Immersive Worlds and Augmented Reality in Our Future: A Conversation with Eugenio Gatto of Eurosystem

Eugenio Gatto (Eurosystem): New technologies can be frightening, but how we use them depends on us.

Italian corporations has already understood the potential of this technology and calls on us directly. Our product works in both augmented and virtual reality and can be associated with an app.

Customer data? We generally import it from CAD. 3D viewer? For now we use Metaquest 2, but we are moving towards Lenovo’s offering, while we remain on standby for Apple.

Developing hardware in Italy seems impossible to me, it’s a different story for software.

As we recently reported on Linkedin, 22HBG is experimenting with the use of augmented reality (AR) for its applications, starting with the evolution of the FM-World app.

This is an innovative and perhaps revolutionary way to interact with the real world and the applications that assist us every day, where many are taking the first steps. So we thought we’d talk to an Italian company that is a de facto leader, having started operating in this area several years ago. Here is the report of the conversation with Eugenio Gatto, business unit manager for “immersive technologies”. For those who prefer to listen to Eugenio’s own words, you can listen to this podcast.

The interview

Marco Hugo Barsotti: let’s start with an introduction of Eurosystem: when and why did you decide to open a business line linked to AR/VR.

Eugenio Gatto: Eurosystem has been in IT for about 40 years and, in the specific case of the division for immersive technologies, Eurosystem acquired my company which was called Ragtag which is now the business unit for immersive technologies. Of course, Eurosystem’s priorities included acquiring all those strategic companies that could bring value especially in terms of innovation and of course it chose Ragtag because we already had several years of experience in developing software for vertical immersive technologies for companies.

 

MHB: What was the history of your company?

EG: Ragtag was founded by two partners, myself and Fabio who is currently the other business unit manager. We met sharing a common vision, in addition to a passion and experience for 3D and rendering.

Future Shock

MHB: I’ll ask you a bit of a cultural question, then we’ll move on to the real technical questions: In general – and we see it with AI and maybe with AR too – why do new technologies excite some people yet frighten others?

EG: New technologies excite because of expected results and frighten for the same reasons, for what one imagines they will allow, sometimes in a dystopian direction (anti-utopian, in other words a future where technology can oppress man and his freedoms, Ed.)

In reality it depends on us how we use them: on those who develop them and guide applications, but also on those who use them and vote with their wallets on which ones should emerge.

It is up to us to distinguish harmful uses from useful ones and take responsibility for promoting only technologies that have a positive impact. Developers by giving an ethical imprint and users by rewarding only virtuous applications.

Augmented Reality

MHB: Let’s get to AR. It may be worth explaining, even for those who don’t know you, whether you have a specific product or you present yourself as a service provider.

EG: Basically we have a product which is a multi-platform 3d product configurator that works from smartphones to desktop PCs and works in both virtual and augmented reality.

To help you understand, one of the uses is support for salespeople within a showroom, where they can present the product in a much more engaging way and above all they can configure it.

In the vast majority of cases this is something that substantially raises the user experience and therefore greatly increases the chances of sale.

MHB: What’s the process? If I’m a company and I want to adopt one of your solutions, what are the steps?

EG: So the product is called Y Digital Experience and it’s called that because it’s not just a 3D configurator but a tool that allows you to experience an experience. It works on the basis that the experience generated by the interaction between the salesperson and the customer through this configurator is something that must be memorable.

Our product offers a multi-user experience that allows, for example, a designer in one city to interact in real time with a customer in another city. Both wear a viewer and find themselves in the same 3D virtual room with the product model to discuss. They can configure it, change its features, talk about it and draw on it, all in virtual reality without being physically in the same room.

Another key aspect is that the product is supported by a CMS, so if the customer has a 3D department they can become autonomous in implementation, modification and content management. For example, for a new product you can upload the 3D model, enter the configurations and more without having to contact us, all at zero cost.

MHB: Can each customer publish their own app with their own products?

EG: Yes, exactly. Each customer can publish their own app.

AR/VR Viewers

MHB: Instead at the 3D viewer level what do you use?

EG: Currently we use Meta Quest 2 because it has the best quality-price ratio and a very low cost that makes it highly scalable. For example, if a customer needs 10 viewers, having a price of 400 euros instead of 2,000 euros makes a big difference in terms of economy of scale. Meta Quest 2 therefore has a low price that makes it the ideal solution for projects that require the use of multiple viewers.

MHB: And in fact when Apple launched its Apple Vision Pro Zuckerberg was happy, he told Bloomberg “Well Apple, this validates our thinking and in the end, since we cost less, we’ll sell a lot more“, so what you say validates his observation. Does Meta provide support for developers?

EG: We are not in partnership with Meta, but with Lenovo. In fact, we plan to test the new Lenovo virtual reality headset. We are also in partnership with Lenovo, among other things, on augmented reality.

Lenovo has developed an extremely interesting headset that I consider the best on the market for its reasonable cost and very high quality. It is very light, portable and comfortable to wear all day. It has a series of advantages in terms of quality that competitors do not achieve.

EG: The product is called EG: The product is called Think Reality A3 and we are around 2000 euros for the bundle that includes glasses and the connected smartphone, a smartphone that must be used forcefully, you cannot use any smartphone and this Motorola has a dedicated firmware specifically for use with the glasses. (Editor’s note: for those who want to try it quickly, we found it here).

Privacy and data use

MHB: Is there a reason why you are not in contact with Meta? I mean, don’t they have developer programs, or did you go in another direction for some specific reason?

EG: Let’s say that Lenovo has a policy that we embrace more willingly, especially regarding privacy and data use.

So we would actually be more inclined to move forward with Lenovo also from the point of view of virtual reality viewers. Of course, we’ve had to use Meta’s for now for cost and quality reasons, because there weren’t any major competitors…at least until yesterday. However, I emphasize, we still have to get our hands on it.

Lenovo: a consumer product

We noticed a turning point with the Lenovo device, similar to a pair of glasses, much lighter and more manageable. It goes in the right direction, towards a consumer product, even if we are not yet at that level.

Apple

MHB: Staying for a moment in this area, how do you position yourself with respect to Apple technology?

EG: At the moment we would never propose that viewer to a customer, because no customer has that specific need…

MHB: …well also because it’s not even on the market, you can’t even pre-order it!

EG: …Effectively. Our strategy for now is to observe the feedback Apple will receive to understand how it will decide to respond and improve the product. For now it makes no sense to propose it to customers for marketing and commercial strategy reasons.

