RAI and the future of online audio listening: interview with Andrea Borgnino (RAI)

Andrea Borgnino (RAI): Rai PlaySound is growing rapidly, now also with regional content and versions optimized for mobility. Online, any classic FM listening rule is overturned, as is the case of our Radio3 (culture) network, that is top in the charts. RAI content on 3rd parties aggregators? It’s a very complex issue. Radio 2 Visual is only available on Rai Play, our app is dedicated to audio.

 

RAI and the Online Audio World

We continue our series of articles “Entertainment and Work in the Car”. After talking with Eng. La Teana from RTL and with Charles Kelly, today it’s RAI’s turn, where Andrea Borgnino (IWOHK) has held the role of editorial head of RaiPlay Sound for about 2 years, the RAI app/aggregator inspired in part by the prestigious BBC Sounds English model.

With Andrea we talked about new content, the profile of podcast listeners compared to linear radio listeners, and the issue of proprietary apps (single broadcaster) vs aggregators.

The full audio of the conversation is available at this address.

Andrea Borgnino

A real radio enthusiast, he has made it his job at RAI since 1997. Author of the Radio 1 program Golem, he later dealt with the Radio Techetè channel. For over ten years he has had a weekly slot called Interferences in the Radio 3 Mondo program and since July 2021 he is editorial manager of RaiPlay Sound, the RAI platform dedicated to live, on demand and podcast listening.

The Interview

Marco Hugo Barsotti: First of all, update us on RaiPlay Sound. We left off in April with 12 Live channels, plus dozens of on-demand and as users you said that in the first four months the numbers were going in the direction you expected….

Andrea Borgnino: _So let’s say the project is growing. The live channels have gone from 12 to 14, there are 2 new regional channels, one in Slovenian and one in German coming from the Trieste headquarters and the Bolzano headquarters.

So a big work of integration of regional contents.  In addition to these two more live channels there are also contents from the local newsrooms, Trieste, Sardinia, Sicily and soon we will also bring in Bolzano and Trento.
So: not only content in Italian, but also in Sardinian, Slovenian, German and Ladino, Friulian and Patois.

Automotive World

As for the APP, the big news is that it has been made compatible with the automotive world, meaning Android Auto and Apple Car. For both we developed  an optimized interface  that allows users to enjoy all the functions of RaiPlay Sound through these two interfaces.
This is a big step forward that I can tell you first, since we haven’t officially announced it yet.
We are also working on a platform for connected TVs, which I think will be available in September.

In terms of editorial content, to date we have over 200 original podcasts – and I point out that we’ve only been online for two years. We also have over 500 radio shows available online and 200 audiobooks.

Sophisticated Users

MHB: Do PlaySound listeners make the same choices as FM listeners? In other words, are the “listening charts” of the various programs the same or different?

AB: Well.. these are not data that RAI releases, but I  can give some general information.
The answer is that the RaiPlay Sound audience is very different from what we have in FM, as found in the last TER data.
For example, on PlaySound Radio3 is one of the most listened to live contents.
(Radio3 RAI can be loosly defined as  equivalent of BBC Radio3+BBC Radio 4, Ed. note)

Different (but similar) situation  for on-demand

Now, we made a tool very similar to Netflix’s top 10, which everyone can find on our site.
At this time
(interview recorded on August 4, 2023)  the most requested content is Radio3 Mondo,then Prima Pagina and Out Loud: all three contents from Radio 3.

Overturned Rules

What follows is the audio version of Lucarelli’s TV program Blu Notte, then Wikiradio, then …. let’s say that in on-demand listening, any classic FM listening rule no longer applies: It’s a fragmented listening of more varied content.

And even in linear online listening,  FM rules do not apply,

Aggregators

MHB: Let’s talk about aggregators and dedicated apps. Both you and RTL 102.5, to name just two, have a dedicated, very rich app. But by using it you remain confined there, while many listeners quickly switch from one broadcaster’s content to another’s: an aggregator is very more practical from this point of view. But obviously the dedicated content is lost there. Isn’t it conceivable an integration of the two experiences, at least with the aggregators developed in Italy?

AG:  The issue is broad; it’s a matter of distribution and system.
As for the video, you can see that the contents are not only on Rai Play, our app for video.
Distribution agreements have been made there. But us… we are still very young, not even two years old yet.
The only export concerns Spotify and it was done because the Italian market is on Spotify. But it wasn’t a transposition: on Spotify we go to put some series that we publish on RaiPlay Sound, but at a later time._

Today, RAI’s choice is  clear: to push our own apps  RaiPlay and RaiPlay Sound.

Convergence

I was talking about it a few weeks ago with some colleagues from BBC: they even imagine a single app, a merge of iPlayer and BBC Sounds. A single app for the entire public service.

MHB: … Yes, but… doesn’t it seem to you that from the point of view of listeners it is not the optimal choice? Of course, it is in the interest of the broadcaster, but it is not convenient for those who listen…who could ultimately  reject the product and prefer an aggregator where they have total freedom.

AB:  Yes, but you have to keep in mind that we, as a public body, have to make clear and transparent agreements for the distribution of our content: it’s not a trivial matter, not at all

 

Visual

MHB: Let’s close with technology. Do you plan to evolve the visual offer of RaiPlay Sound, also with a view to meeting the needs of mobile use? I’m thinking of screens for rear passengers or even for the driver, in future self-driving cars.

AB: At the moment, we don’t have any visual offer projects. As you know,   Radio 2 is  available in audio and video format, but its video offer is exclusively on RaiPlay, not on our application which is purely dedicated to audio.
If in the future there will be video podcasts things could change, but for now, as I said, we are a pure audio offer.
 (M.H.B. for FM-World)

A fully AI-run radio? Content on Demand proposes a different, immediately usable approach that builds on what already exists

After the launch of ChatGPT at the end of November 2022, many – including us – got carried away with enthusiasm, envisioning a future populated by AI-run radio  where content is generated by an LLM (Large Language Model, like GPT 3.5, Claude from Anthropic or Meta’s LLama-2), while voices are generated by other models that have  learned to speak like real presenters: Not so Fast.

