Tv, Onda Novara Tv e Radio Radio Tv. Due ‘casi’ di Tv di altre zone d’Italia legate a Radio che citiamo a parte sono infine Radio Manbassa Tv e Radio Roma Tv primi da sempre. Colpisce, fra le altre, la non presenza in graduatoria di Radio Popolare Tv, che però la Tv non l’ha effettivamente sviluppata.

Infine, fra le Tv di minori dimensioni o di nascita recente presenti anch’esse in graduatoria, cito, fra le altre, Valpadana Tv, Telepiadena (Mantova Tv è invece presente solo nella graduatoria veneta), Gea Tv e Telestella.

Ma per chiudere davvero, faccio un passo indietro e parlo ancora di Sardegna. Qui fra le Tv che non sembrano proprio (purtroppo) aver trovato spazio c’è anche Visual Radio, che faceva riferimento all’intraprendente stazione locale in Fm Radio Iglesias.

Mauro Roffi
mauro.roffi@fm-world.it

* Archivio News –> www.fm-world.it/news

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it