But in our opinion the real value of immersive technologies lies in solving specific corporate issues, optimizing processes. We have consolidated applications such as AR-assisted maintenance and VR training, but we also receive many requests from companies that have deep-rooted problems in their sector that can be solved through new technologies.

Industry has understood

MHB: What market segments do you target…in fact, what are the segments where this type of technology can already be applied today?

EG: Look, the industry has already understood and it is the industry itself that calls us.

It is the companies themselves that contact us proposing ad hoc solutions to solve specific problems they have identified.

In other cases they ask us directly what they can do with virtual and augmented reality to optimize their business. We are very serene, industry is looking for us.

MHB: Yes, but in terms of market sectors, is it more an interesting technology for someone who manufactures cars, just to avoid naming names, rather than an artisan who makes small furniture, an architecture firm… or?

EG: I would say a little bit of everything you mentioned. And more. But let’s remember that custom immersive technologies require significant investments, but I have to say that these are often amortized through facilitated loans and tenders, as they are innovative projects.

Let’s say they are not figures within the reach of micro-enterprises, while medium-large (or large) companies have the resources and draw major competitive advantages from these innovative technologies.

Think of sectors like AR-assisted maintenance: it saves time and costs. Once these systems are adopted, companies do not go back because they understand the impact on optimization.

Saving resources is the main goal, and augmented reality contributes decisively. Medium to large industry has the resources and gets the most benefits from these innovative technologies.

Olivetti no more

MHB: Last question, looking ahead. In general, it seems to me that Italy is no longer a real player in High Tech as it was in Olivetti’s day (and I’m not just talking about the usual P101 but also Olivetti mainframes… maybe Italy has forgotten but when IBM 360/370 was king there was the Bunch, but Olivetti had anticipated everyone with the Elea. So in the 1960s we were ahead of everyone. Now I don’t think anyone in Italy has developed AR/VR glasses… or am I wrong?

EG: Let’s say that we operate in a very particular sector, in the sense that hardware has monstrous investment costs that clearly no one in Italy has the funds to face. Even a colossus like Meta that has invested tens of billions, i.e. the equivalent of one of our budget maneuvers to be clear, still has not made a profit, so it is still investing, I don’t know if I make myself clear; so we’re talking about figures that aren’t even conceivable in Italy.

MHB: Hold on, in 1950 Italy was infinitely poorer than today but a sovereign mainframe was developed, to use a term that is popular today. And the costs were not negligible. Why shouldn’t we dare to try again, this time in AI or AR?

EG: Let me tell you something. Here in my city, which is Modena, there was someone who tried a few years ago.

There was a start-up called GlassUp which had tried to produce augmented reality viewers.

Here in Modena! and of course unfortunately it closed down because either you have the funds to do something like this or your competitors are called Samsung, are called Meta, are called Microsoft and so… as far as hardware is concerned, I really don’t think it will ever happen in Italy.

It’s a whole different story for software.

Currently we use algorithms developed by software houses, even small ones, which are then often acquired by the big ones if the algorithm is interesting. These innovations can also come from us, in Italy.

On the software side things are starting to move, who knows, maybe a small company can grow on its own by developing innovative algorithms. We need to regain the courage to invest in research that realities like Olivetti once had.

 

MHB: Final question, customers: are your customers in Italy or are there any abroad?

EG: So for now they are in Italy but we are part of a larger group called Smart4Engineering, a French group and we are starting to move in that direction so soon they will be abroad as well.

MHB: So Eurosystem is part of this French company? I got that right?

EG: Yes exactly, it is part of this French fund which has various offices throughout Europe and thanks to them we are starting to move beyond borders as well. (M.H.B. for FM-World)

Mondi immersivi e realtà aumentata nel nostro futuro: una conversazione con Eugenio Gatto di Eurosystem

Eugenio Gatto (Eurosystem): Le nuove tecnologie possono spaventare, ma l’uso che ne facciamo dipende da noi.
L’industria ha già compreso le potenzialità di questa tecnologia e ci chiama direttamente. Il nostro prodotto funziona sia in realtà aumentata che virtuale ed è associabile ad una app.
I dati del cliente? Generalmente li importiamo da CAD. Visore 3D? Per ora usiamo Metaquest 2, ma stiamo andando verso l’offerta Lenovo, mentre per Apple restiamo in osservazione.
Sviluppare hardware in Italia mi sembra impossibile, diverso il discorso per il software.

Come abbiamo recentemente riportato su Linkedin, 22HBG sta sperimentando l’utilizzo della realtà aumentata (AR) per le proprie applicazioni, a cominciare dall’evoluzione della app FM-World.

Si trata di un modo innovativo e forse rivoluzionario di interagire con il mondo reale e le applicazioni che ci assistono ogni giorno, dove molti stanno iniziando a muovere i primi passi. Abbiamo dunque pensato di parlarne con una società italiana che è leader di fatto, avendo iniziato a operare in questo ambito già’ da numerosi anni. Questo il resoconto della conversazione con Eugenio Gatto, business unit manager per le “immersive technologies”. Chi preferisse ascoltare il tutto dalle parole di Eugenio puà ascoltare questo podcast.

L’intervista

Marco Hugo Barsotti: cominciamo con una presentazione di Eurosystem:  quando e perché avete deciso di aprire uua linea di business legata alla AR/VR. 

Eugenio Gatto: Eurosystem si occupa di IT da circa 40 anni e, nel caso specifico della divisione per le tecnologie immersive, Eurosystem ha acquisito la mia azienda che si chiamava Ragtag che ora è di fatto la business unit per le tecnologie immersive. Naturalmente Eurosystem nelle proprie priorità aveva quella di acquisire tutte quelle aziende strategiche che potevano portare valore soprattutto per quanto riguarda innovazione e naturalmente ha scelto Ragtag perché avevamo già un’esperienza di alcuni anni nello sviluppo di software per le tecnologie immersive verticali per le aziende. 

 

MHB: La sua azienda invece che storia aveva? 

 EG:  Ragtag è nata da due soci, io e Fabio che attualmente è l’altro business unit manager. Ci siamo conosciuti avendo una vision in comune, oltre ad una passione ed esperienza per il 3D e per il rendering  

Future Shock

MHB: Ti faccio una domanda un po’ di costume, poi andiamo alle domande tecniche vere e proprie: In generale – e lo vediamo con la IA e forse anche con la AR – perché le nuove tecnologie entusiasmano ma al tempo stesso spaventano alcune persone? 