Not so fast

Nine months have passed: we think we have understood a little more and can correctly position AI as an additional resource, rather than a total change in the approach of broadcasters with consequent staff reductions.

Of course, this is a personal and provisional conclusion because, inevitably, what we thought was feasible at the end of 2022 if not today will likely be possible in the future.

But let’s take it step by step.

Patrizia

Let’s start with an early adopter, the publishing company behind 70-80.it.  In December 2022 they devise a radio format, the Diario di Patrizia, where the vicissitudes of a 70s/80s teenager are invented and written by GPT 3.5-rurbo through the PeperoniAI front-end.

To get the desired result, they started from a series of stories written by a human copywriter: stories of teenagers, love affairs and family problems.

These first scripts were  writtten by humans and not intended to be broadcast, but to train the AI.

Subsequently, the real scripts were generated by AI: specific instructions were provided to Peperoni, such as:

_Number the stories, identifying them with a progressive number
_Use 80s teen slang
_Write short stories (about ten lines) suitable for radio reading and not too complicated.
_If possible, think of funny stories, even if the goal is not to make people laugh.

The program was a big hit and can be still heard on the station.

 Kai

In Germany someone wanted to go a step further, creating a radio totally managed by an AI, called KAI.

This is the case of Absolute Radio AI, whose manager recently told Newslinet that “Much of the work at Absolut Radio AI is handled by our site, which sends the request to ChatGPT and then re-checks and optimizes the response again.
The platform runs the entire workflow completely on its own;  however, for the first few months humans will check all texts and listen to vocals before broadcast.

Reality Check

We of course performed a reality check by listening to the station. We remember little of the German learned in high school, yet enough to be able to say that the chosen format is quite smart: music with segments where the talk is … about the music.
In practice, the AI tells something about the tracks or artists on air, which is feasible without too much risk of  hallucinations,  if the model used has been (as we assume) fine-tuned on music history.

The synthetic German voices are credible and  very enjoyable. In fact: surprisingly good.

Content on Demand

This brings us to Content on Demand by 22HBG.

Let’s take the  experience, by Radio Nizza, an italian station created to and aimed at the Riviera (Cote d’Azur). In the first two months the station had access to was able to experiment with the new “content on demand” service*.

Their conclusion: Content on Demand can effectively complement the work of editorial staff and presenters for services related to current affairs and possibly programmatically connected to specific feeds.

Content on Demand, let’s clarify, is a cloud service created by 22HBG based on what has already been developed for Peperoni and dedicated to creating audio content based on prompts.

As you can see in the screenshot, users can upload a preroll (in our case from the official voice of Radio Nizza) and a backgrounds sound.

Then in the “Context” area users can  insert a text prompt (complex topic that we will return to) to get a complete audio clip created in a few seconds, ready to be verified and aired.

 

An example

Let’s explain the process with an example. The editorial staff prepares content every week, the agenda of events on the Côte d’Azur or the news of the day. But it certainly cannot be present 24 hours a day to monitor alerts or specific events, which are however available online. Such as in this tweet by the public transport of Nizza, “Ligne d’Azur”, warning users of a change in the line 90.

 

Here’s the point. By providing Content on Demand with the message (captured via a Python script) and preceding it with a specific prompt (again crafted via Python) we can automatically create a radio segment, sending Content on demand the following complete prompt:

Prompt: Create an urgent message for Radio Nizza informing – translating into Italian – about the following: “En raison d’un éboulement, la ligne 90 est modifiée le jeudi 3 août 2023.”

And here is the result aired on August 3 (the content starts at second 14):

The text is: “Good morning to all our listeners. We have an urgent announcement to make regarding line 90. Due to a landslide, line 90 will undergo changes on Thursday, August 3, 2023. We invite you to take this into account for your travel plans. We will update you with further information as soon as it becomes available. Thank you for your attention and have a nice day everyone!

French version

The same system can automatically create a French version.  No editorial work is  required: it is  enough to specify “in French” in the prompt:

Prompt: Create an urgent message for Radio Nizza informing – in French – the following: “En raison d’un éboulement, la ligne 90 est modifiée le jeudi 3 août 2023.”

This is the excellent result

t,

The text:

Chers auditeurs de Radio Nizza, Nous avons une nouvelle urgente à vous annoncer. En raison d’un éboulement, nous devons vous informer que la ligne 90 sera modifiée ce jeudi 3 août 2023. Cette situation imprévue nous oblige à apporter des changements à l’itinéraire habituel de la ligne 90. Des mesures de sécurité sont en cours pour évaluer les dégâts et rétablir la situation normale dans les plus brefs délais. Nous vous recommandons de prendre vos dispositions pour éviter tout désagrément lors de vos déplacements. Il est possible que des retards ou des modifications temporaires soient nécessaires sur cette ligne. Veuillez suivre les instructions données par le personnel de la compagnie de transports en commun pour connaître les alternatives possibles. Nous comprenons que cela peut causer des désagréments et nous nous excusons pour les inconvénients que cela pourrait vous causer. Nous mettons tout en œuvre pour minimiser les perturbations et rétablir la situation normale dans les plus brefs délais. Restez à l’écoute de Radio Nizza pour les dernières mises à jour concernant cette situation. Nous vous tiendrons informés de tout développement ou changement concernant la ligne 90. Nous vous remercions de votre compréhension et de votre coopération. Prenez soin de vous et soyez prudents lors de vos déplacements. C’était un message urgent de Radio Nizza.

Gallicisms

As you can see the resulting message is very long, forcing to shorten it by reiterating the request to Peperoni preceded by “repeat the previous text shortening it by 50%“.

The reason is both ridiculous and interesting: the French – we can now affirm from direct experience – tend to be very ceremonious in writing and speaking, turning even short communications into very long speeches. The AI, trained on this style, has therefore excessively lengthened the message, forcing the station to run a second iteration.

