ASCOLTA LA RADIO CON LA NOSTRA APP

Voce ai protagonisti: intervista a Matteo Cifani, speaker in radio a 17 anni

23 ottobre 2017
1161 Visualizzazioni

Le radio locali FM, per quanto ancora numerose, sono sempre meno in Italia. Entrarci per un giovane è difficile e impegnativo, farsi notare non è semplice. Spesso a premiare è l’originalità. E’ il caso di Matteo Cifani, 17 anni di Varese, di recente entrato a far parte della locale RTO.

 

Ciao Matteo, partiamo da quest’ultima notizia. Da inizio ottobre sei a RTO, ma gli ascoltatori ti hanno conosciuto come un dj che non fa parte della radio ma ne occupa le frequenze. Ci spieghi com’è nata questa idea e com’è strutturato il programma?

Ciao ragazzi, innanzitutto grazie mille per l’opportunità! L’idea di impossessarmi delle frequenze di RTO è nata pensando alle radio libere degli anni ‘70, in cui ci si impadroniva della radio trasmettendo tutto quello si voleva. Quello che cerco di fare il venerdì dalle 21:00 alle 23:00 è esattamente questo, ho carta bianca posso parlare di quello che voglio, scelgo la musica che più mi piace e interagisco con gli ascoltatori. Sono live da casa mia, nella mia camera ed è proprio per questo che il programma si chiama “Citofonare Cifani”. Durante la diretta cerco di fare una sorta di viaggio in cui racconto me stesso, partendo da una notizia e facendo ascoltare le canzoni che per me hanno un significato speciale, dalla ultima hit che ho aggiunto alla mia playlist al primo CD che io abbia mai comprato. Con i messaggi ed i social nel frattempo gli ascoltatori mi raccontano cosa stanno facendo, commentano quello che dico e mi mandano delle richieste di canzoni. È uno scambio continuo di storie e questa cosa mi piace tantissimo.


Prima di RTO hai avuto altre esperienze, pur essendo giovanissimo?

Ho iniziato a trasmettere quando avevo 11 anni su una web radio creata da me. Da sempre quando sono in auto con la mia famiglia c’è la radio accesa e questa atmosfera mi affascinava tantissimo. Ho iniziato ad informarmi su come potessi anch’io fare qualcosa del genere e così è iniziato tutto. Nel corso del tempo ho coinvolto anche dei miei amici ed abbiamo trasmesso fino al 2014, anno in cui abbiamo deciso di unirci a Radioimmaginaria, una web radio di adolescenti dagli 11 ai 17 anni in cui sono ho trasmesso fino a quest’anno.


Oltre alla radio, la tua principale attività al momento è studiare. Dove ti vedi tra qualche anno, terminati gli studi? Che cosa vorresti fare “da grande”?

Indubbiamente so che la radio mi piace tantissimo e vorrei trasformarla nella mia vita. Quello che provi quando apri il microfono è indescrivibile e poter aver questa sensazione tutti i giorni è un’idea che mi attrae davvero tanto.

Matteo Cifani speaker RTO
I tuoi coetanei ascoltano la radio? E come hanno preso questa tua nuova avventura?

I miei coetanei ascoltano la radio! Troppo spesso sento dire che ai giovani non interessa più questo mezzo. La verità è che viene ascoltata mentre si fa qualcos’altro e, a differenza della televisione o YouTube che richiedono la massima attenzione, fa da accompagnamento ad un’altra attività. Mentre ero in diretta venerdì scorso è successa una cosa fantastica, sui vari gruppi WhatsApp delle scuole della mia città è iniziata a circolare la notizia che ero live alla radio e sempre più velocemente la cosa si è allargata. Hanno iniziato ad arrivarmi tantissimi messaggi da coetanei o anche pischielli che dicevano di starmi ascoltando e questa cosa ha confermato quello che già pensavo: i giovani ci sono, spesso è la radio che è assente!


La tua è stata una idea molto originale, ma entrare in una radio oggi è sempre più difficile, soprattutto per chi è molto giovane e non ha ancora maturato esperienza. Che cosa consiglieresti ad eventuali tuoi coetanei che volessero intraprendere la tua stessa attività?

Sperimentate! Fare la copia di quello che c’è già è inutile. Ovviamente anch’io ho i miei idoli a cui mi ispiro ma cerco di inventare sempre qualcosa di mio. Bisogna guardare a quello che c’è già stato e cercare di impararne il più possibile, non duplicarlo.

 

Infine, vogliamo una tua opinione (per noi molto importante, vista la tua giovane età) su FM-World e su quello che vorresti dal nostro “sistema” che include sito, app e community Facebook.

Penso sia un ottimo sito di informazione per tutti gli appassionati e gli addetti ai lavori della radio. Grazie mille per questa intervista, ci sentiamo in onda!

 

Rimani in contatto con Matteo su Facebook e Instagram.

LEGGI ANCHE:
– Radio Capital riparte da un primo mattino “talk & news”
– Marco Biondi spiega Pop News TV: “La gente ha fame di notizie musicali”

Potrebbero interessarti

Si conclude l’indagine RadioTER 2018: tra qualche settimana, i dati “annuali” e del “secondo semestre”
News
393 visualizzazioni
News
393 visualizzazioni

Si conclude l’indagine RadioTER 2018: tra qualche settimana, i dati “annuali” e del “secondo semestre”

Nicola Franceschini - 16 dicembre 2018

Lunedì 17 dicembre si conclude l'indagine relativa alla quarta tranche trimestrale 2018 dell'indagine RadioTER. Fino al 15 gennaio 2019, le…

“Sanremo Giovani” in radio con Tamara Donà e Melissa Greta Marchetto
News
251 visualizzazioni
News
251 visualizzazioni

“Sanremo Giovani” in radio con Tamara Donà e Melissa Greta Marchetto

Nicola Franceschini - 15 dicembre 2018

La Città dei Fiori è pronta per ospitare la settimana dedicata a Sanremo Giovani. La sezione dedicata agli emergenti, quest'anno…

E’ morto Antonio Megalizzi, il giovane reporter radio di Europhonica
News
480 visualizzazioni
News
480 visualizzazioni

E’ morto Antonio Megalizzi, il giovane reporter radio di Europhonica

Nicola Franceschini - 14 dicembre 2018

Antonio Megalizzi non ce l'ha fatta. Il giornalista trentino che si trovava a Strasburgo per il progetto radio Europhonica è…