ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP

CNRT: “Una via dedicata alla radio in ogni Comune”

29 Aprile 2016
450 Visualizzazioni

Individuare una strada o una piazza a cui assegnare la denominazione toponomastica “Radio Libera”. E’ la proposta che arriva dal CNRT, Coordinamento Nazionale Radio Televisioni (Terzo Polo Digitale) in un comunicato stampa dove si ricorda il quarantennale della sentenza della Corte Costituzionale n. 202 che il 28 luglio sancì la “libertà di antenna”.

Il comunicato, nel dettaglio, riporta quanto segue:

“Anno domini 1976, l’emittenza “privata” italiana si prende la sua rivincita con la sentenza della Corte Costituzionale n. 202 che il 28 luglio sancì la “libertà di antenna”. Da quel momento iniziò una proliferazione di emittenti che in ogni parte del paese dettero vita ad una esperienza pioneristica senza pari nel mondo dando vita poi ad settore fra i più dinamici e all’avanguardia. Nel 1990 poi la regolamentazione del settore con la Legge Mammì. Grazie all’esperienza acquisita oggi il solo settore radiofonico occupa quasi 5.000 addetti generando un indotto almeno triplo. Sul piano sociale, invece, rappresenta il modello più evoluto e dinamico di pluralità che, senza ombra di dubbio, può considerarsi uno degli elementi fondanti della democrazia. Forse proprio per questo le norme che si sono succedute alla Mammì hanno sempre teso a “snellire” il settore.

A tre mesi dalla 40esima candelina CNRT ha proposto, attraverso le oltre 1.170 emittenti italiane, di chiedere ad ogni comune italiano di riconoscere il valore della Radio locale italiana individuando una strada o una piazza a cui assegnare la denominazione toponomastica “Radio Libera” proprio in ricordo della sentenza che la legittimò. Questa iniziativa, oltre a rappresentare un giusto riconoscimento alla Radio è un giusto riconoscimento agli editori e collaboratori delle radio locali che quotidianamente profondono lavoro e impegno e, a volte, la vita: uno su tutti Peppino Impastato.

Il 40ennale, inoltre, rappresenta anche un momento importante per il più antico e versatile mezzo che si appresta per ultimo a digitalizzarsi e che, nonostante tutto, in termini di ascolti è in fase ascendente secondo le più recenti indagini. Inoltre, il 2016 oltre a rappresentare l’anno della svolta al digitale radiofonico (DAB) potrebbe rappresentare l’anno dell’avvio della Pianificazione FM visto che il pressing in tal senso presso Ministero ed Agcom è sempre più forte.”

Potrebbero interessarti

“Facciamo radio per gli italiani alle Canarie”: la storia di Axel24
News
452 visualizzazioni
News
452 visualizzazioni

“Facciamo radio per gli italiani alle Canarie”: la storia di Axel24

Nicola Franceschini - 20 Febbraio 2019

Ci siamo già parzialmente occupati in passato di un fenomeno curioso e interessante: le radio in lingua italiana all'estero. Come…

Musica italiana: i passaggi in radio secondo i dati SIAE
News
681 visualizzazioni
News
681 visualizzazioni

Musica italiana: i passaggi in radio secondo i dati SIAE

Nicola Franceschini - 19 Febbraio 2019

Continua a far discutere la proposta di legge del deputato Alessandro Morelli, nell'inserire una quota minima di musica italiana (un…

Ascolti regione per regione: il caso Lombardia, “patria” dei network
News
1044 visualizzazioni
News
1044 visualizzazioni

Ascolti regione per regione: il caso Lombardia, “patria” dei network

Nicola Franceschini - 19 Febbraio 2019

E' Discoradio l'unica superstation ad entrare nella "top ten" delle più ascoltate in Lombardia. Il dato emerge dagli ultimi dati…