English Version

Finally, the same operation with English:

Ongoing Developments

As for Italian voices, the weakest of the three,  we contacted  the head of development at 22HBG who is working on the next version of Content on Demand.

Among other things,  he said, he is implementing the options to change the “mood” or “tone” of the voice: through presets it will therefore be possible to make the artificial voice speak in a neutral way (BBC World Service style, to be clear) or emphatically (as often adopted by presenters in music programs).

Last Note

Last note: did you read above the manager of Absolute Radio AI stating that “for the first few months humans will check all texts“?

Well our advice is to keep checking the output not “for the first few months” but until “future AI systems that emulate the human “super Ego” – additional downstream models that control the AI’s work – are able to reject inappropriate, hallucinated or simply “not radio-friendly” content”

(M.H.B. for FM-World)

borgnino raiplay sound

RaiPlay Sound e il futuro dell’ascolto radiofonico: intervista a Andrea Borgnino (RAI)

Andrea Borgnino (RAI): Rai PlaySound sta crescendo rapidamente, ora anche con i contenuti regionali e con versioni ottimizzate per la mobilità. Nell’ online si va a saltare qualsiasi regola classica dell’ascolto in FM, con classifiche di ascolto sovvertite.
Contenuti RAI su altri aggregatori? È una questione molto complessa. Radio 2 Visual è disponibile solo su Rai Play, noi siamo una app dedicata all’audio.

RAI e il mondo dell’audio OnLine

Prosegue la nostra serie di articoli “Intrattenimento e lavoro in auto”. Dopo aver parlato con l’ing La Teana di RTL e con Charles Kelly è oggi la volta RAI, dove Andrea Borgnino (IWOHK) ricopre da circa 2 anni il ruolo di head di RaiPlay Sound, la app/aggregatore dei contenuti RAI ispirata in parte anche al prestigioso modello inglese di BBC Sounds.  

Con Andrea abbiamo parlato dei nuovi contenuti, del profilo di chi ascolta i podcast rispetto a chi ascolta la radio lineare ma anche della questione app proprietarie (mono-broadcaster) vs gli aggregatori. 

L’audio completo della conversazione è disponibile a questo indirizzo.

Andrea Borgnino 

Grande appassionato di radio, ne ha fatto il suo lavoro presso RAI fin dal 1997.  Autore del programma Golem di Radio 1, successivamente si è occupato del canale Radio Techetè. Da oltre dieci anni ha uno spazio settimanale di nome Interferenze nel programma Radio 3 Mondo e da luglio del 2021 è responsabile editoriale di RaiPlay Sound, la piattaforma RAI dedicata all’ascolto liveon demand e al podcast. 

L’intervista

Marco Hugo Barsotti:  Innanzitutto aggiornaci su RaiPlay Sound. Ci eravamo lasciati ad Aprile con 12 canali Live, più decine on demand e in quanto utenti avevi detto che nei primi quattro mesi i numeri andavano della direzione che vi aspettavate….

Andrea Borgnino: Allora diciamo che il progetto sta crescendo. I canali live da 12 sono diventati 14, ci sono 2  nuovi canali regionali, uno in sloveno uno e uno in tedesco che arrivano dalla sede di Trieste e dalla sede di Bolzano.
C’è un lavoro di integrazione dei contenuti regionali, quindi oltre questi due canali in live in più ci sono anche i contenuti delle sedi,  Trieste, la Sardegna, la Sicilia e a breve porteremo dentro anche Bolzano e Trento.
Quindi non soltanto contenuti in italiano, ma anche in sardo,in sloveno, in tedesco e in ladino in furlano e in patois.  

Mondo Automotive

Per quanto riguarda l’APP, la grande novità è che è stata resa compatibile con il mondo automotive, quindi Android Auto e Apple car.
Per entrambe c’è un’
interfaccia ottimizzata che permette di fruire tramite queste due interfacce tutte le funzioni di RaiPlay Sound.
Questo è un grande passo avanti che vi posso dare in anteprima, visto che non abbiamo ancora comunicato ufficialmente.
Stiamo anche lavorando ad una piattaforma per le TV connesse, che penso sara’ disponibile a settembre. 

In quanto all’offerta editoriale, ad oggi abbiamo oltre 200 podcast original – e ti faccio notare che siamo online da soli due anni. Abbiamo anche oltre 500 programmi radiofonici disponibili online e 200 audiolbri.

Utenza sofisticata

MHB: Chi ascolta via PlaySound fa le stesse scelte di chi ascolta tramite FM? In altre parole, le “classifiche di ascolto” dei vari programmi sono le stesse o sono differenti?

AB: Di sicuro non sono dati che RAI fa uscire, ma possiamo dare dati generali. La risposta è che il pubblico di RaiPlay Sound è molto diverso da quello che trovamo negli ultimi dati TER, quando TER riportava ancora i dati RAI.
Ad esempio su PlaySound Radio3 è uno dei contenuti live più ascoltati. Discorso diverso (ma sinile) per l’on-demand. 

Noi abbiamo fatto uno strumento molto simile alla top10 di Netflix, che tutti possono trovare sul nostro sito.
In questo momento (intervista registrata il 4 agosto 2023 N.d.R.) vediamo che il contenuto più richiesto è Radio3 Mondo, poi c’è Prima Pagina e Ad Alta Voce: tre contenuti di Radio 3.

Regole sovvertite

Poi la versione audio del programma tv Blu Notte di Lucarelli, poi Wikidadio, poi I Promessi Sposi…. diciamo che nell’ascolto on demand si va a saltare qualsiasi regola classica dell’ascolto in FM: E’ un ascolto spezzettato di contenuti più vari.
E anche nel lineare non valgono le regole dell’FM, come dicevo.

