ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP

Anni ’90: quando Capital era il Music Network di Claudio Cecchetto

21 Gennaio 2018
1123 Visualizzazioni

Gli anni ’90 sono tornati d’attualità, grazie ad un programma televisivo che ne ripercorre la musica, le tendenze, gli avvenimenti e le curiosità, ma che cosa ha rappresentato questa epoca per la radiofonia?

Indubbiamente, il decennio che va dal 1990 al 2000 ha portato al consolidamento di molte realtà nazionali, sviluppatesi in buona parte verso la fine degli anni ’80.

Alcune hanno mantenuto una identità costante nel tempo, altre invece hanno completamente rivoluzionato i propri contenuti.

Tra queste ultime possiamo annoverare Radio Capital, da anni celebre per il suo accostamento di “classici e notizie”, ma che nel 1996, quando Claudio Cecchetto la lanciò a livello nazionale, rilevando buona parte delle frequenze (e la concessione) di Gammaradio, puntava ad un pubblico completamente diverso e decisamente più giovane.

Un taglio che la posizionava poco distante dalla Radio Deejay che Cecchetto aveva lasciato alla fine del 1994 e che, nel breve periodo in cui rimase di sua proprietà prima di essere ceduta anch’essa al gruppo de L’Espresso, si mostrò indubbiamente innovativa, sia per la sperimentazione di nuovi speaker diventati poi punti di riferimento della radiofonia nazionale, sia per essere stata una delle prima radio a credere al web, quando ancora internet era un qualcosa di lontano e misterioso per la maggiorparte dell’utenza.

E così, dalle pagine di 12345.net nacquero le prime informazioni relative a Radio Capital Music Network, che ancora oggi, pur con qualche difficoltà, è possibile recuperare grazie al portale di ricerche storiche Archive.org.

Al suo interno, sono reperibili dati quali le due sedi (quella del Forum di Assago e quella di Riccione dell’estate 1996), il debutto con Jovanotti, le varie direzioni, fino al primo elenco di frequenze che raggiungevano soltanto il nord ed il centro Italia.

Le schede dei dj erano essenziali, ma attraverso quelle poche informazioni è possibile ricostruire il palinsesto della radio che ha lanciato da Dj Angelo (all’epoca chiamato Ancelo) al Pittore (Fabrizio Ferrari, oggi a RTL 102.5), da Funky Boss (Daniele Bossari) a Fabio Volo, fino ad un giovane Marco Mazzoli che, dopo un veloce passaggio a Station One, sarebbe arrivato alla Radio 105 che l’ha consacrato.

Poco più di un anno di vita, dunque, per una radio che da lì a poco avrebbe modificato la propria impostazione, passando per varie direzioni artistiche, prima di raggiungere la definitiva identità che la contraddistingue ancora oggi.

Di Radio Capital Music Network resta un periodo breve, ma intenso e ricco di sperimentazioni che ha comunque messo in evidenza l’estro creativo di Claudio Cecchetto.

Potrebbero interessarti

Dopo R101 e Virgin, Mediaset pronta per una terza radio in tv
News
389 visualizzazioni
News
389 visualizzazioni

Dopo R101 e Virgin, Mediaset pronta per una terza radio in tv

Nicola Franceschini - 21 Febbraio 2019

La "voce" che girava da tempo è stata confermata: Mediaset ha acquisito il canale lcn 66 del digitale terrestre da…

La radio nelle piccole regioni: che cosa si ascolta in Molise?
News
575 visualizzazioni
News
575 visualizzazioni

La radio nelle piccole regioni: che cosa si ascolta in Molise?

Nicola Franceschini - 20 Febbraio 2019

E' una regione talvolta messa in secondo piano, per via delle dimensioni ridotte e del conseguente scarso numero di abitanti,…

“Facciamo radio per gli italiani alle Canarie”: la storia di Axel24
News
741 visualizzazioni
News
741 visualizzazioni

“Facciamo radio per gli italiani alle Canarie”: la storia di Axel24

Nicola Franceschini - 20 Febbraio 2019

Ci siamo già parzialmente occupati in passato di un fenomeno curioso e interessante: le radio in lingua italiana all'estero. Come…