EG: Le nuove tecnologie entusiasmano per i risultati attesi e spaventano per gli stessi motivi, per ciò che si immagina potranno consentire, talvolta in direzione distopica (anti-utopica, in altre parole un futuro dove la tecnologia potrà  opprimere l’uomo e le sue libertà , N.d.R.)

In realtà l’uso che se ne fa dipende da noi: da chi le sviluppa e orienta le applicazioni, ma anche da chi le utilizza e vota col portafoglio su quali debbano emergere. 

Sta a noi distinguere gli utilizzi dannosi da quelli utili e assumerci la responsabilità di promuovere solo le tecnologie che hanno un impatto positivo. Gli sviluppatori dando un’impronta etica e gli utenti premiando solo le applicazioni virtuose. 

  

Augmented Reality

MHB: Veniamo alla AR. Forse vale la pena spiegare, anche per chi non vi conosce, se avete un prodotto specifico o vi presentate come fornitore di servizi.

EG: Fondamentalmente noi abbiamo un prodotto che è un configuratore 3d di prodotto multiplattaforma che funziona  da smartphone a pc desktop e funziona sia in realtà virtuale che in realtà aumentata. 

Per farti meglio comprendere, uno degli utilizzi è il supporto per i commerciali all’interno di uno showroom, dove possono presentare il prodotto in modo molto più accattivante e soprattutto possono  configurarlo. 

Questo nella stragrande maggioranza dei casi è un qualcosa che eleva sostanzialmente l’esperienza utente e quindi aumenta notevolmente le probabilità di vendita. 

MHB: Com’è il processo? Se io sono un’azienda e voglio adottare una vostra soluzione, quali gli step? 

EG: Allora il prodotto si chiama Y Digital Experience  e si chiama così proprio perché non è semplicemente un configuratore 3D ma è uno strumento che consente di far provare un’esperienza. Funziona in base al fatto che l’esperienza che viene generata dall’interazione tra il commerciale e il cliente tramite questo configuratore è un qualcosa che deve essere memorabile.

Il nostro prodotto offre un’esperienza multiutente che consente ad esempio ad un designer che si trova in una città di interagire in tempo reale con un cliente che è in un’altra città. Entrambi indossano un visore e si trovano nella stessa stanza virtuale 3D con il modello del prodotto di cui discutere. Possono configurarlo, cambiarne le caratteristiche, parlarne e disegnarci sopra, il tutto in realtà virtuale senza essere fisicamente nella stessa stanza. 

  

Un altro aspetto chiave è che il prodotto è supportato da un CMS, quindi se il cliente ha un reparto 3D può diventare autonomo nell’implementazione, modifica e gestione dei contenuti. Ad esempio, per un nuovo prodotto si può caricare il modello 3D, inserire le configurazioni e altro senza doversi rivolgere a noi, il tutto a costo zero. 

MHB: il modello 3d come viene fornito? Con delle foto – tutto attorno, per così dire – oppure da un CAD? 

EG: CAD. I modelli 3D sono esportati anche da CAD e il processo di importazione nel CMS è molto rapido. Si possono poi configurare le opzioni di personalizzazione e decidere in quali showroom rendere visibile il prodotto o se renderlo disponibile sull’app mobile, gestendolo in modo capillare. 

MHB: Ogni cliente può pubblicare la propria app con i propri prodotti? 

EG: Si, esatto. Ogni cliente può pubblicare la propria app. 

 

Visori AR/VR

MHB: Invece a livello di visore 3d cosa usate? 

EG: Attualmente utilizziamo Meta Quest 2 perché ha il miglior rapporto qualità-prezzo e un costo molto contenuto che lo rende facilmente scalabile. Ad esempio, se un cliente necessita di 10 visori, avere un prezzo di 400 euro anziché 2.000 euro fa una grande differenza in termini di economia di scala. Meta Quest 2 ha quindi un prezzo basso che lo rende la soluzione ideale per progetti che richiedono l’utilizzo di più visori. 

 

MHB:  E effettivamente quando Apple ha lanciato il suo Apple Vision Pro Zuckerberg era contento, ha dichiarato a Bloomberg  “Bene Apple, questo valida il nostro pensiero e alla fine, visto che costiamo meno, ne venderemo molti” , quindi quanto affermate valida la sua osservazione. Meta fornisce un supporto a chi sviluppa? 

EG: Non siamo in partnership con Meta, ma con Lenovo. Abbiamo infatti in programma di testare il nuovo visore di realtà virtuale con Lenovo. Siamo anche in partnership con Lenovo fra le altre cose sulla realtà aumentata. 

Lenovo ha sviluppato un visore estremamente interessante che considero il migliore sul mercato per il suo costo ragionevole e l’altissima qualità. È molto leggero, trasportabile e comodo da tenere addosso anche tutto il giorno. Ha una serie di vantaggi a livello qualitativo che i competitor non raggiungono. 

 

EG: Il prodotto si chiama Think Reality A3 e siamo intorno ai 2000 euro per il bundle che comprende gli occhiali e lo smartphone connesso, uno smartphone che deve essere utilizzato per forza, non si può utilizzare qualsiasi smartphone e questo Motorola ha un firmware dedicato proprio per l’utilizzo con gli occhiali. (Nota di redazione: per chi avesse fretta di provarlo, noi lo abbiamo trovato qui).

Privacy e utilizzo dei dati

MHB: C’è un motivo per cui non siete in contatto con Meta? Voglio dire, loro non hanno programmi per sviluppatori, oppure siete andati in altra direzione per qualche motivo specifico? 

EG: Diciamo che Lenovo ha una politica che noi sposiamo più volentieri, soprattutto per quanto riguarda la privacy e l’utilizzo dei dati. Quindi in realtà saremmo più propensi a procedere con Lenovo anche da un punto di vista dei visori per la realtà virtuale. Chiaramente adesso abbiamo dovuto utilizzare già quelli di Meta per un discorso di costi e di qualità, perché non c’erano dei grandi competitor…almeno fino a ieri. Però, sottolineo, ancora dobbiamo metterci le mani sopra. 

Lenovo: un prodotto consumer

Abbiamo notato una svolta con il dispositivo di Lenovo, simile a un paio di occhiali, molto più leggero e maneggevole. Si va nella giusta direzione, verso un prodotto consumer, anche se non siamo ancora a quel livello. 