Aggregatori

MHB: Parliamo di aggregatori e app dedicate. Sia voi che RTL, per fare solo due nomi, avete una app dedicata, molto ricca.
Ma usandola uno resta confinato li, mentre molti ascoltatori passano rapidamente dai contenuti di un broadcaster a quelli di  un altro: un aggregatore è a da questo punto di vista molto più pratico.
Ma li ovviamente i contenuti dedicati si perdono. Non è pensabile un’integrazione delle due esperienze, almeno con gli integratori sviluppati in Italia?

AG: la questione è ampia, è una questione di distribuzione e di sistema. Per quanto riguarda il video puoi vedere che i contenuti non sono solo  su Rai Play, la nostra app per il video.
Li sono stati fatti accordi di distribuzione. Ma noi siamo ancora molto giovani, non abbiamo ancora due anni. L’unico export riguarda Spotify ed è stato fatto perché il mercato italiano è su Spotify. Ma non è stata fatta una trasposizione: su Spotify andiamo a mettere delle serie che pubblichiamo su RaiPlay Sound, ma in un secondo tempo. 

A oggi la scelta RAI è di spingere le nostre sue app, RaiPlay e RaiPlay Sound.

Convergenza

Ne parlavo tra l’altro alcune settimane fa ad alcuni colleghi di BBC: anche loro immaginano un unica app, un merge di iPlayer e di BBC Sound. Una sola app per tutto il servizio pubblico…

MHB: … Si, ma non ti sembra che dal punto di vista degli ascoltatori non sia la scelta ottimale?  Certo, è nell’interesse del broadcaster, ma non è comoda per chi ascolta… che potrebbe alla fine rifiutare il prodotto e preferire un aggregatore dove ha libertà totale.

AB: Si, ma devi tenere conto che noi, come ente pubblico, dobbiamo fare accordi chiari e trasparenti per la distribuzione dei nostri contenuti: non è un discorso banale, non lo è per niente.

Visual

MHB: Terminiamo con la  tecnologia. Pensate di evolvere l’offerta visual di PlaySound, anche nell’ottica di andare incontro alla fruizione in mobilità?  Penso agli schermi per i passeggeri posteriori o anche per il conducente, nelle future auto a guida autonoma.

AB: In questo momento non abbiamo progetti di offerta visual. Noi come sai abbiamo Radio 2, ma la sua offerta video è esclusivamente su RaiPlay, non sulla nostra applicazione che è puramente dedicata all’audio.
Se in futuro ci saranno video podcast le cose potrebbero cambiare, ma per il momento, come dicevo, siamo un’offerta puramente audio. (M.H.B. per FM-World)

Radio totalmente gestite dalla IA? Content on Demand propone un approccio differente, immediatamente utilizzabile e che costruisce sull’esistente

Content on Demand è uno strumento che – lungi dal rimpiazzare speaker e redattori – permette di creare nuovi contenuti anche in modo altamente automatizzato. Cerchiamo di capire di cosa si tratta sulla base di un’esperienza concreta di utilizzo 

Dopo il lancio di ChatGPT a fine novembre 2022 molti – noi compresi – si sono fatti prendere dall’entusiasmo, prevedendo un futuro popolato di radio gestite da IA dove i contenuti sono generati da un LLM (Large Language Model, come GPT 3.5, Claude di Anthropic o LLama-2 di Meta), mentre le le voci sono generate da altri modelli che hanno appreso il modo di parlare di speaker reali.

Not so fast

Sono passati nove mesi: pensiamo di aver capito qualcosa in più e poter posizionare correttamente la IA come una risorsa addizionale, più che un cambio totale dell’impostazione delle emittenti con conseguente riduzione degli organici.

Si tratta ovviamente di una conclusione personale e provvisoria in quanto, inevitabilmente, quello che pensavamo fosse fattibile a fine 2022 lo sarà comunque in prospettiva.

Ma andiamo per gradi.

Patrizia

Cominciamo con un early adopter, la società editrice di 70-80.it. Praticamente subito inventa un format radiofonico, il Diario di Patrizia, dove le vicende di un’adolescente degli anni 70/80 sono create da GPT 3.5 tramite il front-end di PeperoniAI.

Per arrivare al risultato desiderato si parte da una serie di racconti scritti da un copywriter umano: vicende di ragazzi, innamoramenti e problemi in famiglia.

Questi script non sono destinati a essere trasmessi, ma ad allenare la IA. Successivamente vengono fornite s Peperoni specifiche istruzioni, quali:

Numera le storie, identificandole con un numero progressivo 
 Usa uno slang da ragazzi degli anni ’80
 Scrivi storie  brevi (una decina di righe) adatte a essere lette in radio e non troppo complicate.
Se possibile storie divertenti anche se l’obietttivo non è far ridere

Prompt e risultati

Ecco un esempio di risultato ottenuto in una prima fase del progetto chiedendo di “creare  tre storie  che siano autoconclusive, che significa che ogni blocco di episodi si riferiscono ad un evento particolare, dove la situazione sia “visita del museo della scienza e della tecnica di Milano

Storia 1 – Generata da GPT 3.5 e Peperoni

Oggi la prof di matematica ci porta in gita al Museo della Scienza. Secondo me sarà una palla mortale, però Luca ha detto che verrà anche lui con la sua classe, quindi spero di rivederlo! L’unica è seminare quel rompiscatole di Franco, se no mi seguirà come un cagnolino per tutta la visita…

Storia 2 – Generata da GPT 3.5 e Peperoni

Appena arrivati al museo, come previsto Franco mi si è attaccato subito. Per fortuna dopo un po’ l’ho seminato di nuovo al padiglione dedicato all’energia. Poco dopo ho incontrato Luca, era con i suoi amici. Ci siamo scambiati un’occhiata e un sorriso, che imbarazzo! Più tardi ci siamo ritrovati da soli all’esposizione delle macchine volanti. Luca mi ha preso la mano, che emozione! Forse questa gita non sarà poi così noiosa…

Ed ecco il risultato andato in onda (dove come si puo’ notare la speaker ha aggiunto qualcosa di suo):

 

Supercomputer mancanti

Il progetto prevedeva che la IA generasse anche un clone della voce della speaker, ma i fatti hanno dimostrato che ricreare una voce simile e credibile in italiano non e’ ancora possibile.

