Anche in radio si tornerà allo smart working?

Da alcune settimane, i casi di covid hanno ripreso a crescere in Italia e nel mondo.

Mentre si sta cercando di evitare un lockdown totale come quello di marzo e aprile, sono diverse le misure preventive che si stanno mettendo in atto per circoscrivere i contagi.

Lo smart working è una delle vie indicate per evitare affollamenti e assembramenti per strada e soprattutto sui mezzi pubblici.

Che cosa potrebbe succedere, se nuovamente applicato alla radio?

Pur venendo a mancare l’atmosfera che si percepisce in studio, la radio ha dimostrato di sapersi plasmare non solo su ogni device, ma anche ad ogni ambiente.

Conduttori che hanno trasmesso da casa, da studi secondari, da ambienti meno ‘standard’, senza che l’ascoltatore se ne accorgesse (o quasi).

Potrebbe essere dunque uno degli scenari futuri? La radio riesce a mantenere la stessa spontaneità anche a distanza?

Difficile dare una risposta univoca, ma una cosa è certa.

Augurandoci in primis in un (impegnativo) calo dei contagi, la radio si conferma uno dei medium più versatili anche e soprattutto in concomitanza di emergenze.

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it