Holonens

MHB: Una domanda su Microsoft. Mi ha sempre incuriosito il fatto che fossero arrivati per primi, con un vantaggio di molti anni, con le loro HoloLens. Eppure, sembrano non avere gran successo, neppure sulla clientela captive come l’esercito USA. A vostro avviso quali sono i motivi?  

EG: Dal punto di vista dell’utilizzo quotidiano, gli HoloLens presentano alcune criticità: sono piuttosto ingombranti, hanno problemi in ambienti luminosi dove non si vede più nulla, il campo visivo è limitato e il peso elevato li rende difficili da indossare a lungo. Gli HoloLens hanno un costo proibitivo di oltre 3.000 euro e l’utilizzo reale non è così fluido come nelle demo in ambienti controllati. Sono stati pionieristici ma presentano ancora limiti d’uso 

MHB: Quindi limitazioni hardware, non di ambiente di sviluppo?  

EG: Sì, era proprio un problema hardware. 

La questione prezzo

MHB: Hai accennato al prezzo, si cita sempre il problema del prezzo, anche all’annuncio di Apple Vision Pro grande scandalo per i circa 3500 dollari. Ma forse la gente ha la memoria corta: Il primo Macintosh nel 1984 costava 2495 dollari, equivalenti oggi a circa 7.000, come dire 6.500 euro. Il prezzo di un prodotto innovativo appena uscito non può essere un argomento a lungo respiro, che ne pensate? 

EG: Penso che Apple abbia fatto un’operazione di marketing brillante con questo visore di fascia altissima, per dimostrare di saper fare meglio della concorrenza. Il prezzo passa in secondo piano perché non si rivolge agli stessi utenti di Meta Quest, ma ad un target più alto disposto a sperimentare e fornire feedback. 

Gli sviluppatori hanno a disposizione strumenti più interessanti di quelli offerti da Meta. Quando il visore sarà disponibile, Apple otterrà un significativo ritorno di esperienza da sviluppatori e consumatori. 

Con il prossimo modello vedremo qualcosa di molto diverso e probabilmente superiore a tutto ciò che ci sarà sul mercato in quel momento. Il prezzo si abbasserà, ma per ora l’obiettivo è affermare la leadership di Apple nel settore. 

 Apple

MHB: Restando un attimo in questo ambito, voi come vi ponete rispetto alla tecnologia Apple? 

EG: Al momento non proporremmo mai quel visore ad un cliente, perché non esiste un cliente con quell’esigenza specifica…

MHB: …beh anche perchè sul mercato proprio non esiste, non si può neppure pre-ordinarlo!

EG: …Effettivamente. La nostra strategia per ora è osservare il feedback che Apple riceverà per capire come deciderà di rispondere e migliorare il prodotto. Per ora non ha senso proporlo ai clienti per ragioni di marketing e strategia commerciale. 

Ma a nostro avviso il vero valore delle tecnologie immersive sta nel risolvere problemi specifici delle aziende, ottimizzandone i processi. Abbiamo applicazioni consolidate come la manutenzione assistita in AR e il training in VR, ma riceviamo anche molte richieste da aziende che hanno problematiche radicate nel loro settore che possono essere risolte tramite nuove tecnologie. 

Sviluppiamo software custom proprio con l’obiettivo di fornire valore e migliorare i processi aziendali, risolvendo gap che le imprese ritenevano irrisolvibili. È questo il nostro core business, più che vendere direttamente prodotti immersivi. 

L’industria ha compreso

MHB: Quali sono i segmenti di mercato cui vi rivolgete…anzi, quali sono i segmenti in cui questo tipo di tecnologie può essere applicato già oggi? 

EG: Guarda, l’industria ha già capito ed è l’industria stessa che ci chiama. 

Sono le aziende stesse a contattarci proponendo soluzioni ad hoc per risolvere problematiche specifiche che hanno individuato.

In altri casi ci chiedono direttamente cosa possono fare con realtà virtuale e aumentata per ottimizzare il loro business. Siamo molto sereni, è l’industria che ci cerca. 

MHB: Si, ma in termini di settori di mercato, è più una tecnologia interessante per uno che produce automobili, giusto per non fare nomi, piuttosto che un artigiano che fa un piccolo mobili, uno studio di architettura… o ? 

EG: Io direi un po’ tutti quelli che hai citato. E non solo. Ma ricordiamo che le tecnologie immersive custom richiedono investimenti significativi, ma devo dire che spesso questi sono ammortizzati attraverso finanziamenti agevolati e bandi, essendo progetti innovativi. 

Diciamo che non sono cifre alla portata delle microimprese, mentre le aziende medio-grandi (o grandi) hanno le risorse e ne traggono importanti vantaggi competitivi. 

Pensiamo a settori come la manutenzione assistita in realtà aumentata: Fa risparmiare tempo e costi. Una volta adottati questi sistemi, le aziende non tornano indietro perché comprendono l’impatto sull’ottimizzazione. 

Risparmiare risorse è l’obiettivo principale, e la realtà aumentata vi contribuisce in modo decisivo. L’industria medio-grande ha le risorse e trae i maggiori benefici da queste tecnologie innovative. 

Olivetti no more

MHB: Ultima domanda, guardiamo avanti. In generale, mi pare che l’Italia non sia più un vero attore dell’Hightech come era ai tempi di Olivetti (e non parlo solo della solita P101 ma anche dei mainframe Olivetti… forse l’Italia lo ha scordato ma quando il re era l’IBM 360/370 esisteva il Bunch, ma Olivetti aveva anticipato tutti con l’Elea. Quindi negli anni ‘60 del secolo scorso eravamo davanti a tutti. Ora non mi pare che in Italia qualcuno abbia sviluppato occhiali per AR/VR… o sbaglio? 

EG: Diciamo che noi operiamo in un settore che è molto particolare, nel senso che l’hardware ha dei costi di investimento mostruosi e che chiaramente in Italia nessuno ha i fondi per affrontare. Addirittura, un colosso come Meta che ha investito decine di miliardi, cioè l’equivalente di una manovra nostra per intenderci, ancora non ha portato a casa utili, quindi sta ancora investendo, non so se mi spiego; quindi, parliamo di cifre che in Italia non sono neanche pensabili. 

MHB: Un attimo, nel 1950 l’Italia era infinitamente più povera di oggi ma si sviluppava un mainframe sovrano, per usare un termine che piace oggi. E i costi non erano trascurabili. Perché non dovremmo osare provare di nuovo, questa volta nella IA o nella AR ?  