Non per problemi tecnici: le voci inglesi sono clonate in modo praticamente perfetto.


Il tallone d’Achille è la mancanza di risorse nazionali (grossi server con migliaia di GPU) dedicabili alla comprensione e simulazione delle voci italiane. E questo è un punto nodale su cui dovremo necessariamente tornare.

Kai

In germania qualcuno ha voluto andare oltre, creando una radio totalmente gestita da una IA, che ha denominato KAI. È il caso di Absolute Radio AI, il cui gestore ha recentemente dichiarato a Newslinet che “Gran parte del lavoro di Absolut Radio AI è gestito dal nostro sito, che invia la richiesta a ChatGPT e controlla e ottimizza nuovamente la risposta. La piattaforma esegue il flusso di lavoro completamente da sola; tuttavia per i primi mesi gli umani verificheranno tutti i testi e ascolteranno i vocali prima della messa in onda.”

Reality Check

Abbiamo fatto un doveroso reality check ascoltando la radio.

Ricordiamo poco del tedesco appreso al tempo del liceo, ma ci sentiamo di dire che il format scelto è intelligente: musica con interventi che parlano… della musica. In pratica la IA racconta qualcosa sui brani o gli artisti in onda, cosa fattibile senza troppi rischi di “allucinazioni” se il modello utilizzato e’ stato (come ipotizziamo) fine-tuned sulla storia della musica.

Le voci sintetiche tedesche sono credibili e il risultato – privo del tallone d’achille di molte radio, il famoso “e voi, come lo prendete il caffe’? scriveteci...” – molto gradevole. Anzi: sorprendentemente buono.

Voci sintetiche credibili

Ma veniamo al punto. Come dicevamo, il problema principale ad oggi, agosto 2023, sono le voci italiane, che suonano ancora vagamente artificiali (a differenza di quelle tedesche di Absolute Radio AI). 

Nei primi due mesi di vita di Radio Nizza abbiamo avuto accesso e potuto sperimentare il nuovo servizio “content on demand di 22HBG, per il quale disponiamo di uno speciale accesso.

Arrivando alla conclusione che Content on Demand può efficacemente integrare il lavoro delle redazioni e degli speaker per i servizi quali quelli legati all’attualità ed eventualmente connettibili programmaticamente a feed specifici. 

Content on Demand

Content on Demand, ricordiamo, è un servizio in cloud realizzato da 22HBG sulla base di quanto già sviluppato per Peperoni e dedicato alla creazione di interventi audio sulla base di prompt.   

Come si vede nella schermata, è possibile caricare un preroll (nel nostro caso da parte della voce ufficiale di Radio Nizza) e un sottofondo (nel nostro caso il suono di una macchina per scrivere) 

Dopodiché’ nell’area “Context” si procede ad inserire il proprio prompt (argomento complesso su cui torneremo) per vedersi creare, in pochi secondi, un clip completo, pronto per essere verificato e mandato in onda. 

Ligne d’Azur

Abbiamo detto che Content on Demand può efficacemente integrare il lavoro delle redazioni e degli speaker per i servizi legati all’attualità. Cosa intendiamo dire? 

Spieghiamoci con un esempio. La redazione confeziona ogni settimana contenuti ricchi, l’agenda degli eventi della Costa Azzurra o le news del giorno. Ma non può certo essere presente 24 ore su 24 per monitorare allerte o eventi puntuali, che sono però disponibili online.

 

Facciamo l’esempio del Tram di Nizza: ultramoderno, funzionante a batteria e non tramite linea aerea e altamente computerizzato. E di conseguenza sempre bloccato per ogni genere di problema (cosa che non accade agli storici serie 1500 di Milano). 

Per ovviare al problema, il feed Twitter di ligne d’Azur (il servizio di trasporto pubblico di Nizza) viene aggiornato in tempo reale, come in questo caso: 

Ed ecco il punto. Fornendo a Content on Demand il messaggio (catturato tramite uno script python) e precedendolo da un prompt specifico (sempre confezionato via Python) possiamo creare automaticamente un intervento radiofonico,  inviando a Content on demand il prompt completo seguente:

Prompt:  Crea un messaggio per Radio Nizza di natura urgente che informi – traducendo in italiano – di quanto segue: “En raison d’un éboulement, la ligne 90 est modifiée le jeudi 3 août 2023.”

Ed ecco il risultato messo in onda il 3 agosto (il contenuto inizia al secondo 14):

 

il cui testo è il seguente:
Buongiorno a tutti i nostri ascoltatori. Abbiamo un annuncio urgente da fare riguardo alla linea 90. A causa di una frana, la linea 90 subirà delle modifiche giovedì 3 agosto 2023. Vi invitiamo a tenerne conto per i vostri spostamenti. Vi aggiorneremo con ulteriori informazioni non appena disponibili. Grazie per la vostra attenzione e buona giornata a tutti!”


Versione francese

Per la versione francese non è stato necessario alcun lavoro redazionale: è stato sufficiente nel prompt specificare “in francese”: 

Prompt: Crea un messaggio per Radio Nizza di natura urgente che informi – in francese – di quanto segue: “En raison d’un éboulement, la ligne 90 est modifiée le jeudi 3 août 2023.” 

