Intervista a Ronnie Milani del duo Nari&Milani

25 Settembre 2017
2733 Visualizzazioni

Dj, produttore musicale e ideatore della web radio Hit Radio Network: il suo nome è Ronnie Milani. L’abbiamo contattato per conoscere la sua carriera.

 

*Ciao Ronnie, cominciamo dagli albori. Come ti sei avvicinato al mondo della musica? Tramite radio e discoteca?

Mi sono avvicinato al mondo della musica grazie all’amore sfrenato che avevo per la batteria.
Questa grande passione, dopo tantissimi sacrifici, è diventata il mio lavoro e mi ha permesso di esibirmi nei club, nei festival e nelle radio più importanti di tutto il mondo con il progetto “Nari&Milani“. Questi ambienti di lavoro hanno segnato in maniera sostanziale e significativa la mia carriera artistica, facendomi conoscere tanti professionisti del settore come il mio socio Riccardo Tesini, con il quale abbiamo fondato HRN – Hit Radio Network.

*Quali sono state le tue principali esperienze radiofoniche?

Ho avuto tante esperienze lavorative in radio, ma quelle che mi hanno formato di più, sia professionalmente che umanamente, non sono state quelle di maggior prestigio, bensì le primissime esperienze avute nelle radio locali di Milano e Como.

*La dance, in particolare, è uno dei settori che ti contraddistingue. Vanti collaborazioni con il dj Christian Marchi: ce ne puoi parlare?

Si, l’ambito dance è il settore musicale che mi ha dato tante soddisfazioni, come le collaborazioni di successo con i più importanti produttori internazionali: Tiesto, Alex Gaudino, Delayers, Daddy’s Groove, Cristian Marchi e tanti altri. Il lavoro con Cristian non ha portato solamente alla realizzazione di importanti produzioni, ma anche alla nascita di una grande amicizia.

*In pochi anni il mondo dell’intrattenimento è cambiato. Le discoteche sono calate e si prediligono gli aperitivi, mentre le radio locali FM sono sempre meno e gli utenti si spostano sul web. Come vedi il futuro di entrambi i settori? Tu su cosa stai investendo maggiormente?

Si è vero, il mondo dell’intrattenimento è cambiato molto negli ultimi anni, ma è sempre in continuo movimento. Rispetto a 20 anni fa, oggi questo processo di “evoluzione” è molto più accelerato e selettivo.
Così come cambiano i locali, i festival e le mode, cambiano anche le radio. Dal mio punto di vista, era il momento giusto per investire in un nuovo progetto, tenuto nel cassetto, con l’obiettivo di creare una web radio alla portata di tutti e con una programmazione differente rispetto alle altre radio FM o Digital. E così è nata HRN.

*Ai ragazzi che si avvicinano oggi al mondo dei club e della radio che cosa consiglieresti?

Il consiglio che posso dare è di credere sempre in se stessi e di non mollare mai anche quando le cose non girano per il verso giusto, perché è proprio in quel momento che inizia a funzionare tutto!

*Infine, che cosa ne pensi di FM-World e del nostro “universo” che unisce app, sito web e gruppo Facebook?

Penso che FM-world sia in generale un progetto molto interessante, utile per il mondo radio e che diventerà sempre più conosciuto. L’app poi è davvero pratica e ben fatta.

 

LEGGI ANCHE:
– Voce ai protagonisti: intervista a Guglielmo Meregalli
– FM-world approda in TV con “FM-world TV”

Potrebbero interessarti

Rai Radio Techetè ripropone le radiocronache del secondo scudetto del Napoli di Maradona
Primo piano
7 visualizzazioni
Primo piano
7 visualizzazioni

Rai Radio Techetè ripropone le radiocronache del secondo scudetto del Napoli di Maradona

Redazione - 29 Novembre 2020

La stagione calcistica 1989/1990 vedeva per la seconda volta il trionfo del Napoli. Soltanto tre anni prima, la squadra partenopea…

Il “Gran premio della radio”: nel ’93, Maurizio Costanzo e Maria De Filippi premiavano le migliori emittenti dell’epoca
Primo piano
60 visualizzazioni
Primo piano
60 visualizzazioni

Il “Gran premio della radio”: nel ’93, Maurizio Costanzo e Maria De Filippi premiavano le migliori emittenti dell’epoca

Redazione - 29 Novembre 2020

Domenica 7 novembre 1993 si svolgeva al City Square di Milano, la premiazione della prima edizione del 'Gran Premio della…

“Perchè i media nazionali considerano poco le radio regionali?”: la riflessione di Gigio Rosa
Primo piano
13 visualizzazioni
Primo piano
13 visualizzazioni

“Perchè i media nazionali considerano poco le radio regionali?”: la riflessione di Gigio Rosa

Redazione - 29 Novembre 2020

"Secondo voi, il mestiere dello speaker radiofonico è rappresentato più da chi trasmette in un network che copre la nazione…