EG: Guarda ti devo raccontare una cosa. Qui nella mia città, che è Modena, c’è chi ci aveva provato qualche anno fa. 

C’era una start-up che si chiamava GlassUp che aveva provato proprio a produrre visori per la realtà aumentata. 

Qui a Modena! e chiaramente purtroppo ha chiuso i battenti perché o hai i fondi per fare una cosa del genere o i tuoi competitor si chiamano Samsung, si chiamano Meta, si chiamano Microsoft e quindi … per quanto riguarda l’hardware, in Italia non credo proprio che si farà mai. 

Per Il software invece è tutto un altro discorso. 

Attualmente utilizziamo algoritmi sviluppati da software house anche piccole, che spesso vengono poi acquisite dalle big se l’algoritmo è interessante. Queste innovazioni possono arrivare anche da noi, in Italia. 

Lato software le cose si stanno muovendo, chissà che una piccola azienda non riesca a crescere con le proprie gambe sviluppando algoritmi innovativi. Dobbiamo recuperare il coraggio di investire in ricerca che avevano realtà come Olivetti. 

 

MHB:   Ultima domanda, i clienti: i vostri clienti sono in Italia o ce n’è anche qualcuno all’estero? 

EG: Allora per ora sono in Italia però noi facciamo parte di un gruppo più grande che si chiama Smart4Engineering, gruppo francese e su questo stiamo cominciando a muoverci quindi presto saranno anche all’estero. 

MHB: Quindi Eurosystem fa parte di questa società francese? Ho capito giusto? 

EG: Sì esatto,  fa parte di questo fondo francese che ha varie sedi in tutta Europa e proprio grazie a loro stiamo cominciando a muoverci anche oltre confine. (M.H.B. per FM-World)

 

Best of Talkmedia, September 1-15 2023: Classic vs modern radio formats, old analogue mixers and… the marvellous “r” of madame Marchand

Every two weeks we summarize some of the most interesting posts (based on number of comments) that appeared in the first half of September on the italian Facebook group Talkmedia, the most important private group composed of professionals and emthusit of radio and the broadcasting sector in general.

The topics and comments were selected and elaborated by PeperoniAI and Claude from Anthropic, with fact checking (and some final thoughts) by M.H.B. promoted for the occasion to “AI caretaker“.


Radio Today by Gianfranco Campobasso

In a September 1st post. Gianfranco Campobasso harshly criticized modern radio, judging it negatively for its musical programming, style of broadcasting and lack of imagination compared to the past. This would be evident to everyone by listening today to some old recordings from stations like Studio 105, RMi and Deejay as well as early RTL 102.5

A first commenter replied, defending the author’s right to express himself, but disagreeing with his drastic judgments and saying he actually favoured today’s radio.

A second reader asked the author to explain his point of view better. The author sarcastically replied, inviting him to hold on tight to his modern “little radio”.

Note from the caretaker: Our AI tends to be politically correct and interprets this exchange in a way that in our personal and human opinion is surreal (or perhaps encrypted). Those interested can find it in the original post.

Subsequently, a third commenter urged people not to compare today’s radio with that of the past, which belongs to another era, and to appreciate modern radio for what it offers. The author of the post retorted, claiming he was unable to appreciate contemporary radio, which he felt was actually causing him health problems (gastritis).

Finally, a fourth reader advised the author to not follow groups that talk about modern radio, since he doesn’t seem to appreciate it. With a joking, stinging tone, the author replied that he had no intention of depriving himself of the pleasure of criticizing contemporary radio operators.

Vintage Radio Equipment

By Enrico Bonisolo

In a late August post, Enrico Bonisolo shared a photo of an old six-channel Amtron UK718 mixer, recalling its use in early free radio stations in the 70s.

A first commenter recalled having purchased a similar one in 1978 for a local station, pairing it with other gear from that period. The two nostalgically recalled early experimentation with pirate radio at the time.

A second reader explained some technical characteristics of that model, underlining the limitations of the equipment used by early independent stations. He recounted having used it for a few months before moving on to more advanced technologies.

A third commenter mentioned a historic electronics magazine, asking if anyone had built a particular accessory (a stereo encoder) published in it. A fourth reader clarified that the designer of that accessory was a ham radio enthusiast, not a CB operator, as previously erroneously stated.

There followed other comments where users shared personal memories from that pioneering era of radio, between vintage transmitters, homemade antennas and experiences with brands and magazines of the time.

Capital News

One of the most discussed topics is the “eternally renovating” Capital radio. Both Nicola Franceschini’s September 3rd post and Simone Mercurio’s post sparked countless comments.

A first commenter defined the station as “ruined”, eliciting a reply from another asking in what sense it was ruined, and wishing the station long life.

Others intervened to express criticism, such as the excessive duration of some programs or the presence of unappreciated hosts. Some have switched to listening to a competing station.

But there were also voices of appreciation: some called it the best radio in Italy for music quality and professional broadcasting. One comment praised the presence of music programs with free playlists full of gems.

One user wondered why critics think radio has to necessarily chase audience, without enhancing possible alternative offerings, thus risking becoming mainstream pop.

A comment absolutely shared by the AI ​​caretaker, who decided to add something of his own:

Finally another listener suggested that some hosts should expand the musical genres chosen and avoid excessive – and dangerous – niches.

Myriam

Finally, much support for Alessandro Cerreoni’s post about Myriam Fecchi, defined as “a super woman who was a DJ, worked at major radio stations, hosted successful TV shows and helped launch prominent artists like Mike Francis and Double Dee. She was the first to bring dance music to television with “Mio Capitano”.

A first commenter recounted having listened to her as a child in the 80s and having felt a strong emotion upon finding her on the radio thirty years later.

Others recalled when the host had a cassette music program in the 80s, sharing anecdotes from that pioneering era of radio. One user proposed digitizing and sharing online an old episode with an interview, to let fans re-listen to that vintage period.

Other historical radio hosts she had worked with were remembered with nostalgia from the beginnings of her career in the 70s, when she took her first steps with great vocal talent despite her young age.

Numerous comments praised her professionalism and unmistakable voice, emblematic of a high quality radio that today tends to be missed. Some also hoped for her return to certain radio contexts to enrich programming with her experience and class.


Someone praising her soft r was answered in the first person by a kind of legend of Monegasque-Italian radio, Barbara Marchand.

Her words “Soft r? There is only one with the real soft r!!!