Questo l’ottimo risultato, ottenuto in seconda battuta (la spiegazione tra poco): 

 

Il testo:

Chers auditeurs de Radio Nizza, Nous avons une nouvelle urgente à vous annoncer. En raison d’un éboulement, nous devons vous informer que la ligne 90 sera modifiée ce jeudi 3 août 2023. Cette situation imprévue nous oblige à apporter des changements à l’itinéraire habituel de la ligne 90. Des mesures de sécurité sont en cours pour évaluer les dégâts et rétablir la situation normale dans les plus brefs délais. Nous vous recommandons de prendre vos dispositions pour éviter tout désagrément lors de vos déplacements. Il est possible que des retards ou des modifications temporaires soient nécessaires sur cette ligne. Veuillez suivre les instructions données par le personnel de la compagnie de transports en commun pour connaître les alternatives possibles. Nous comprenons que cela peut causer des désagréments et nous nous excusons pour les inconvénients que cela pourrait vous causer. Nous mettons tout en œuvre pour minimiser les perturbations et rétablir la situation normale dans les plus brefs délais. Restez à l’écoute de Radio Nizza pour les dernières mises à jour concernant cette situation. Nous vous tiendrons informés de tout développement ou changement concernant la ligne 90. Nous vous remercions de votre compréhension et de votre coopération. Prenez soin de vous et soyez prudents lors de vos déplacements. C’était un message urgent de Radio Nizza.

Francesismi 

Come si vede il messaggio risultato è lunghissimo, tanto da obbligarci ad accorciarlo reiterando la richiesta a Peperoni preceduta da “ripeti il testo precedente accorciandolo del 50% 

La ragione è tanto ridicola quanto interessante: i francesi – lo possiamo ormai affermare per esperienza diretta – tendono ad essere molto cerimoniosi nello scrivere e parlare, trasformando anche comunicazioni brevi in discorsi lunghissimi. La IA, trainata su questo stile, ha dunque allungato a dismisura il messaggio, obbligandoci – appunto – alla seconda iterazione. 

Versione Inglese

Infine, medesima operazione con l’inglese:

Il cui testo equivalente e’

Attention all listeners of Radio Nizza, we have an urgent message to inform you about a recent incident affecting the transportation services in the region. Due to a landslide, we regret to inform you that there will be modifications to the Line 90 on Thursday, August 3, 2023. These modifications are necessary for the safety of our passengers and to ensure smooth operations. We apologize for any inconvenience caused by this unexpected event. It is important to note that alternative arrangements will be made to minimize disruption to your travel plans. We advise all passengers who usually rely on Line 90 to check for the updated schedules and routes on our website or contact our customer service hotline for further information.

Sviluppi in Corso

Per quanto riguarda le voci in italiano, abbiamo parlato con il responsabile dello sviluppo di 22HBG che è al lavoro per la versione successiva di Content on Demand. Tra le altre cose, questa potrebbe prevedere delle opzioni in grado di modificare  il “mood” o il “tono” della voce: tramite prereset sarà dunque possibile fare in modo che la voce artificiale parli in modo neutro (stile BBC World Service, per intenderci) o enfatico (come quello spesso adottato dai conduttori nei programmi musicali).

Ultima nota 

Ultima nota: avete letto più sopra il responsabile di Absolute Radio AI affermare che “per i primi mesi gli umani verificheranno tutti i testi”.  

Ebbene il nostro consiglio è di continuare a verificare l’output non “per i primi tempi” ma fino a che “i futuri sistemi AI che emulano il “super IO” umano – modelli addizionali che controllano a valle il lavoro della IA – siano in grado di rigettare contenuti non appropriati, allucinati o semplicemente “poco radiofonici”  (M.H.B. per FM-World)

Prominence: di cosa si tratta e perchè dobbiamo occuparcene subito

La posizione di prominenza degli operatori radio-tv tradizionali, garantita da un segnale robusto per la radio o da una numerazione bassa nelle LCN della TV, sta rapidamente scomparendo.

Si è dunque coniato il termine prominence (per lo più associato alla TV, ma ovviamente lo stesso concetto si può applicare alla categoria audio) per nobiliare i tentativi di trasportare nel nuovo mondo digitale i vantaggi acquisiti dagli operatori storici.

In questo articolo vediamo rapidamente di cosa si tratta per poi cercare di fare qualche considerazione – speriamo – sensata. 

Prominence 

Iniziamo dalla definizione completa, fornitaci da PeperoniAI:


Possiamo dunque utilizzare la parola italiana “visibilità’”, come suggerito dal nostro amico LLM. La visibilità implica capacità di attirare l’attenzione dell’audience, con la conseguente maggior probabilità che l’utente scelga il nostro contenuto (ed eventualmente ci resti, se lo trova di suo gradimento). 

Come sappiamo tutti, storicamente la visibilità nel settore radio si raggiunge(va) con un segnale potente (e magari attorno ai 98 Mhz) mentre in quello televisivo con un buon posizionamento nella LCN. 

Logica discutibile 

LCN: Il termine inglese significa Logical Channel Numbers, dove la presunta “logica” deriva dall’idea che il burocrate delle authority abbia più buon senso del telespettatore. 

Ricordiamo infatti tutti come al tempo dell’analogico potevamo scegliere liberamente l’ordine dei canali. D’accordo, sui primi sei c’era consenso, ma dal settimo in poi i “canali” dovevano guadagnarsi la posizione con i loro contenuti.

Ma il mondo della TV lineare ha deciso diversamente: un’autorità nazionale decide per tutti coloro che ricevono in UHF.

In ogni caso il risultato è uno spreco energie ad alti livelli in diatribe quali la “possibilità di scambiare numerazioni automatiche dei canali all’interno della medesima area tecnica tra reti non omogenee”. Battaglie probabilmente inutili perché nessun umano può davvero ricordare posizioni oltre le prime decine, ma soprattutto perché le modalità di accesso ai contenuti video sta rapidamente mutando.

Bottoni e app

Molti i motivi. Un primo evidente: da anni i telecomandi sono dotati dei bottoni di accesso direttto ad alcuni importanti OTT. Bottoni che una volta premuti portano ad accattivanti schermate di impostazione moderna dove non si fa differenza tra contenuti live e on-demand.

