Voce ai protagonisti: intervista a Matteo Cifani, speaker in radio a 17 anni

23 Ottobre 2017
2827 Visualizzazioni

Le radio locali FM, per quanto ancora numerose, sono sempre meno in Italia. Entrarci per un giovane è difficile e impegnativo, farsi notare non è semplice. Spesso a premiare è l’originalità. E’ il caso di Matteo Cifani, 17 anni di Varese, di recente entrato a far parte della locale RTO.

 

Ciao Matteo, partiamo da quest’ultima notizia. Da inizio ottobre sei a RTO, ma gli ascoltatori ti hanno conosciuto come un dj che non fa parte della radio ma ne occupa le frequenze. Ci spieghi com’è nata questa idea e com’è strutturato il programma?

Ciao ragazzi, innanzitutto grazie mille per l’opportunità! L’idea di impossessarmi delle frequenze di RTO è nata pensando alle radio libere degli anni ‘70, in cui ci si impadroniva della radio trasmettendo tutto quello si voleva. Quello che cerco di fare il venerdì dalle 21:00 alle 23:00 è esattamente questo, ho carta bianca posso parlare di quello che voglio, scelgo la musica che più mi piace e interagisco con gli ascoltatori. Sono live da casa mia, nella mia camera ed è proprio per questo che il programma si chiama “Citofonare Cifani”. Durante la diretta cerco di fare una sorta di viaggio in cui racconto me stesso, partendo da una notizia e facendo ascoltare le canzoni che per me hanno un significato speciale, dalla ultima hit che ho aggiunto alla mia playlist al primo CD che io abbia mai comprato. Con i messaggi ed i social nel frattempo gli ascoltatori mi raccontano cosa stanno facendo, commentano quello che dico e mi mandano delle richieste di canzoni. È uno scambio continuo di storie e questa cosa mi piace tantissimo.


Prima di RTO hai avuto altre esperienze, pur essendo giovanissimo?

Ho iniziato a trasmettere quando avevo 11 anni su una web radio creata da me. Da sempre quando sono in auto con la mia famiglia c’è la radio accesa e questa atmosfera mi affascinava tantissimo. Ho iniziato ad informarmi su come potessi anch’io fare qualcosa del genere e così è iniziato tutto. Nel corso del tempo ho coinvolto anche dei miei amici ed abbiamo trasmesso fino al 2014, anno in cui abbiamo deciso di unirci a Radioimmaginaria, una web radio di adolescenti dagli 11 ai 17 anni in cui sono ho trasmesso fino a quest’anno.


Oltre alla radio, la tua principale attività al momento è studiare. Dove ti vedi tra qualche anno, terminati gli studi? Che cosa vorresti fare “da grande”?

Indubbiamente so che la radio mi piace tantissimo e vorrei trasformarla nella mia vita. Quello che provi quando apri il microfono è indescrivibile e poter aver questa sensazione tutti i giorni è un’idea che mi attrae davvero tanto.

Matteo Cifani speaker RTO
I tuoi coetanei ascoltano la radio? E come hanno preso questa tua nuova avventura?

I miei coetanei ascoltano la radio! Troppo spesso sento dire che ai giovani non interessa più questo mezzo. La verità è che viene ascoltata mentre si fa qualcos’altro e, a differenza della televisione o YouTube che richiedono la massima attenzione, fa da accompagnamento ad un’altra attività. Mentre ero in diretta venerdì scorso è successa una cosa fantastica, sui vari gruppi WhatsApp delle scuole della mia città è iniziata a circolare la notizia che ero live alla radio e sempre più velocemente la cosa si è allargata. Hanno iniziato ad arrivarmi tantissimi messaggi da coetanei o anche pischielli che dicevano di starmi ascoltando e questa cosa ha confermato quello che già pensavo: i giovani ci sono, spesso è la radio che è assente!


La tua è stata una idea molto originale, ma entrare in una radio oggi è sempre più difficile, soprattutto per chi è molto giovane e non ha ancora maturato esperienza. Che cosa consiglieresti ad eventuali tuoi coetanei che volessero intraprendere la tua stessa attività?

Sperimentate! Fare la copia di quello che c’è già è inutile. Ovviamente anch’io ho i miei idoli a cui mi ispiro ma cerco di inventare sempre qualcosa di mio. Bisogna guardare a quello che c’è già stato e cercare di impararne il più possibile, non duplicarlo.

 

Infine, vogliamo una tua opinione (per noi molto importante, vista la tua giovane età) su FM-World e su quello che vorresti dal nostro “sistema” che include sito, app e community Facebook.

Penso sia un ottimo sito di informazione per tutti gli appassionati e gli addetti ai lavori della radio. Grazie mille per questa intervista, ci sentiamo in onda!

 

Rimani in contatto con Matteo su Facebook e Instagram.

LEGGI ANCHE:
– Radio Capital riparte da un primo mattino “talk & news”
– Marco Biondi spiega Pop News TV: “La gente ha fame di notizie musicali”

Potrebbero interessarti

Rai Radio Techetè ripropone le radiocronache del secondo scudetto del Napoli di Maradona
Primo piano
7 visualizzazioni
Primo piano
7 visualizzazioni

Rai Radio Techetè ripropone le radiocronache del secondo scudetto del Napoli di Maradona

Redazione - 29 Novembre 2020

La stagione calcistica 1989/1990 vedeva per la seconda volta il trionfo del Napoli. Soltanto tre anni prima, la squadra partenopea…

Il “Gran premio della radio”: nel ’93, Maurizio Costanzo e Maria De Filippi premiavano le migliori emittenti dell’epoca
Primo piano
59 visualizzazioni
Primo piano
59 visualizzazioni

Il “Gran premio della radio”: nel ’93, Maurizio Costanzo e Maria De Filippi premiavano le migliori emittenti dell’epoca

Redazione - 29 Novembre 2020

Domenica 7 novembre 1993 si svolgeva al City Square di Milano, la premiazione della prima edizione del 'Gran Premio della…

“Perchè i media nazionali considerano poco le radio regionali?”: la riflessione di Gigio Rosa
Primo piano
13 visualizzazioni
Primo piano
13 visualizzazioni

“Perchè i media nazionali considerano poco le radio regionali?”: la riflessione di Gigio Rosa

Redazione - 29 Novembre 2020

"Secondo voi, il mestiere dello speaker radiofonico è rappresentato più da chi trasmette in un network che copre la nazione…