Salta la Festa di Radio Onda d’Urto

29 Luglio 2020
1106 Visualizzazioni

L’emittente bresciana antagonista Radio Onda d’Urto non svolgerà la propria festa di agosto, come avviene ogni anno.

L’emergenza covid ha costretto a far slittare l’evento – che per la radio è fonte di autofinanziamento – al 2021.

Attraverso i social network, lo staff di Onda d’Urto ha così comunicato al proprio pubblico le motivazioni:

Abbiamo atteso ancora qualche settimana, con la speranza che i contagi si azzerassero e che si potesse programmare qualche appuntamento estivo in una condizione di maggior sicurezza e con minori restrizioni.

Purtroppo il virus – che nei mesi scorsi, soprattutto nei nostri territori, ha seminato morte e sofferenze – è ancora in circolazione, in particolare in Lombardia, e di conseguenza non è ancora possibile organizzare eventi musicali o aggregativi che non siano contrassegnati o da incoscienza e irresponsabilità o da limitazioni e norme per noi impossibili da gestire sul piano ideale e sociale. C’è troppa attesa, in agosto, per la Festa della Radio; lo constatiamo senza presunzione, ci sono troppe aspettative da parte di decine di migliaia di persone: se organizzassimo qualcosa in questo periodo dovremmo lasciare fuori dai cancelli centinaia se non migliaia di persone, creando magari involontariamente quegli assembramenti pericolosi che vorremmo evitare all’interno; dovremmo imporre la prenotazione ed un numero chiuso escludente, selezionare ed impedire gli ingressi.

Dovremmo insomma andare nella direzione opposta rispetto a quanto fatto in tutti questi anni: la creazione di uno spazio aperto, di un luogo di aggregazione popolare, intergenerazionale ed interculturale, di musica e cultura, basato sull’inclusione di chiunque volesse viverlo condividendone l’impostazione ed i valori di fondo. Non ce la sentiamo di snaturare in questo modo la manifestazione estiva che esprime ciò che siamo e che pensiamo. E non intendiamo nemmeno non essere coerenti con la posizione, tesa alla difesa della salute di tutti e tutte, che abbiamo assunto come Radio onda d’urto anche durante la fase più acuta della pandemia, ispirata al principio di precauzione e alla priorità dell’interesse collettivo di tutela sanitaria.

Non faremo nulla? Per ora no, anche se non escludiamo in assoluto di cambiare idea se le condizioni mutassero, magari verso fine estate-settembre, perchè sappiamo che sarebbe importante per la nostra città e non solo, perchè abbiamo bisogno di incontrarvi, perchè sentiamo l’esigenza di stare insieme dopo i terribili giorni del confinamento domiciliare, dell’isolamento e della solitudine che abbiamo cercato di superare anche tramite le nostre frequenze radiofoniche; infine, ultimo ma non meno importante, perchè senza i vostri contributi l’autofinanziamento della Radio va in profonda crisi e non sappiamo come faremo ad affrontare le sue spese di gestione nel prossimo anno.

Possiamo per ora solo chiedervi di starci vicini e vicine, di restare in contatto. Insieme ce la faremo e l’anno prossimo tornerà la Festa della Radio, ancora più grande ed accogliente.

(Comunicato Radio Onda d’Urto)

* FM-world –> per contatti e segnalazioni: info@fm-world.it

Potrebbero interessarti

Un artista italiano in nomination ai “Los40 Music Awards 2020”
Eventi
52 visualizzazioni
Eventi
52 visualizzazioni

Un artista italiano in nomination ai “Los40 Music Awards 2020”

Redazione - 21 Ottobre 2020

C'è anche un artista italiano tra le nomination dei "Los40 Music Awards 2020". I noti premi musicali del network spagnolo…

Linus ospite a Radio Esercito
News
104 visualizzazioni
News
104 visualizzazioni

Linus ospite a Radio Esercito

Redazione - 20 Ottobre 2020

Linus intervistato da Radio Esercito: è quanto andrà in onda mercoledì 21 ottobre alle 11.30. Il noto direttore di Radio…

Il nuovo DPCM ‘spiegato in musica’ dai “Corrieri di Kiss Kiss”
Talkmedia
165 visualizzazioni
Talkmedia
165 visualizzazioni

Il nuovo DPCM ‘spiegato in musica’ dai “Corrieri di Kiss Kiss”

Nicola Franceschini - 20 Ottobre 2020

Doveva essere la canzone della Fase 3, ma essendo ancora critica la situazione sanitaria è diventata la "Canzone della Fase…