In secondo luogo prevale ormai negli utenti l’abitudine alla fruizione dei contenuti tramite icone e app, approcio inventato da Steve Jobs con l’iOS 1 e adottato nel campo TV per primo da Netflix. Un sistema che prevede lunghe descrizioni, le possibilità di preview e di binge watching e che regala un’esperienza utente infinitamente superiore a quello dello “scanalamento” o delle scomodissime “EPG”.

Senza dimenticare che è  TV per i piû giovani si chiama YouTube:

Tanti ragazzi non fanno differenza tra schermo di cellulari, tablet e TV e usano il portale di Google come “televisione”.

Ironico, considerato che per loro la parola “tube” (in YouTube) probabilmente non significherà proprio nulla.

Oltre al danno, la beffa 

Con una beffa finale: anche chi resta legato alla LCN si vede proporre alcuni canali brandizzati dal produttore della TV (LG Channels, Samsung Tv Plus) : canali digitali che esistono come app (in prominence) ma che sono anche mappati su una numerazione aggiuntiva alla LCN la cui logica è scelta dal produttore.

Con il risultato che anche se vogliamo un classico canale nazionale (quelli che tutt’ora godono dei numeri bassi in base ai fasti del passato), non appena digitiamo la prima cifra la TV ci propone i canali proprietari che iniziano con o contengono la cifra digitata. 

Un vero attacco allo status quo, che il settore radiofonico e’ invece riuscito a ritardare  grazie al fatto di essere ancora sostanzialmente fermo alla nostra adorata FM.

Radio 

Per la radio, anzi per i contenuti audio, possiamo comunque provare a proiettarci in un mondo prevalentemente digitale, facendoci aiutare dall’ esempio del Regno Unito (da sempre pioniere nell’adozione delle tecnologie). 

Nell’ex membro EU ben il 75% degli ascoltatori usa nella settimana una piattaforma digitale (dati RAJAR): 40% DAB, 52% Smart Speaker, 32% app su cellulare (la somma e superiore al 100% per motivi facili a comprendere).

Il dato relativo agli smart speaker – se consideriamo nella categoria anche gli HomePod Apple – è anche in linea con quanto aveva affermato il direttore di The Times Radio durante un’intervista per Newslinet: sempre di piu’ anche in UK il ruolo della classica “radio” di casa viene preso dagli speaker, smart o meno.

Prominence

Dobbiamo quindi porci il problema di cosa sia la prominence per la radio. Azzardiamo qualche risposta.

In casa, con gli smart speaker, prominence (sorry: la visibilita’) corrisponde in primo luogo alla potenza del proprio marchio.

E alla facilità di essere riconosciuto correttamente a un comando vocale: qualche semplice prova dimostra ad esempio che funziona molto bene “Riviera Radio” (nome unico), maluccio “dee jay” (nome generico).

Per quanto riguarda invece il DAB e l’IP,  dove non esistono a nostro avviso player dominanti, il problema resta quello di emergere nel mare dei canali: circa 150 a Milano città in DAB, e sostanzialmente infiniti nel mondo in IP.

Dashboard

E qui si ritorna al dashboard e alla serie di interviste che stiamo effettuando con alcuni player del settore. Perché la radio – si sa – è il tipico media da ascoltare in viaggio.

Prominence è in questo caso il posizionamento sul cruscotto (anzi: dashboard) delle vetture, un campo dove sembra si stia giocando una battaglia tra costruttori e piattaforme (cfr il caso GM), ma a fronte di utenti che…non ne vogliono sapere.

Utenti frustrati

Talmente gustoso il titolo di un recente articolo di The Verge in merito che lo riportiamo tale quale: “Le persone non ne possono piu’ di tutta la tecnologia inutile nelle loro auto.

Per la prima volta in 28 anni di sondaggio sui proprietari di auto di JD Power, c’è un calo consecutivo della soddisfazione anno su anno, con la maggior parte dell’ira diretta all’infotainment in-car.”

Se è abituato a un’app sul cellulare, è proprio questa app che l’utente vuole ritrovare, il più uguale possibile, sullo schermo della vettura. Come testimonia la ricerca citata, dove si afferma che la preferenza va a Apple Car Play di Apple.

Lo sottolineiamo, perché lo riteniamo un dato essenziale: gli utenti vogliono in auto la stessa esperienza utente che hanno sul loro cellulare.

Che ci porta ad avanzare l’ipotesi che sia strategico investire subito sulla promozione delle app proprietarie (mono brand) e contemporaneamente su un buon posizionamento sui principali aggregatori (dove altrimenti esiste il problema della “prima pagina”, proprio come accade con le ricerche Google).

Ricordiamo per concludere che solo gli aggregatori hanno una chance di essere “visibili” sui dashboard delle vetture del futuro, dove già oggi competono con…Spotify.

Ma di questo riparleremo a breve.

(Marco Barsotti per FM-World)

FM-World Turns 25: From Analog to AI. A Conversation with Nicola Franceschini

The FM-World System

Our articles cover radio broadcasting comprehensively, but also artificial intelligence, the future of infotainment on the go, and everything else that’s coming up. However, it’s nice to look back sometimes, especially for something like FM-World whose pioneering role in the Italian web scene risks being forgotten or overlooked. That’s why we decided to speak with Nicola Franceschini, who needs no introduction for our italian readers. Stay tuned, it’ll be worth it.

A Quarter Century

*Marco Hugo Barsotti: FM-World has a long history, it seems like it’s been around forever…

Nicola Franceschini: It’s been exactly 25 years, on June 5th, that FM-World has existed. So we’re approaching an important milestone, marking a quarter century. There are really two distinct eras for FM-World: before you mentioned Supereva but that wasn’t even the beginning… and of course the more professional part, with the app and everything else, which started in 2011.

But let’s go in order: FM-World was born as a completely amateur website on June 5, 1998, in a period…

*MHB: 1998? Around the era of Netscape Navigator 3.0*, with the big “N” logo?*

NF: Actually Internet Explorer was out too, that was the big innovation. I was still in university, so I was using the internet directly on campus while studying, and it was a time… you know, like it was for local radio in the 70s: there were amateur websites popping up everywhere.