Final Thoughts from the AI

– The comparison between modern and vintage radio “excites enthusiasts”, but also generates heated controversy between those nostalgic for the past and supporters of the present. Perhaps a little more mutual openness would benefit the debate.

– Radio technology has taken giant steps in recent decades, even if the pioneers of the free radio era retain an affectionate memory of the first homemade equipment.

Programs and hosts like Myriam Fecchi remain a point of reference for entire generations of listeners, emblematic of a quality radio that today tends to be idealized.

– Generalist stations often have to balance ratings and alternative offerings, risking dissatisfying purists but aiming to broaden their audience.

– In short, radio remains a medium that arouses passions and emotions, between romantic memories of the past and a critical eye on the present. Perhaps greater mutual openness and understanding between “factions” would benefit the debate.

Final Thoughts from the Caretaker

One thing stands out. Almost everywhere, in nearly every post, someone mentions old radio format and styles from last century, speaking of it as something preferable and now irretrievably lost.

It is very rare to read someone shifting the conversation to the future, imagining scenarios or proposing innovations. Paradoxically, one of the few members of Talkmedia who does this (even if not in these specific posts) actually comes from the state broadcaster, RAI, which has a much longer history compared to private radio. An ironic situation, considering how cutting edge the private stations seemed compared to the state channels back in the 70s (Peperoni AI, Claude by Anthropic and the caretaker for FM-World)

Il “meglio” di Talkmedia: la radio di ieri e oggi a confronto nel gruppo di FM-world

Come ogni 15 giorni, riassumiamo in questo articolo alcuni dei post di maggior interesse (in base al numero di commenti) apparsi nella prima metà di settembre sul gruppo Facebook Talkmedia.

Gli argomenti e il riassunto sono stati selezionati ed elaborati da PeperoniAI Claude di Anthropic, con fact checking (e qualche considerazione finale)  a cura di M.H.B… promosso per l’occasione a “badante della IA“.


La radio di oggi Di Gianfranco Campobasso

In un post datato 1 settembre. Gianfranco Campobasso ha criticato duramente la radio moderna, giudicandola negativamente per la programmazione musicale, lo stile di conduzione e la mancanza di fantasia rispetto al passato. Questo risulterebbe a tutti evidente riascoltando oggi alcune vecchie registrazioni di emittenti quali Studio 105, RMI e Deejay e anche la prima RTL 102.5

Un primo commentatore ha replicato difendendo il diritto di espressione dell’autore del post, ma dissentendo dai suoi giudizi drastici e dicendosi invece favorevole alle radio odierne.

Un secondo lettore ha chiesto all’autore del post di spiegare meglio il suo punto di vista. L’autore gli ha risposto in tono sarcastico, invitandolo a tenersi stretta la sua “radiolina” moderna.

Nota del badante: la nostra IA tende ad essere politically correct e interpreta in questo modo uno scambio che a nostro personale e umano avviso ha del surreale (o forse è criptato). Chi è interessato può trovarlo nel post originale.

Successivamente, un terzo commentatore ha esortato a non fare paragoni tra la radio di oggi e quella del passato, che appartiene a un’altra epoca, e ad apprezzare la radio moderna per quello che offre. L’autore del post ha ribattuto sostenendo di non riuscire ad apprezzare la radio contemporanea, che ritiene gli provochi addirittura problemi di salute (gastrite).

Infine, un quarto lettore ha consigliato all’autore di non seguire gruppi che parlano della radio moderna, visto che non sembra apprezzarla. Con tono scherzoso e pungente, l’autore ha replicato che non intende privarsi del piacere di criticare gli operatori radiofonici contemporanei.

Apparati radiofonici vintage

Di Enrico Bonisolo

In un post fine agosto, Enrico Bonisolo ha condiviso la foto di un vecchio mixer a sei ingressi Amtron UK718, ricordando il suo utilizzo nelle prime radio libere negli anni ’70.

Un primo commentatore ha ricordato di averne acquistato uno simile nel 1978 per una radio locale, abbinandolo ad altri apparecchi di quel periodo. I due hanno rievocato con nostalgia le prime sperimentazioni nelle radio pirata dell’epoca.

Un secondo lettore ha spiegato alcune caratteristiche tecniche di quel modello, sottolineando i limiti delle apparecchiature in dotazione alle prime emittenti libere. Ha raccontato di averlo usato per pochi mesi prima di passare a tecnologie più avanzate.

Un terzo commentatore ha nominato una storica rivista di elettronica, chiedendo se qualcuno avesse costruito un particolare accessorio (un encoder stereo) pubblicato al suo interno. Un quarto lettore ha precisato che l’ideatore di quell’accessorio era un appassionato radioamatore, non un CB, come erroneamente affermato in precedenza.

Sono seguiti altri interventi in cui gli utenti condividevano ricordi personali di quel periodo pionieristico della radiofonia, tra vintage transmitter, antenne artigianali ed esperienze con marchi e riviste dell’epoca.

Notizie Capitali

Uno degli argomenti più commentati è la “eternamente in fase di rinnovamento” Radio Capital.  Sia il post di Nicola Franceschini del 3 settembre che quello di Simone Mercurio hanno dato vita a innumerevoli commenti.

Un primo commentatore ha definito la radio “rovinata”, suscitando la replica di un altro che ha chiesto in che senso fosse rovinata, augurando lunga vita alla radio.

Altri sono intervenuti per esprimere critiche, come l’eccessiva durata di alcuni programmi o la presenza di conduttori poco apprezzati. C’è chi è passato ad ascoltare un’altra emittente concorrente.

Non sono mancate però anche voci di apprezzamento: c’è chi ha definito quella radio la migliore in Italia per qualità della musica e professionalità dei conduttori. Un commento ha elogiato la presenza di programmi musicali con scaletta libera e pieni di chicche.

Un utente si è chiesto perché chi critica pensi che la radio debba per forza inseguire l’audience, senza valorizzare una possibile offerta alternativa, rischiando così l’appiattimento sul nazional-popolare.

Un commento assolutamente condiviso dal badante della IA, che ha deciso di aggiungere qualcosa di suo:

Infine in altro ascoltatore ha suggerito che alcuni conduttori dovrebbero ampliare i generi musicali scelti ed evitare eccessive – e pericolose – nicchie.

