Confindustria scrive al premier Conte: “Servono interventi per il sistema radiotelevisivo”

24 Marzo 2020
203 Visualizzazioni

“In questo momento in cui il Paese è smarrito e preoccupato, le imprese radiotelevisive, nazionali e locali, stanno sempre più dimostrando di avere un ruolo centrale e di svolgere un servizio di preminente interesse generale, costituzionalmente riconosciuto, con l’offerta di un’informazione costante, qualificata e verificata e di una programmazione culturale e di intrattenimento altrettanto fondamentale per la sua funzione sociale in grado di estendere senso civico e anche un minimo di distrazione e di rasserenamento”.

È questo l’incipit della lettera indirizzata al Presidente del Consiglio, Prof. Giuseppe Conte, da Franco Siddi, Presidente di CRTV. Siddi richiama la rilevanza e il valore, anche costituzionale del sistema dell’informazione e dei media, citando una sentenza fondativa al riguardo, la n. 40 del 1960, che ha sottolineato il ruolo svolto “non solo per i singoli componenti del corpo sociale, ma anche per la sua unità”.

“Principio che ha poi trovato piena attuazione nella successiva giurisprudenza costituzionale, e a livello legislativo, nel considerare l’intero sistema pubblico e privato come soggetti che svolgono un’attività di preminente interesse generale” ricorda Siddi.

Ruolo coesivo, ma anche responsabilità imprenditoriale e professionale: le imprese radiotelevisive, pur tra mille difficoltà, si sono da subito attrezzate per svolgere il loro servizio garantendo la massima protezione sanitaria a tutto il personale, come peraltro sta documentando CRTV, e garantendo continuità di un servizio essenziale per la comunità.

“Adesso è il tempo della consapevolezza che ciascuno deve fare fino in fondo la propria parte per la tenuta del Paese” aggiunge Siddi, che rivolge al Presidente del Consiglio la richiesta di fare in modo “che radiofonia e televisione possano andare avanti senza pregiudizio per il futuro”. Con il protrarsi della grave crisi, l’Associazione si riserva di rappresentare una serie di interventi indispensabili e fondamentali a garantire la continuità aziendale dell’intero sistema radiotelevisivo “espressioni vitali di un Paese che vuole sopravvivere all’emergenza, preservando libertà, pluralismo e realtà economica”.

(Comunicato stampa)

Potrebbero interessarti

Non puoi festeggiare il compleanno con amici e parenti? RTL 102.5 lo trasforma in un evento nazionale
News
54 visualizzazioni
News
54 visualizzazioni

Non puoi festeggiare il compleanno con amici e parenti? RTL 102.5 lo trasforma in un evento nazionale

Nicola Franceschini - 1 Aprile 2020

Ai tempi del coronavirus, il compleanno diventa un evento condiviso in tutta Italia. L'idea è di RTL 102.5 che in…

Radio Cusano Campus arriva a Milano
News
191 visualizzazioni
News
191 visualizzazioni

Radio Cusano Campus arriva a Milano

Nicola Franceschini - 1 Aprile 2020

Prosegue l'espansione di Radio Cusano Campus. Ancora una volta, il progetto promosso e sviluppato dall’Università Niccolò Cusano ottiene frequenze da…

Un anno di m2o, diretta da Albertino
News
139 visualizzazioni
News
139 visualizzazioni

Un anno di m2o, diretta da Albertino

Nicola Franceschini - 1 Aprile 2020

Compie un anno Radio m2o, nella versione diretta da Albertino. L'emittente del gruppo Gedi, in origine, nasceva il 23 ottobre…