Two Pioneers

Of course I followed the ones related to radio, where there was an embryonic Newslinet, which later evolved. But I remember there were so many similar sites, like the one in Milan for example, I don’t know if you remember, called…

*MHB: The Daxmedia observatory! BSB, STM, RPB and all the Milanese station codes invented by Dario Dossena.

NF: Yes, DaxMedia created in collaboration with Andrea Lombardo. But there were so many similar sites, scattered in cities across Italy. Basically all aimed at offering very similar content in their own region, mostly to talk about radio but even more to report frequency changes, what could be received in those areas, etc…

*MHB: …and when the Christmas cap would appear on the logos of analog TV stations: thrilling, much more than predictions on who would win Sanremo…

NF: Exactly! Anyway, FM-World was really born very simply as a site for reporting frequencies. It wasn’t so much about content in terms of programs and such. Then gradually, we didn’t even realize it, but we started getting feedback, emails from readers and even official press releases.

Geocities

Initially I had published it on Geocities pages, the very first version, you remember Geocities.com?

*MHB: Of course, I remember Geocities_ very well, it was a hugely popular free web hosting service in the 90s!_

NF: Yes: it was one of those sites that gave you free space, with the Geocities.com address and then slash (“/”, ed), and then slash, and slash, until you got to FM-World at the end.

Supereva

And then Supereva, which at the time had the “guide” project, basically single-topic channels, making it a real portal, with many ‘experts’ on individual topics. They were the ones who wrote to me, proposing to move the content from my site into an already organized space, within their radio channel, which I essentially became the manager of.

When FM-World entered Supereva – 2000/2001 – I gradually expanded it, also inserting the first news related to radio in general… I remember finding the launch of m2o (2002) a few months ago, for which I had written a short article, a project that took the place of Italia Radio, a station with a completely different format.

*MHB: From Radio Regione of Fegiz to the PCI…. to Dance!

NF: Exactly, there had been this epochal change. Then I talked about the debut of LolliRadio in 2006 and other native digital stations. Until 2011 FM-World was always hosted on Supereva and in parallel had a site called Frequenze Radio.

News Gathering

*MHB: Sorry to interrupt, before moving on to step 2 which I think is coming up, there’s one aspect I think is interesting – the news gathering*, that is, how you got the news. It seems to me we can say you were a pre-social pioneer of the bottom-up model, in the sense that news gathered locally by readers who in some way became co-editors. Quite remarkable, in a pre-Twitter, pre-Meta era.*

NF: Of course not “all readers”, but a series of trusted contributors, some of whom have become real friends who still share the project with me today. There were some areas of Italy that were uncovered, but news from Milan, Rome, Naples, Turin or “my” Emilia-Romagna was constantly updated.

But consider that at the time I was already collaborating with Millecanali and this was a big advantage for me. There I was one name among many others, but it was a prestigious publication, edited by Mauro Roffi who we are still in constant contact with.

And then, as you say, there were grassroots contacts, people who spontaneously sent emails with information.

Talkmedia

In 2002 Talkmedia was launched, which today is the social side of FM-World on Facebook: born as a ‘guest’ of Yahoo!Groups.

The method was very simple: anyone who joined (via email, of course) this group automatically became both a reader and a participant, because anyone could write something that would be delivered to everyone.

Facebook

And Talkmedia remained this until the arrival of social media…. When did Facebook start in Italy?

*MHB: I’d say around 2008. Still without the “like” button.

NF: Facebook started when I wasn’t working with Busi (Gianluca Busi, founder of 22HBG, ed.) yet. And the first FM-World page was actually a private profile. Then came “groups”.

Talkmedia

So in 2011 the official page and TalkMedia as a group were born, and it’s also the year I personally met Gianluca. At the time I was working at a local radio station and he came…

*MHB: “One?” At Rete Alfa…

NF: Yes… Gianluca came to visit me at the radio station saying “we know each other…”, because technicians and industry operators were talking to him about me, just as they were talking to me about him.

At that time there was no 22HBG yet, which would be born by combining the start-up with the development process of FM-World as an app too.

FM-World at 22HBG

I was also tired of “playing alone”, so I was happy to have an evolution, capturing Gianluca’s enthusiasm and that of the nascent 22HBG.

Our “roles”? I basically maintained management of the website’s content and he handled everything else, namely the app, technological developments, and the beautiful headquarters too.

An app – FM-world – that today aggregates the audio and video streams of many Italian and foreign stations.

Words, words, words

*MHB: But you don’t provide connection numbers publicly.

NF: Those are company choices, but I can give you some important information. For example, not only major networks work online, but also native digital radios, especially if they have a well-defined format. There are totally “vertical” stations that achieve significant results.

Reality Check: Any Web Radios in the Top 10?

*MHB: But for example right now, at this moment, do you have any radios that are not also on FM among the top 10?

NF: Right now (8:55 AM on Monday May 29, 2023, ed.) the most listened to… let me see… yes: the most listened to is Radio1 Rai, then the private networks we know… and in ninth place 70-80.it, the first digital one.

FM-World for Broadcasters

*MHB: An application like FM-World records a sea of information: real-time listening rankings, listening duration, bounce rate, individual user habits. And it can display metadata. Have you thought about providing interfaces to radio stations so they can analyze and operate on this data? Or maybe enrich what radio offers through your platform with those famous metadata – and I don’t mean just the title of the song on air, but everything else that’s been dreamed up for years?

NF: Of course, obviously this is a very useful service, also demonstrating the importance on the app of prominence, studied positioning, the right logo, the right name: a service we can provide.

But not me: I handle the content side. You’d have to talk to 22HBG directly about that.

Next Episode

And that’s exactly what we’ll do in the second episode of our series “Entertainment and Work in the Car” (M.H.B. with the support of Peperoni AI, for FM-World).