Myriam

Infine, molto consenso per il post di Alessandro Cerreoni su Myriam Fecchi, definita “una super donna che ha fatto la dj”, ha lavorato in radio importanti, ha presentato in tv programmi di successo e ha contribuito a lanciare artisti di rilievo come Mike Francis e Double Dee. E’ stata la prima a portare la dance in televisione con “Mio Capitano”

Un primo commentatore ha raccontato di averla ascoltata da bambino negli anni ’80 e di aver provato una forte emozione nel ritrovarla in radio trent’anni dopo.

Altri hanno rievocato quando la conduttrice aveva un programma su musicassetta negli anni ’80, condividendo aneddoti di quell’epoca pionieristica della radiofonia. Un utente ha proposto di digitalizzare e condividere online una vecchia puntata con intervista, per far riascoltare ai fan quel periodo vintage.

Sono stati ricordati con nostalgia anche altri storici conduttori radiofonici con cui aveva lavorato all’inizio della sua carriera negli anni ’70, quando muoveva i primi passi con grande talento vocale nonostante la giovane età.

Numerosi commenti ne hanno elogiato la professionalità e l’inconfondibile voce, emblema di una radio di alta qualità che oggi si tende a rimpiangere. C’è anche chi ne ha auspicato un ritorno in determinati contesti radiofonici per arricchire la programmazione con la sua esperienza e classe.


A chi ne elogiava la erre moscia ha risposto in prima persona una specie di mito della radiofonia monegasco-italiana, Barbara Marchand.
Le sue parole “Erre moscia? Ce n’è una sola con la vera erre moscia!!!!

Considerazioni finali da parte della IA

– Il confronto tra radio moderna e vintage “appassiona gli appassionati”,  ma genera anche accese polemiche tra nostalgici del passato e sostenitori del presente. Forse un po’ più di apertura reciprocale gioverebbe al dibattito.

– La tecnologia radiofonica ha fatto passi da gigante negli ultimi decenni, anche se i pionieri dell’epoca delle radio libere mantengono un ricordo affettuoso delle prime apparecchiature artigianali.

Programmi e conduttori storici come Myriam Fecchi rimangono un punto di riferimento per intere generazioni di ascoltatori, emblema di una radio di qualità che oggi si tende a idealizzare.

– Le radio generaliste devono spesso bilanciare ascolti e proposta alternativa, rischiando di scontentare i puristi puntando però ad allargare il bacino di utenza.

– In definitiva, la radio rimane un mezzo che suscita passioni ed emozioni, tra ricordi romantici del passato e sguardo critico sul presente. Forse una maggiore apertura e comprensione reciproca tra “fazioni” gioverebbe al dibattito.

Considerazioni finali da parte del badante

C’è una cosa salta all’occhio e impressiona. Ovunque, in quasi tutti i post, qualcuno cita la vecchia radio, quella del secolo scorso, parlandone come di un qualcosa di preferibile e ormai irrimediabilmente perso. È rarissimo leggere qualcuno che sposta il discorso sul futuro, immagina scenari o propone novità. Per assurdo uno dei pochi membri di Talkmedia che lo fa (anche se non in questi specifici post) viene addirittura dall’ente di stato, quella RAI che ha una storia ben più lunga rispetto a quella delle radio private. Una situazione ironica, ripensando a quanto negli anni ’70 le radio private sembravano avanti rispetto ai canali di stato. (Peperoni AI, Claude by Anthropic e il badante per FM-World)

 

Parte la nuova stagione di Giornale Radio: intervista all’editore Domenico Zambarelli

Domenico Zambarelli (Giornale Radio) – Al direttore responsabile e al direttore editoriale, confermati, si affianca una nuova vice-direttore: si tratta di Manuela Donghi, responsabile anche dell’area economia.

Informazioni in diretta già dalle 6 con Daniele Biacchessi. “Football Club” di Lapo de Carlo si occuperà anche di pallacanestro, rugby e motori e non solo di calcio. Tante ore di diretta ma anche tutti i contenuti on-demand, ispirati anche da RaiPlay Sound. Il sistema incaricato di raccogliere i dati di ascolto non ci ha certo agevolato.

Giornale Radio continua a crescere

Il giorno 8 settembre 2023 si è tenuta a Recco la presentazione del nuovo palinsesto di Giornale Radio, che con una grande quantità di ore di programmazione in diretta si pone ormai come serio concorrente a Radio 1 e Radio 24. 

Seguiamo come ascoltatori questa emittente fino dall’inizio, quando era di fatto un assemblaggio di programmi pre-registrati: possiamo con certezza affermare che la qualità, oltre che la quantità di programmi è andata costantemente migliorando, così come lo spettro degli argomenti affrontati: unica nota negativa, la presenza di pochissime voci femminili nell’elenco dei conduttori. 

Ne abbiamo parlato con il fondatore dell’emittente, Domenico Zambarelli, che ci ha però svelato un fatto che in qualche modo riequilibra la situazione anche sotto questo aspetto.
La registrazione originale dell’intervista è disponibile qui.
 

L’intervista

Ecco quanto ci ha raccontato l’editore: 

Daniele Biacchessi resta direttore editoriale della testata e Massimo Lualdi direttore responsabile, ma quest’anno abbiamo una nuova vice direttore: si tratta di Manuela Donghi, già incaricata dei programmi di economia di Giornale Radio. Un’importante qualifica per una delle donne del nostro staff.

Marco Hugo Barsotti: Quali sono i punti di forza e gli obiettivi di Giornale Radio con il nuovo palinsesto?

Domenico Zambarelli: Innanzitutto, allargare la possibilità di seguire informazioni in diretta già dalle sei del mattino con Daniele Biacchessi che realizza il timone – questo è il nome del programma – fornendo di primo mattino interviste, servizi con la narrazione dei fatti che sono appena avvenuti e dando uno sguardo agli eventi più importanti che verranno.

Luca Telese è stato riconfermato, come anche Vicky Mangone. Manuela Donghi seguirà sempre l’economia dalle 11 alle 13, mentre Lapo de Carlo sviluppa lo sport con “Football Club” che però, a differenza dell’edizione precedente, riporterà appuntamenti anche con gli sport minori, quindi con anche il calcio di serie B e serie C e con inserti su quelle che sono la pallacanestro, il tennis, i motori, la pallanuoto e il rugby.  

Quindi un allargamento dello sport con varie declinazioni. 

Italia all’estero

Dalle 17 alle 18 abbiamo Paolo Sergio con “Via Con Me”, un racconto dell’Italia all’estero, degli italiani all’estero. Un programma che si farà forza degli interventi da parte degli ascoltatori e da parte dei tassisti. 

Si, dei tassisti: abbiamo puntato ai tassisti, chiedendo loro di raccontare la vita che gira anche tra le persone che ogni giorno lavorano sul territorio e lavorano da italiani sul territorio estero.  


Una novità importante a cui abbiamo lavorato da tempo, è quello del programma “ZTL” che è interpretato, perché proprio sarà un’interpretazione, da parte di Francesco Borgonovo, che debutta con questo programma come titolare di un appuntamento in drive time. 

Un appuntamento importante: è in onda nella fascia 18-20, dove i nostri competitor hanno alcuni programmi particolarmente forti, ma anche molto differenti. 

Abbiamo anche un importante punto di osservazione della politica all’interno dei palazzi del governo: Marco Trombetta è stato accreditato e avrà anche altri collaboratori all’interno del parlamento con una nostra postazione dedicata, che ci permetterà anche effettuare interviste esclusive – come peraltro sta già avvedendo ad esempio con Taiani.

Confermatissimo infine Il Punto G condotto da Giuliano Guida Bardi (in onda ogni domenica dalle 9 alle 11) e il programma di Luigi Crespi, che cambia nome e diventa “Comizi d’amore”, in onda sabato dalle 13 alle 15.

Lineare e on Demand

L’obiettivo è fornire un programma in diretta di prima qualità, ma anche dare a tutti la possibilità di accedere ai nostri contenuti on-demand, dove ci siamo in parte ispirati anche all’importante esempio di RaiPlay Sound.  

In definitiva siamo un’azienda pronta a competere con un sistema complesso, una grande sfida in un mercato dove il sistema incaricato di raccogliere i dati di ascolto certamente non ha agevolato, o vuole agevolare Giornale Radio. (M.H.B. per FM-World)

FM-World editor’s Choice, the radio of the week: From Greece Zuccaradio, a tribute to bar Zucca in Milan, Italy

A Greek radio station named after a prestigious and historic bar in Milan. A DJ from Thessaloniki who selects also Italian music based on tastes developed after meeting Gino Paoli. A web radio that survives thanks to pay channels costing 450 euros per year. All this is Zuccaradio, our proposal of the week, which we discussed with the founder Yannis Mitsokapas

Our suggestion of the week

During the month of August a participant in the Talkmedia group wished that the FM-World aggregator would propose some “suggested” radios, given the difficulty in independently discovering the most interesting stations among the many radios available.

Here we are, we thought of inaugurating the series of articles “The proposal of the week”, also open to readers’ suggestions (to be sent to [email protected]). The proposed stations will also be highlighted on the FM-World app, on the station group “Talkmedia”:


We begin today with the Greek Zuccaradio, interesting both for the playlist which we believe is decidedly engaging and for the free + pay model that is proposed. The founder/publisher of the station (Yannis Mitsokapas) was also kind enough to answer some of our questions.

Zuccaradio

We discovered the station this summer as it was the soundtrack of the Bazaar Beach Club beach in Neo Pirgos. We immediately appreciated the unusual (and fascinating) musical selection, even if we struggled to understand the name of the station, both because the jingles are really rare and because they seemed to be saying “socca” radio. Socca is obviously a kind of typical Nice flatbread, but here we were in Greece and in fact the name was not that. Armed with a little patience and browsing the “Radio World” section of our favorite aggregator we finally discovered the real name: Zucca Radio, like the Zucca Bar in Milan

Playlist and Freemium model

The music, declared to be of the Bossa Nova, Pop and Swing genres, is in our personal opinion fascinating, with a mix of international classics (often lounge-style covers), quality Italian or French music and much more.

But perhaps even more interesting is the fact that, in addition to the free channel, the radio offers numerous vertical channels (Aperitif, House, Lobby, etc.) each costing 50 euros/month or 450 euros/year.

Homage to the Zucca Bar

The Zucca bar, in the Galleria in Milan, has had a prestigious history dating back to 1867, when Gaspare, the founder of Campari, decided to open the venue under his residence (which – lucky him – happened to be vaguely in the center of the Lombard capital).

Over the years it has often alternated its name (from Camparino to Zucca in Galleria and vice versa). And it is the name Zucca that strikes the imagination of the young Yannis, so much so that he decides to open one of his own, directly on the seafront in Thessaloniki.

The interview

Marco Hugo Barsotti: Introduce yourself

Yannis Mitsokapas: My name is Yannis, I was born here in Greece (Thessaloniki) in 1968. I have two daughters (25 and 26 years old) and since the age of 14 I have been a professional DJ. I named my radio Zucca in honor of a very famous bar located in Milan. After meeting the owner, I obtained permission to use the name for my bar here in Greece, in 2005. In 2018 I moved to Athens, but I kept the name and that’s when ZuccaRadio started.

Since I was a child I listened to my father’s vinyl records, especially Italian songs. In 1985 I went to Florence to study the language and I was fortunate to meet Gino Paoli.

One song, one story

MHB: How do you choose your music?

YM: Well, every song tells us something, brings back memories, images, people. Every happy or sad moment is connected to a song. This is the music I broadcast. You can’t describe it in words. You can only feel it.

MHB: Who are your listeners, and where are they located?

YM: Zucca Radio has listeners and subscribers from all over Europe, USA, Australia and even the Emirates. Hotels, bars and restaurants, various companies, shipping companies, law firms and many individuals are some of our listeners.

Earning money with a WebRadio?

MHB: In a world where very few make money, that of Web Radios, you offer channels at 450 euros/year. Does it work?

YM: Zucca Radio started with the free stream in 2018. All the music I had, not just the classic songs… I wanted it to be heard.

The free stream has no ads, just the Zucca signal. To be able to continue to exist (the cost is quite high) during the lockdown I created the pay streams (Classico, Aperitivo, Instrumental, Cosmopolitan, House, Classico+GR and a Live Set).

Each pay channel has a specific style, better audio resolution and no interruption.

Zucca Radio and Zucca Premium are not playlists. They are based on specific choices and numerical algorithms created by me. Every day you hear something different and every day the tracks are renewed.

DJ Set at Camparino

MHB: Plans for the future?

YM: I would like to create an album with remakes of my 12 favorite Greek songs made by the most inspired Greek composers. And bring Zuccaradio to the US (because the programming is adapted to the time of day and the time zone difference is a problem).

But my wish is to play at “Zucca” in Milan…”

M.H.B. We will make sure to let Campari Group know.

Zuccaradio is available on the FM-World aggregator and on fmworld.com (M.H.B. for FM-World)